skip to Main Content
ads

Cosa faranno Russia e Cina su energia e spazio

Turchia Russia

Cosa ha detto Lavrov sul rafforzamento dei rapporti tra Russia e Cina. L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che il suo paese si concentrerà sul rafforzamento dei legami con la Cina, affermando che i due paesi vicini hanno interessi comuni e possono fare progressi tecnologici insieme.

“Ora che l’Occidente ha preso la posizione di un ‘dittatore’, i nostri legami economici con la Cina cresceranno ancora più velocemente”, ha detto Lavrov, secondo una trascrizione pubblicata dal ministero degli Esteri russo il 23 maggio.

Secondo il media statale russo RT, Lavrov ha fatto le osservazioni mentre parlava agli studenti di una scuola superiore di Mosca.

Lavrov ha affermato che Russia e Cina hanno “interessi comuni” negli affari internazionali e le due parti possono raccogliere i benefici di lavorare a stretto contatto con la tecnologia.

“Questa è un’opportunità per noi di realizzare il nostro potenziale nel campo dell’alta tecnologia, compresa l’energia nucleare, ma anche in una serie di altre aree”, ha aggiunto Lavrov.

Tre settimane prima che la Russia invadesse l’Ucraina, Pechino e Mosca hanno aggiornato le loro relazioni bilaterali a una partnership “senza limiti”, a seguito di un incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e il leader cinese Xi Jinping. I due leader hanno anche dichiarato che non ci sarebbero state “aree di cooperazione “proibite” tra i due vicini.

La Cina non ha condannato la Russia per la sua invasione, ma è stata critica nei confronti delle sanzioni occidentali contro Mosca.

Nel frattempo, le importazioni di energia della Cina dalla Russia sono aumentate negli ultimi mesi. L’acquisto da parte del regime comunista di petrolio, gas e carbone russi è salito del 75 per cento ad aprile a oltre 6 miliardi di dollari, secondo Bloomberg, citando i dati doganali cinesi. Le importazioni di gas naturale liquefatto della Russia hanno superato le 463.000 tonnellate ad aprile, un’impennata dell’80% rispetto all’anno precedente. Lavrov ha respinto la possibilità che la Russia sarebbe disposta a migliorare presto i legami con i paesi occidentali.

“Se [l’Occidente] vuole offrire qualcosa in termini di ripresa delle relazioni, allora valuteremo seriamente se ne avremo bisogno o meno”, ha detto. “Dobbiamo smettere di dipendere in alcun modo dalla fornitura di qualsiasi cosa dall’Occidente”.

Un particolare campo della cooperazione sino-russa che ha grandi implicazioni per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti è lo spazio esterno. Le due parti sono attualmente nell’ultimo anno di un programma quinquennale di cooperazione spaziale iniziato nel 2018. Nel dicembre dello scorso anno, il media statale cinese Global Times ha riferito che il programma avrebbe dovuto estendersi per altri cinque anni terminando nel 2027.

L’agenzia spaziale russa Roscosmos ha firmato un memorandum d’intesa con l’Amministrazione spaziale nazionale cinese nel marzo 2021, accettando di lavorare insieme su una stazione di ricerca lunare internazionale. Il capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin, ha detto ai media statali russi Tass ad aprile che aveva intenzione di parlare con i partner cinesi della cooperazione sulla luna prima della fine di maggio.

Gli interessi di Cina e Russia sulla luna sono stati evidenziati in un rapporto intitolato “Sfide alla sicurezza nello spazio 2022” pubblicato dalla Defense Intelligence Agency (DIA) ad aprile.

“Entrambe le nazioni cercano di ampliare le loro iniziative di esplorazione spaziale, insieme e individualmente, con piani per esplorare la luna e Marte nei prossimi 30 anni”, John F. Huth, l’ufficiale dell’intelligence della difesa della DIA, ha detto in un briefing che annunciava il rapporto.

Huth ha aggiunto: “In caso di successo, questi sforzi probabilmente porteranno a tentativi da parte di Pechino e Mosca di sfruttare le risorse naturali della luna”.

La luna potrebbe potenzialmente rivelarsi un’importante fonte di metalli delle terre rare, che sono scarsi sulla Terra ma sono necessari per produrre elettronica di uso quotidiano come computer e batterie al litio, oltre ai prodotti per la difesa utilizzati dall’esercito statunitense, come occhiali per la visione notturna e veicoli blindati.

John F. Plumb, assistente segretario alla difesa per la politica spaziale, ha messo in guardia sulle capacità spaziali russe e cinesi durante un’audizione del Congresso l’11 maggio.

“Russia e Cina hanno sviluppato armi ad energia diretta per accecare i satelliti di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) e continuano lo sviluppo, i test e la proliferazione di armi antisatellite ad ascesa diretta e in orbita per tenere a rischio le risorse spaziali statunitensi e alleate”, ha detto Plumb.

Ha aggiunto: “Continuano a sviluppare i mezzi per negare ad altri l’uso dello spazio attraverso l’impiego di attività informatiche dannose, compresi gli attacchi informatici, contro siti terrestri che supportano le operazioni spaziali”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore