Advertisement skip to Main Content

D'alema

Le Iene azzannano D’Alema il colombiano

La versione di D'Alema sul caso armi italiane alla Colombia. Cosa ha detto l'ex premier alle Iene (trasmissione di Italia 1). L'articolo del quotidiano La Verità

 

Dopo un lungo silenzio mediatico Massimo D’Alema ha finalmente detto la sua in tv sulla vicenda della trattativa per vendere navi, sommergibili e aerei alla Colombia con la mediazione di un’improbabile squadretta di consulenti. L’ex primo ministro ha mostrato quanto sia in difficoltà in questo momento durante un’intervista rilasciata alle Iene.

L’inviato Antonino Monteleone inizialmente era stato respinto con perdite, ma poi è riuscito a raccogliere lo sfogo dell’ex segretario del Pds che, tra una parolaccia e l’altra, ha praticato un’incredibile arrampicata sugli specchi per negare il peso della registrazione, svelata dalla Verità. «Il problema è che tutta questa campagna muove da un materiale inquinato, perché se uno intercetta illegalmente tra l’altro perché non è un’intercettazione della magistratura» ha detto l’ex primo ministro, senza spiegare che le registrazioni tra presenti non sono illegali.

Poi ha aggiunto: «Questa roba è stata comunque lavorata con tagli e cuci, quindi è un’informazione a mio giudizio falsa». E le sartine saremmo noi della Verità. «L’Italia è il Paese delle polemiche» ha provato ad ammorbidirlo Monteleone, ricevendo questa replica un po’ sboccata: «Ma la polemica non c’entra un beato cazzo. Si vogliono danneggiare le imprese italiane che hanno avuto un danno molto grande ma questo a voi non ve ne frega un cazzo».

Insomma il povero D’Alema non parlava di armi con sanguinari ex militari colombiani per incassare 80 milioni di euro da spartire con i suoi soci, ma per il bene del Paese. E per questo vorrebbe essere ringraziato: «Io non ho incontrato il governo della Colombia, non ho fatto trattative con nessuno». Quella con Fierro, che lui riteneva essere un senatore, era una semplice «attività di promozione, non una trattativa». E allora le provvigioni di cui i due parlavano?

D’Alema continua l’arrampicata: «Eh beh ma è assolutamente normale che in operazioni di questo genere si diano incarichi professionale di assistenza legale promozione commerciale ma non è una trattativa perché il mio interlocutore non è l’acquirente». Quindi nessuna violazione della legge che regola la compravendita delle armi?

L’ex ministro degli Esteri si accende ancora una volta come un fiammifero: «Ma è una cazzata che non sta né in cielo, né in terra, io parlavo con un signore per sostenere il fatto che loro si dessero da fare a favore della proposta italiana, ma è un fatto promozionale. Non è una trattativa».

In pratica l’ex primo ministro era una specie di ragazzo sandwich, un volantinatore. Intanto ieri, a dargli un ulteriore dispiacere ci ha pensato il suo ormai ex compagno di partito, il ministro della Difesa pd Lorenzo Guerini, che nel rispondere a un’interrogazione di Fratelli d’Italia, ha evidenziato la distanza tra il governo e la trattativa portata avanti dai D’Alema boys, sgomberando «il campo da un equivoco di fondo, rappresentato dall’associazione tra le presunte interlocuzioni avvenute tra le parti e lo strumento del G2G (Government-to-government, ndr)».

Il G2G è una modalità di vendita degli armamenti che affianca quella di mercato e che garantisce all’acquirente garanzie governative sulla gestione del contratto. In questo caso le procedure prevedono «il diretto coinvolgimento delle preposte articolazioni del governo, nell’ambito di un preventivo rapporto istituzionale tra Stati». E niente di tutto questo è accaduto. Tanto che il ministro ha ribadito: «Nessun aspetto della vicenda in questione è pertanto riconducibile all’utilizzo dello strumento del G2G tra il governo italiano e il governo della Colombia».

Quanto alle interlocuzioni istituzionali tra l’ambasciatrice colombiana a Roma e il sottosegretario Giorgio Mulè, per Guerini non rientravano nelle procedure G2G, ma erano «configurabili come normali rapporti tra Paesi» e «nulla hanno avuto a che fare con eventuali collaborazioni tra aziende e società mediatrici, consulenti o professionisti esterni». L’ennesimo schiaffo a D’Alema. Infine il ministro ha riconosciuto il merito dei nostri scoop, definendo la vicenda «una questione oggetto di giusta attenzione mediatica e di inchieste giornalistiche».

 

Articolo pubblicato su laverità.info

Back To Top