Salute e ricerca

Come ha funzionato la campagna di vaccinazione in Israele. Studio Nature

di

israele

Con l’85% degli over 60 vaccinati, Israele ha registrato un calo del 77% dei casi Covid. Studio Nature su Medical Facts

 

Poco più di due mesi dopo l’inizio della campagna di vaccinazione in Israele, con l’85% degli individui di età superiore ai 60 anni già vaccinati con due dosi (24 febbraio 2021), c’è stato un calo del 77% circa dei casi, un calo del 45% della percentuale di test positivi, un calo del 68% dei ricoveri e un calo del 67% dei ricoveri gravi rispetto ai valori di picco.

Lo ha rilevato uno studio pubblicato sulla rivista scientifica statunitense Nature il 19 aprile, condotto da un gruppo di ricercatori israeliani, Eran Segal, Uri Shalit, Malka Gorfine, Tomer Meir, Smadar Shilo e Hagai Rossman, che ha dimostrato “il reale effetto di una campagna di vaccinazione nazionale sulla dinamica della pandemia” attraverso un’analisi retrospettiva dei dati del Ministero della Salute israeliano, raccolti tra il 28 agosto 2020 e il 24 febbraio 2021.

“Abbiamo studiato – hanno spiegato i ricercatori – la dinamica temporale del numero di nuovi casi di Covid-19 e dei ricoveri dopo la campagna di vaccinazione, iniziata il 20 dicembre 2020”. Ciò che hanno rilevato gli studiosi, è stata una diminuzione maggiore e più precoce sia di casi che dell’ospedalizzazione, tra gli individui over 60, seguita da gruppi di età più giovani, secondo l’ordine di priorità della vaccinazione.

Anche se molti altri fattori oltre ai vaccini potrebbero aver influenzato questi risultati, viene spiegato nell’approfondimento, diverse osservazioni suggeriscono che questi modelli sono probabilmente guidati, in misura considerevole, dai vaccini.

In primo luogo, la diminuzione “è maggiore negli individui di 60 anni e più anziani che hanno avuto la priorità di vaccinazione”, con cali consecutivi osservati nei gruppi di età più giovani più tardi, secondo l’ordine di somministrazione. Inoltre, il calo si è verificato “solo dopo che più del 50% della popolazione in un dato gruppo di età era stata vaccinata con la prima dose o era guarita”. In secondo luogo, un maggiore effetto è stato registrato nelle città e nelle aree in cui è stata vaccinata prima una grande quota di individui.

Infine, “non abbiamo osservato un modello simile di un declino maggiore e più rapido dei casi e dei ricoveri negli individui più anziani durante il precedente blocco attuato in Israele (tra il 18 settembre 2020 e il 18 ottobre 2020), in cui tutte le misure cliniche hanno avuto dinamiche simili in tutti i gruppi di età”.

(Articolo pubblicato su Medical Facts, qui la versione integrale)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati