Mondo

Pandemia? È l’ora dello shopping. Tutte le mosse del fondi sovrani arabi

di

arabia saudita oil fondi sovrani

Investimenti e obiettivi dei fondi sovrani di Arabia Saudita e Qatar. L’approfondimento del Financial Times

“Non si vuole sprecare una crisi. . . Noi, quindi, stiamo sicuramente valutando tutte le opportunità”. Questo è stato il messaggio di Yasir al-Rumayyan, governatore del fondo patrimoniale sovrano dell’Arabia Saudita, mentre più di 2.000 banchieri e dirigenti si sono sintonizzati per una conferenza virtuale ad aprile. E non erano parole vuote, scrive il Financial Times.

Il Fondo di Investimento Pubblico da 325 miliardi di dollari non è stato timido riguardo alle sue ambizioni da quando è caduto sotto la tutela del principe ereditario Mohammed bin Salman cinque anni fa – si vanta di essere diventato l'”investitore più influente del mondo” e il più grande fondo patrimoniale sovrano.

Mentre la pandemia di coronavirus scatena una devastazione economica in tutto il mondo, il PIF dell’Arabia Saudita ha accelerato per diventare il veicolo di investimento sovrano più attivo al mondo, alla ricerca sfacciata di affari in mezzo al panico. Tre giorni dopo la conferenza, gli archivi normativi statunitensi hanno rivelato che il fondo aveva fatto una delle sue più grandi scommesse su una società colpita dalla crisi globale. Ha acquisito una quota del 5,7% del valore di circa 500 milioni di dollari in Live Nation, una società di intrattenimento con sede negli Stati Uniti. Tre settimane prima, ha portato a casa una partecipazione del 7,3 per cento in Carnival, rendendola il secondo maggiore azionista del più grande operatore di linee di crociera del mondo. Ha inoltre investito in circa 20 compagnie blue-chip statunitensi ed europee, come BP, Royal Dutch Shell, Total, Boeing, Citigroup, Disney e Facebook, acquisendo partecipazioni minori per almeno 7,7 miliardi di dollari nei primi tre mesi dell’anno. E questi erano solo gli investimenti resi pubblici.

Separatamente, ha guidato un gruppo di investitori che ha accettato di acquistare il Newcastle United, la squadra di calcio inglese, per 300 milioni di sterline. “Sono molto impegnati con gli investitori. Vedono molte opportunità, molte esigenze di capitale che daranno loro accesso alle imprese”, dice un banchiere senior con sede a Londra. “Frettoloso o buon tempismo? Non lo sapremo per altri tre anni”. Il PIF afferma di “identificare le opportunità di investire in aziende solide con prospettive forti e a lungo termine che ci aspettiamo saranno leader del settore quando l’attività economica globale inizierà ad avvicinarsi ai livelli pre-pandemici”. Ora che sta distribuendo denaro contante sui mercati esteri, in un momento in cui Riyadh è alle prese con la peggiore crisi economica degli ultimi decenni, ci sono domande sulle sue attività. È opportunistica o strategica? Perché investire nelle compagnie petrolifere quando il suo mandato è quello di diversificare l’economia? Dovrebbe dare priorità al sostegno dell’economia nazionale in difficoltà? “C’è uno scollamento tra la disastrosa situazione fiscale interna e i continui investimenti del fondo verso l’esterno”, dice John Sfakianakis, esperto del Golfo all’università di Cambridge. “E questo complica la ripresa economica a causa delle fonti di finanziamento limitate”.

Alimentato da una combinazione di coronavirus e dal crollo dei prezzi del greggio, Riyadh sta tagliando la spesa pubblica, aumentando il debito e imponendo dolorose misure di austerità, tra cui il triplicamento dell’IVA al 15 per cento. Sebbene il principale esportatore mondiale di petrolio abbia riserve estere per 470 miliardi di dollari, deve preservare la maggior parte di questi fondi per evitare speculazioni sulla propria moneta.

Anche altri fondi d’investimento del Golfo, tra cui Mubadala di Abu Dhabi e la Qatar Investment Authority, sono a caccia di beni in difficoltà a un prezzo ridotto, come hanno fatto durante la crisi finanziaria del 2008-2009. Ma sia Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti, che il Qatar hanno una popolazione più piccola, una più lunga storia di investimenti attivi e sono più ricchi in termini pro capite.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati