Mondo

Perché solo Germania, Australia e Corea possono eccitare l’economia mondiale. Report Fmi

di

Solo tre paesi – Australia, Germania, Corea – hanno margini di bilancio “sostanziali” per fornire ulteriore sostegno alla crescita. Mentre l’Italia… Tutti i dettagli sul rapporto del Fmi (Fondo monetario internazionale) sulle prospettive di crescita nei Paesi del G-20

 

Fra i paesi del G-20 l’Italia è fra quelli che trarrebbero beneficio da “ulteriori sforzi per ridurre gradualmente il debito” ma il nostro Paese è una di quelle economie che ha “poco o nessuno spazio fiscale”. Lo sottolinea il Fondo Monetario Internazionale in un rapporto sulle prospettive di crescita nei Paesi del G-20, osservando come in questo gruppo “solo tre paesi – Australia, Germania, Corea – hanno margini di bilancio “sostanziali” per fornire ulteriore sostegno alla crescita, con “un sostegno aggiuntivo per la domanda interna”. L’Italia invece condivide l’assenza di margini di bilancio con Argentina, Brasile, India e Sudafrica.

L’analisi del Fondo evidenzia anche per il nostro paese “le rigidità strutturali nel mercato del lavoro” che rendono difficile anche il recupero del reddito per chi viene escluso, con un aumento delle diseguaglianze. Per la maggior parte delle economie più avanzate, peraltro, “le riforme del prodotto e del mercato del lavoro rimangono essenziali”, aggiunge l’Fmi che auspica l’eliminazione – in Italia, ma anche in Francia, Germania e Giappone – di regolamenti eccessivamente restrittivi, anche per i servizi professionali. Per il nostro paese, infine, il fondo rinnova l’invito a sanare i bilanci e ad aumentare l’efficienza del settore bancario.

Le banche non statunitensi continuano a svolgere un ruolo chiave nei prestiti in dollari a livello globale con attività relative al biglietto verde salite a 12.400 miliardi a metà del 2018 dai 9.700 miliardi del 2012: un livello paragonabile – rispetto alle attività totali – alla situazione pre-crisi. Ma soprattutto sebbene le riforme introdotte dal 2008 abbiano rafforzato i sistemi bancari a livello globale le banche non-Usa rimangono vulnerabili a crisi legate al dollaro che potrebbe impattare sulle loro economie nazionali e su quelle dei paesi che sottoscrivono prestiti nel biglietto verde. Lo sottolinea il Fondo Monetario Internazionale in un capitolo del Global financial Stability Report, spiegando di avere elaborato un set di indicatori per analizzare l’esposizione delle banche non statunitensi ai finanziamenti in dollari e la loro vulnerabilità a crisi potenziali.

Dai dati viene fuori un divario tra attività e passività denominate in dollari cresciuto a circa 1.400 miliardi di dollari, pari al 13 percento delle attività, contro i 1000 miliardi (il 10%) di metà 2008. Un ‘deficit di finanziamento’ che – osserva il Fondo – riflette la quantità di finanziamento che deve essere colmata utilizzando strumenti come gli swap in valuta estera e che rende le banche più vulnerabili.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati