skip to Main Content

Perché ora Draghi e Macron si devono vaccinare con Astrazeneca

Berlusconi

Proprio Macron e Draghi dovrebbero essere i primi a incoraggiare i loro connazionali facendosi iniettare il vaccino di Astrazeneca. Il corsivo del notista politico Francesco Damato

Se davvero l’AstraZeneca, il vaccino anti-Covid sospeso anche in Italia in attesa delle valutazioni sui decessi intervenuti dopo alcune somministrazioni, rischia di diventare per l’Europa “il cigno nero”, evocato da qualcuno perché ha praticamente messo in crisi la campagna di prevenzione seminando sfiducia, c’è un solo modo – diciamo la verità – perché riescano nel loro proposito i due leader comunitari accordatisi sulla ripresa delle somministrazioni subito dopo il via libera atteso per domani dall’Ema, l’agenzia competente per la valutazione scientifica del problema.

Proprio loro dovrebbero essere i primi a incoraggiare i loro connazionali facendosi iniettare quel vaccino. E’ inutile girarci intorno. Questo è il primo problema di cosiddetta comunicazione.

Negli Stati Uniti l’allora presidente Donald Trump si fece iniettare il vaccino su cui aveva scommesso nella lotta al Covid.

Contro l’ipotesi di una vaccinazione di Macron e di Draghi con l’AstraZeneca come esempio per i loro connazionali e, più in generale, per gli europei minacciati -ripeto- dal presunto “cigno nero”, gioca la solita trappola demagogica – demagogica almeno quanto la stessa ipotesi dell’esempio – di cui sono capaci di rimanere intrappolati non solo i populisti ma anche gli antipopulisti. E’ la trappola paradossale del “ciascuno aspetti il suo turno”, a dispetto anche del buon senso.

Proprio Draghi ha recentemente indicato come esempio lo scrupolo col quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, recandosi disciplinatamente di persona all’ospedale romano Spallanzani, si è vaccinato sulla soglia, diciamo così, degli 80 anni regolamentari, che compirà il 23 luglio prossimo.

Il presidente del Consiglio ne ha compiuto solo 73 il 3 settembre scorso. Non parliamo poi, per la Francia, di Emmanuel Macron, che ha compiuto solo 43 anni nello scorso mese di dicembre.

Senza volere improvvisare un’edizione speciale di “Scherzi a parte”, mi verrebbe voglia di auspicare, una volta sbloccata la praticabilità dell’AstraZeneca, una corsa a Palazzo Chigi di quel bravo….Figliuolo del generale di Corpo d’Armata degli alpini, ancora fresco di nomina a commissario straordinario dell’emergenza pandemica, per fare iniettare una dose di quel vaccino da medici e infermieri militari ad un Draghi disposto pure lui a saltare il turno nell’interesse superiore del Paese.

Che lo stesso Draghi è stato chiamato a governare dal capo dello Stato con tanto di fiducia regolarmente concessagli poi dal Parlamento. Con un tale onere sulle spalle, il signor Presidente del Consiglio avrà pure il diritto e il dovere di cautelarsi e cautelarci.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore