skip to Main Content

Perché siamo sull’orlo di una guerra nucleare

Armi Nucleari

Guerra nucleare all’orizzonte sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina

 

La prospettiva di uno scambio nucleare tra Russia e Stati Uniti sembrava, fino a poco tempo fa, finire con la Guerra Fredda. Le minacce di Putin di usare le armi per tenere la NATO fuori dal conflitto ucraino hanno ravvivato quei timori decennali.

Sotto le amministrazioni Obama e Trump, gli Stati Uniti hanno accusato la Russia di violare i trattati di non proliferazione sviluppando, testando e schierando missili da crociera che superavano il suo limite di 500 chilometri, un’accusa che la Russia ha respinto.

Sostenuta dagli alleati della NATO, l’amministrazione Trump si è ritirata dal trattato nel 2019. Questo ha lasciato le armi strategiche a lungo raggio come le uniche armi nucleari soggette ad accordi sul controllo degli armamenti.

Le armi nucleari non strategiche a corto raggio – quelle con una gittata inferiore a 500 chilometri, o circa 310 miglia – non sono mai state coperte da alcun accordo, un punto dolente con Washington e gli alleati della NATO perché Mosca ne possiede molto di più della NATO. Il controllo degli armamenti è diminuito anche in altri modi. La Russia ha intrapreso un ambizioso programma di modernizzazione delle armi nucleari.

L’intelligenza artificiale e la tecnologia missilistica ipersonica potrebbero abbreviare i tempi di allarme per un attacco nucleare. La Russia ha schierato missili in grado di trasportare testate sia convenzionali che nucleari. E la Russia teme che i sistemi di difesa missilistica statunitensi, specialmente in Europa, minaccino la stabilità strategica consentendo agli Stati Uniti di effettuare un primo attacco nucleare e poi prevenire un’efficace risposta nucleare russa.

Prima della guerra in Ucraina, Biden e Putin avevano lanciato un dialogo strategico di stabilità per affrontare questi problemi e gettare le basi per i negoziati sulla sostituzione di New START prima della sua scadenza nel 2026. Ma il dialogo è stato sospeso con lo scoppio delle ostilità ed è difficile prevedere quando potrebbe riprendere.

Le recenti mosse di Putin hanno ulteriormente scosso la traballante architettura strategica di sicurezza. Alla vigilia dell’invasione russa dell’Ucraina, ha detto che “chiunque cerchi di interferire con noi … deve sapere che la risposta della Russia sarà immediata e che porterà a conseguenze che non hai mai sperimentato prima nella tua storia” .

Con la guerra in corso, Putin ha annunciato un “allarme di combattimento potenziato” delle forze nucleari del Paese, che non è un livello di allerta regolare nel sistema russo paragonabile allo status DEFCON degli Stati Uniti.

In pratica, l’allerta di combattimento potenziata consisteva in gran parte nell’aggiungere personale ai turni nei siti di armi nucleari pertinenti. L’annuncio è stato progettato per scoraggiare la NATO dall’intervenire e intimidire l’Ucraina.

Tuttavia, i funzionari della sicurezza nazionale degli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per il fatto che la Russia potrebbe usare armi nucleari tattiche in Ucraina se le forze NATO fossero coinvolte in un conflitto diretto con la stessa Russia. L’uso delle armi è coerente con la dottrina militare russa di “escalation to de-escalation”, secondo i funzionari.

I comandanti nucleari statunitensi hanno criticato le mosse di Putin, ma non hanno cercato di imitarlo.

Non hanno prove che Putin abbia preso provvedimenti per intensificare la situazione, come mettere testate nucleari non strategiche su aerei o navi o inviare sottomarini dotati di armi nucleari . Fino a questo momento…

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore