Mondo

Perché la vittoria Tory ecciterà il mercato britannico. L’analisi di Zahn

di

Regno Unito

I risultati delle elezioni nel Regno Unito con la vittoria di Johnson analizzati da David Zahn, Head of European Fixed Income di Franklin Templeton

La vittoria del partito conservatore alle elezioni generali del Regno Unito dovrebbe dare un po’ di sollievo ai mercati del Regno Unito, ma è probabile che l’attenzione degli investitori si rivolga rapidamente al modo in cui il nuovo governo può davvero “realizzare la Brexit”.

È probabile che i mercati vedano la vittoria dei conservatori nelle elezioni generali del Regno Unito come il risultato più positivo.

Sebbene sia stato considerato il risultato più probabile nel periodo precedente al sondaggio, ci aspettiamo che i mercati reagiscano favorevolmente, con i rendimenti dei GILTS che probabilmente diminuiranno e la sterlina probabilmente si rafforzerà.

Pensiamo che anche le attività a rischio come i corporate bonds si rafforzeranno. Il manifesto conservatore era incentrato sul “portare a termine la Brexit”, quindi avremmo anticipato una rapida mossa per ratificare il disegno di legge sull’accordo di recesso del Primo Ministro Boris Johnson.

Se ciò avrà esito positivo, il Regno Unito lascerà l’Unione europea il 31 gennaio 2020. I mercati, desiderosi di porre fine all’incertezza sulla Brexit, probabilmente risponderanno positivamente a breve termine.

Tuttavia, un sollievo del mercato in occasione di una vittoria del partito conservatore potrebbe essere di breve durata poiché gli investitori ruotano rapidamente pensando al futuro, in particolare per la Brexit. Una volta che l’accordo di recesso dell’Ue sarà ratificato dal Parlamento, il Regno Unito avvierà un periodo di negoziati su un futuro accordo commerciale. Tale processo di negoziazione può durare fino a undici mesi, il che non concede molto tempo per le complesse discussioni richieste.

Non pensiamo che i negoziatori dell’Ue saranno suscettibili come lo erano quando hanno concordato l’accordo di recesso. Ci sono molti probabili punti critici nelle discussioni, come i diritti di pesca, potenzialmente difficili da risolvere. Ci sarà spazio per i negoziati, ma riteniamo che i colloqui saranno probabilmente duri. Se il governo britannico vuole prolungare il periodo di negoziazione, deve presentare una richiesta entro l’estate.

Ciò comprime davvero il calendario a soli quattro o cinque mesi in cui calcolare se esiste un accordo commerciale praticabile. Se non ci fossero segni di aperture anticipate, ci aspetteremmo che i mercati inizino a chiedersi se una dannosa Brexit no-deal sia tornata possibile.

È probabile che i mercati inizieranno a riflettere una maggiore incertezza se non ci saranno segni di progresso all’inizio dell’estate.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati