Sanità

Desametasone, tutti gli effetti anti Covid-19

di

covid mondo

Un corticosteroide economico e ampiamente disponibile, il desametasone, migliora significativamente la prognosi dei pazienti più gravemente affetti da Covid-19, scrive Le Monde.

 

Un corticosteroide economico e ampiamente disponibile, il desametasone, migliora significativamente la prognosi dei pazienti più gravemente affetti da Covid-19, scrive Le Monde. Secondo i risultati preliminari dello studio clinico British Recovery, resi pubblici martedì 16 giugno, questo trattamento ridurrebbe di un terzo la mortalità dei pazienti sottoposti ad assistenza respiratoria meccanica e di un quinto in quelli che ricevono solo ossigeno.

Queste proporzioni, relative ai tassi di mortalità osservati nei pazienti sottoposti a terapia standard, significano che con questo trattamento si eviterebbe un decesso ogni otto pazienti sottoposti a ventilatori e un decesso ogni venticinque pazienti sottoposti a ossigeno.

Se fosse stato prescritto a tutti i pazienti ricoverati per il Covid-19 dall’inizio dell’epidemia, secondo la BBC, sarebbero state salvate 5.000 vite nel Regno Unito, che finora ha subito quasi 42.000 morti. Il governo del Regno Unito metterà immediatamente a disposizione dei pazienti interessati questo trattamento ad un costo stimato dell’equivalente di 60 euro.

Il desametasone è utilizzato in una grande varietà di condizioni, comprese quelle di origine infiammatoria o autoimmune. È stato incluso nella prova di recupero a marzo insieme ad altri cinque trattamenti: lopinavir-ritonavir, idrossiclorochina, azitromicina, tocilizumab e plasma convalescente. I sostenitori speravano che le proprietà antinfiammatorie e immunoregolatorie del desametasone potessero essere utili nelle fasi di peggioramento della malattia, segnate da una “tempesta immunitaria” in cui le difese dell’organismo si rivolgono incontrollabilmente contro di essa.

“VANTAGGIO SIGNIFICATIVO”

Infatti, un “beneficio significativo” è stato riscontrato nei 2.104 pazienti dello studio Recupero che sono stati assegnati in modo casuale a questo trattamento, rispetto a più di 4.300 pazienti che hanno ricevuto solo cure standard. Il beneficio è stato quindi più pronunciato in quelli sui ventilatori (mortalità ridotta di un terzo) e poi in quelli che ricevono ossigeno (ridotto di un quinto). Al contrario, la mortalità non è cambiata in modo significativo nei pazienti che non hanno richiesto assistenza respiratoria (13% di mortalità nel gruppo di controllo).

Secondo Peter Horby, professore di malattie infettive emergenti all’Università di Oxford e uno degli investigatori principali dello studio, “il desametasone è il primo farmaco che ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza” in caso di infezione. Questa è infatti la prima volta che un grande studio clinico “randomizzato” ha mostrato un effetto netto di un farmaco sulla mortalità legata al Covid-19.

risultati preliminari per Remdesivir commercializzato da Gilead avevano mostrato una riduzione dei tempi di ospedalizzazione, ma nessun cambiamento significativo nella mortalità. In Francia sono stati presentati risultati preliminari incoraggianti sul farmaco antinfiammatorio tocilizumab, mentre il corrispondente studio clinico di Corimuno non è stato ancora completato, per cui le conclusioni in merito non sono ancora note.

“L’IDROSSICLOROCHINA NON HA EFFETTI BENEFICI”

Per quanto riguarda l’idrossiclorochina, il processo di recupero ha già preso una decisione: il 5 giugno, i suoi funzionari hanno annunciato di aver “concluso che l’idrossiclorochina non ha alcun effetto benefico sui pazienti ricoverati con Covid-19”.

Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha annunciato il 15 giugno che ritirava l’autorizzazione a trattare il Covid-19 perché “è improbabile che sia efficace” e a causa di “gravi effetti collaterali”. I promotori del trattamento raccomandato in Francia da Didier Raoult sostengono che dovrebbe essere somministrato il più presto possibile dopo la diagnosi, in combinazione con l’azitromicina.

Per quanto riguarda il desametasone, Peter Horby sottolinea che “il beneficio in termini di sopravvivenza è chiaro e significativo nei pazienti che sono abbastanza malati da richiedere un trattamento con ossigeno, quindi dovrebbe ora diventare lo standard di cura per questi pazienti. Il desametasone è economico, da banco, e può essere utilizzato immediatamente per salvare vite umane in tutto il mondo.”

“È molto bello avere questi risultati”, dice il capo del reparto malattie infettive dell’ospedale Bichat di Parigi. In Francia, alcuni dipartimenti utilizzavano già questa molecola in Covid-19 nella pratica comune per combattere la fase infiammatoria della malattia. Il recupero conferma che il beneficio è maggiore per i pazienti ventilati in terapia intensiva. »

I medici stanno discutendo il miglior dosaggio e la tempistica del desametasone perché i corticosteroidi sono noti anche per promuovere la moltiplicazione del virus. “Vorremmo ricevere presto un articolo scientifico da Recovery per saperne di più”, dice il medico. I ricercatori britannici sono impegnati in questo.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati