Mondo

Mes, ecco cosa (non) succederà all’Eurogruppo con Gualtieri

di

mes debito

Fatti, auspici e scenari sul Mes all’ordine del giorno all’Eurogruppo. L’approfondimento di Daniele Capezzone

Cosa può accadere oggi all’Eurogruppo sul Mes realisticamente? Ci sono quattro piani di discussione.

Il primo ha a che fare con l’impianto del trattato, e qui gli spazi sembrano purtroppo chiusi. La velina dell’altro giorno dell’Eurogruppo, oltre a smentire radicalmente Giuseppe Conte, era chiarissima: l’architettura già concordata non si cambia.

Il secondo piano di discussione non riguarda il trattato Mes, ma altre partite assai significative, queste ancora effettivamente aperte. In particolare, sarebbe fondamentale sfuggire al meccanismo della “ponderazione” dei titoli dei diversi Paesi. Si tratterebbe dell’introduzione di una valutazione dei rischi dei titoli di stato: eventualità da scongiurare, dal punto di vista italiano.

Il terzo piano di discussione riguarda la normativa sussidiaria rispetto al Mes. Ci sono aspetti ancora da definire molto tecnici (la disciplina dello scambio di informazione tra il Mes e il cosiddetto European Systemic Risk Board) e aspetti molto politici, come le Cacs, cioè le clausole di azione collettiva, ovvero i meccanismi che poi si rivelerebbero determinanti nel disastroso caso di ristrutturazione del debito. C’è chi insiste per definire tutto già in questa fase, quindi nel trattato, e chi vuole lasciare un successivo spazio di manovra agli organi del Mes.

Il quarto e ultimo piano riguarda i tempi. Una volta acquisito (cosa che – ahinoi – è accaduta già a giugno) l’assenso dei diversi Paesi, la formalizzazione può anche slittare di uno o due mesi. Da questo punto di vista, per un verso la crisi politica a Malta, per altro verso le tensioni nella grande coalizione tedesca (dopo l’indebolimento politico di Olaf Scholz), e per altro verso ancora qualche esigenza organizzativa (ad esempio, le traduzioni) potrebbero essere utilizzate come un escamotage per dare la sensazione di un rinvio, concedendo al governo italiano di superare la scadenza elettorale in Emilia Romagna.

Se Gualtieri e Conte riusciranno a coinvolgere gli altri nella loro recita, potrebbero ottenere una qualche dichiarazione che alluda al mitico “pacchetto”, e quindi agli altri aspetti dell’unione economica e monetaria (a partire dal tema della banking union) per dare l’impressione di aver tenuto aperto il negoziato. Ahinoi, solo la sensazione.

(breve estratto di un articolo di Daniele Capezzone pubblicato sul quotidiano La Verità)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati