Mondo

L’accordo Ue sui migranti? Sta scricchiolando, ecco perché

di

migranti

Dossier, problemi e divisioni al vertice dei ministri dell’Interno europei sull’immigrazione

LA RIUNIONE

Si discute martedì 8 ottobre, nel vertice dei ministri dell’Interno europei, di immigrazione. L’obiettivo è confermare il pre-accordo di qualche settimana fa discusso a La Valletta tra Malta, Italia, Francia e Germania.

LA REDISTRIBUZIONE

Prevista, tra l’altro, la redistribuzione nei Paesi europei che aderiranno di tutti i richiedenti asilo e non solo di coloro che hanno ottenuto lo status di rifugiato. Non sembra che i partner europei facciano la corsa ad approvare la linea Malta. Anche la Germania – architetto del piano – si è fatta timida.

I DISTINGUO DI BERLINO: OK ACCORDO SE POCHI SBARCHI

Il ministro degli Interni tedesco, Horst Seehofer (Csu), ha accettato che la Germania accogliesse un migrante su quattro. A Berlino lo accusano di essere troppo morbido. E martedì 8 ha precisato: l’accordo d’emergenza può funzionare solo se i numeri degli arrivi restano nell’ordine delle centinaia. Diversamente il meccanismo si fermerà. Due le linee guida: salvare vite in mare ma anche protezione per prevenire il pull factor, il fattore di attrazione che l’accordo potrebbe esercitare su migranti e trafficanti.

L’EUROPA ORIENTALE CHIEDE ATTENZIONE

Non è tutto. L’Europa orientale guarda critica al meccanismo di Malta, giudicato troppo concentrato sul problema italiano e maltese. Grecia, Cipro e Bulgaria presentano un documento alternativo, per un piano migratorio più concentrato sul Mediterraneo orientale. (Qui i dettagli rivelati da Politico).

(estratto dal Taccuino Europeo pubblicato da Policy Maker)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati