skip to Main Content

Cosa fanno gli Stati Uniti sulle emissioni di frigoriferi e condizionatori

Biden Energie Pulite

Gli Stati Uniti pianificano un giro di vite sui gas a effetto serra usati nei frigoriferi, secondo il Financial Times

L’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti ha annunciato una vasta riduzione di un gruppo di potenti gas a effetto serra usati nei condizionatori d’aria e nei frigoriferi, mentre il regolatore avanza obiettivi di emissioni rinnovati sotto l’amministrazione Biden.

L’EPA si è mossa per ridurre gradualmente l’uso degli idrofluorocarburi, o HFC, dell’85% nei prossimi 15 anni. Si aspetta che la sua nuova regola taglierà l’equivalente di 4,7 miliardi di tonnellate di anidride carbonica – circa tre anni di emissioni del settore energetico statunitense – tra il 2022 e il 2050 – riporta il FT.

“Eliminando gradualmente gli HFC, che possono essere centinaia o migliaia di volte più potenti dell’anidride carbonica nel riscaldare il pianeta, l’EPA sta compiendo un’azione importante per aiutare a tenere sotto controllo l’aumento della temperatura globale”, ha detto lunedì Michael Regan, amministratore dell’EPA.

Il Congresso ha diretto il regolatore a ridurre la produzione e l’uso di HFC in una legge omnibus che è passata l’anno scorso. Mentre l’amministrazione Trump ha ritirato decine di regolamenti ambientali come parte di una spinta deregolamentatrice – compreso il ritardo della ratifica dell’accordo globale sugli HFC – il presidente Joe Biden ha fatto del cambiamento climatico una priorità.

Il mese scorso, Biden ha impegnato gli Stati Uniti a ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 50% entro la fine del decennio, dai livelli del 2005, e ha aderito all’accordo di Parigi sul clima.

Mentre una manciata di stati hanno già introdotto misure per ridurre l’uso di HFC, la regola dell’EPA proporrebbe il primo limite nazionale sulle sostanze chimiche.

“Questa rapida mossa da parte dell’EPA di Biden per iniziare a ridurre gradualmente questi inquinanti climatici estremamente potenti fornirà enormi benefici per la salute pubblica e il clima a tutti gli americani”, ha detto David Doniger, direttore strategico senior del Natural Resources Defense Council, un gruppo ambientale. “Sostituire gli HFC è un primo passo critico e totalmente fattibile per evitare il peggio della crisi climatica”.

Gli HFC sono usati nella refrigerazione, nel condizionamento dell’aria, nell’isolamento degli edifici, nei sistemi di estinzione degli incendi e negli aerosol. Sono diventati sempre più diffusi negli ultimi decenni come sostituto di un altro gruppo di sostanze chimiche, i clorofluorocarburi (CFC), che danneggiano lo strato di ozono.

I CFC sono stati eliminati dal protocollo di Montreal del 1987. Ma gli HFC si sono rivelati essere un potente gas serra e c’è stato un crescente clamore per abbandonarne l’uso.

Sotto l’amministrazione Obama, gli Stati Uniti hanno firmato un accordo a Kigali, in Ruanda, per eliminare gradualmente gli HFC, ma l’amministrazione Trump non lo ha inviato al Senato per la ratifica. L’EPA ha detto che un phaseout globale potrebbe prevenire fino a 0,5C di riscaldamento del pianeta entro il 2100.

I due principali luogotenenti di Biden per il clima – l’inviato per il clima John Kerry e il consigliere per il clima della Casa Bianca Gina McCarthy – hanno aiutato a negoziare l’accordo di Kigali. Biden sta cercando la sua ratifica da parte del Congresso.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore