skip to Main Content

Perché i lobbisti Usa hanno scaricato Haftar in Libia

Haftar

Il contratto di lobbying firmato a fine agosto tra Khalifa Haftar e lo studio di Lanny J. Davis, ex consigliere di Bill Clinton, è durato poco. L’articolo di Giuseppe Gagliano

Il contratto di lobbying firmato a fine agosto tra Khalifa Haftar e lo studio di Lanny J. Davis, ex consigliere di Bill Clinton, e quello dell’ex deputato repubblicano Bob Livingston è durato poco. È stato sospeso il 30 settembre. Questo perché queste due figure della lobby di Washington erano sottoposte a forti pressioni per rinunciare al contratto. Del valore di circa 1 milione di euro, è stato istituito per organizzare la visita negli Stati Uniti, ufficialmente prevista per il 24 settembre, del comandante dell’Esercito nazionale libico (Lna), ora candidato alle elezioni presidenziali libiche.
La Legge sulla stabilizzazione della Libia, approvata dalla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti il 28 settembre, ha visto il suo approccio riguardante Khalifa Haftar significativamente attenuato rispetto alle versioni originali del disegno di legge. Tuttavia, il testo finale includeva sanzioni sui rapporti tra l’LNA e il regime siriano di Bashar al-Assad. La Libyan American Alliance (LAA), presieduta da Esam Omeish, è stata direttamente coinvolta nella stesura del disegno di legge e ha presentato una bozza nel dicembre 2019 a Capitol Hill. La LAA ha anche sostenuto il rappresentante democratico Tom Malinowski, che è uno dei suoi sponsor.
Ancora più imbarazzante per i sostenitori di Haftar è stato che il 1° ottobre sono stati aggiunti due emendamenti al disegno di legge sul finanziamento del bilancio della difesa 2022 che riguardano direttamente la Libia. La prima chiede al Dipartimento di Stato di indagare su crimini di guerra e torture commessi da cittadini americani in Libia. Infatti Khalifa Haftar è cittadino statunitense e per queste accuse è perseguita in un tribunale della Virginia. Il secondo emendamento invita il presidente Joe Biden a riesaminare le accuse di violazione dell’embargo sulle armi contro la Libia.
Queste clausole sono state fortemente sostenute dai lobbisti anti-Haftar a Washington. L’ex diplomatico bosniaco Sasha Toperich, che ha unito le forze con Tripoli ha scritto un brillante articolo su di loro su The Hill, scritto insieme a Debra Cagan, ex funzionario del Dipartimento di Stato e Difesa. Entrambi sono membri del think tank Transatlantic Leadership Network.
Oltre a questo assalto legislativo, anche Emadeddin Muntasser è stato molto proattivo. Coinvolto anche nel compito di intentare un’azione legale contro Haftar ha scritto a Davis e Livingston a metà settembre, tramite la Democracy and Human Rights Foundation, che presiede.
Tutto questo potrebbe essere stato sufficiente ai due lobbisti per gettare la spugna. Tuttavia, alcuni elementi del contratto erano già piuttosto insoliti. Oltre alle loro società Livingston Group (che aveva già lavorato per la Libia durante l’era Gheddafi) e Lanny J. Davis & Associates, nell’accordo sono comparsi due subappaltatori: Rawlings International Advisory Group e Intrepid Investment Services Internazionale. Il loro ruolo era quello di fungere da collegamento tra le società di lobbying e il cliente, Haftar, nonché di assistere nella preparazione della visita del candidato negli Stati Uniti.
Rawlings è guidato e rappresentato da Michael D. Laba, che ha lavorato per il Dipartimento della Difesa e poi è passato alla consulenza, anche con Alvarez & Marsal a New York e Dubai.
Per quanto riguarda Intrepid Investment Services, è una società di consulenza sugli investimenti gestita da Samuel Omwenga, un ex avvocato specializzato in immigrazione che è stato radiato dall’albo dai suoi colleghi professionisti nel 2013. Da allora è vicepresidente di Diaspora Capital Group e scrive regolarmente sulle pagine di Kenyan.
Nonostante il crollo prematuro dell’accordo, la prima somma mensile di 160.000 dollari è stata pagata ai quattro soci. L’origine dei fondi rimane poco chiara. Belkacem Haftar, figlio di Khalifa Haftar, ha firmato il contratto come consigliere di suo padre.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore