skip to Main Content

Chi è l’uomo d’affari russo sotto processo negli Usa per insider trading su Tesla e non solo

Tesla

Il caso Vladislav Klyushin. L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

L’uomo d’affari russo Vladislav Klyushin è apparso in un tribunale americano lunedì scorso per rispondere alle accuse di frode e insider trading.

Vladislav Klyushin, CEO della società russa di sicurezza informatica MT-13, è accusato di frode, insider trading e intrusione illegale nei sistemi informatici.

Le autorità statunitensi lo sospettano di aver hackerato i server di due società che aiutano i grandi gruppi quotati a trasmettere determinate forme finanziarie alle autorità.

L’uomo d’affari russo e quattro dei suoi partner sarebbero riusciti a mettere le mani sui risultati finanziari di diversi grandi nomi di Wall Street, come Tesla o Snap (creatore del social network Snapchat) prima che fossero resi pubblici. Abbastanza per effettuare, tra il 2018 e il 2020, una serie di insider trading che avrebbero permesso loro di guadagnare quasi 83 milioni di dollari in borsa, secondo l’FBI.

Tuttavia per le autorità americane questo uomo d’affari non è semplicemente un truffatore, ma grazie ai suoi contatti elevati con i gruppi di potere del Cremlino potrebbe essere utilissimo per le agenzie di intelligence americana avere informazioni sulle strategie di guerra cibernetica poste in essere dalla federazione russa ai danni degli Stati Uniti.

Questo uomo d’affari è, infatti, molto ben introdotto nei circoli del potere russo. È presumibilmente vicino ad Alexei Gromov, un consigliere di Vladimir Putin descritto come il creatore della macchina propagandistica russa.

MT-13, la società di Vladislav Klyushin, ha concluso contratti redditizi con il Cremlino, l’ufficio del procuratore generale, l’FSB (una delle principali agenzie di intelligence russe), la città di Mosca e la Guardia Nazionale.

Questo gruppo di sicurezza IT fornisce servizi molto specifici come i test di penetrazione dei server dei computer – che sono esercizi per verificare se un sistema informatico presenta vulnerabilità – e simulazioni di attacchi informatici su larga scala.

MT-13 ha anche sviluppato il software Katyusha, utilizzato dal 2016 dal governo russo per monitorare i media.

Vladislav Klyushin è anche personalmente sospettato di essere l’amministratore di Nesygar, uno dei canali di informazione di lingua russa più popolari sulla messaggistica Telegram (più di 330.000 abbonati).

Un legame che l’uomo d’affari ha sempre negato vigorosamente, arrivando al punto di condannare il sito investigativo Proekt, che nel 2018 è stato il primo a suggerire che Vladislav Klyushin stesse usando Nesygar per diffondere propaganda pro-Putin su Telegram.

Il capo MT-13 è stato arrestato in Svizzera nel marzo 2021, su richiesta degli americani, appena due ore dopo il suo arrivo sul territorio svizzero, dove prevedeva di trascorrere due settimane a sciare con sua moglie e cinque figli.

Pochi giorni dopo, Mosca ha inviato alle autorità svizzere una richiesta di estradizione assicurando che Vladislav Klyushin fosse accusato di “frode” in Russia. “Un metodo usato sempre più spesso dai russi negli ultimi anni, quando i grandi cittadini vengono perseguiti all’estero”, dice Bloomberg. Poi è iniziata una battaglia diplomatica tra Russia, Stati Uniti e Svizzera intorno al destino di Vladislav Klyushin. La questione della sua estradizione sarebbe stata persino all’ordine del giorno dei negoziati al vertice di Ginevra del giugno 2021 tra Vladimir Putin e il suo omologo americano Joe Biden.

Infine, le autorità svizzere hanno consegnato il prezioso prigioniero russo agli americani il 18 dicembre 2021.

Questa procedura da parte americana – come da parte di qualsiasi altra nazione – di servirsi di truffatori o terroristi per colpire il proprio nemico accertati è una pratica usuale, come dimostra il fatto che non pochi ex hacker abbiano poi deciso di lavorare per la CIA o per l’NSA e come dimostra in fatto che le informazioni di Klyushin potrebbero essere utili all’Agenzia per la sicurezza informatica degli Stati Uniti, come dichiarato dall’ex direttore della Agenzia Christopher Krebs intervistato dalla CNN.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore