Mondo

Perché critico le tesi di Latouche e Shiva. Il Punto di Gagliano

di

Shiva

È difficile negare che la riflessione di Serge Latouche come quella di Vandana Shiva rappresentino da un lato una critica e dall’altro lato costituiscano un rifiuto radicale delle principali conquiste della civiltà occidentale. Il post di Giuseppe Gagliano

È difficile negare che la riflessione di Serge Latouche — e dei suoi allievi nostrani e non — come quella di Vandana Shiva rappresentino da un lato una critica paradossale, incongruente, autocontradditoria e dall’altro lato costituiscano un rifiuto radicale delle principali conquiste della civiltà occidentale e cioè dell’Illuminismo, della Rivoluzione scientifica ed industriale, del capitalismo in tutte le sue metamorfosi storiche. Proprio per la notorietà internazionale raggiunta dalle loro riflessioni — che riteniamo pericolose se dovessero diventare prassi politica ed economica sia per la politica economica che per la politica estera di un paese europeo — abbiamo esposto e criticato assieme le loro riflessioni individuandone i presupposti ideologici e mettendo in luce le loro implicazioni paradossali.

1.La riflessione di Vandana Shiva

https://filosofiadellapolitica.com/tag/shiva/

2.La riflessione di Serge Latouche e Vandana Shiva

https://centrostudistrategicicarlodecristoforis.wordpress.com/2016/01/05/gagliano-giuseppe-la-decrescita-infelicecestudecgennaio-2016/

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati