Mondo

La colpa dell’attacco al Campidoglio è di Donald Trump, secondo il New York Times

di

Trump campidoglio

Come e perché il New York Times critica Donald Trump sull’assalto a Capitol Hill


Il presidente Trump e i suoi attivisti repubblicani al Congresso hanno incitato un violento attacco mercoledì contro il governo e la nazione che dichiarano di amare. Questo non può essere tollerato – si legge nell’editoriale del Nyt.

La retorica sediziosa di Trump ha spinto una folla di migliaia di persone a prendere d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti, alcuni irrompendo nei piani della Camera e del Senato, dove i rappresentanti eletti della nazione si erano riuniti per svolgere il loro dovere costituzionale di contare i voti elettorali e confermare l’elezione di Joe Biden a presidente.

Non stupisce che alcuni abbiano portato la bandiera confederata mentre attaccavano la sede del governo americano e costringevano a sospendere il dibattito al Congresso. Hanno frantumato finestre e rotto porte, scontrandosi con le forze di sicurezza sopraffatte mentre gridavano il loro sostegno  Trump e la loro sfida ai legittimi risultati delle elezioni del 2020. Una donna è stata uccisa. I leader della nazione sono stati mandati a cercare rifugio.

Sono stati trovati esplosivi nel Campidoglio e in diverse località intorno a Washington. Le proteste dei Pro-Trump hanno anche fatto chiudere i palazzi di Stato in tutto il Paese.
Trump ha scatenato questi assalti. Ha inveito per mesi contro il verdetto espresso dagli elettori a novembre. Ha convocato i suoi sostenitori per riunirsi a Washington in questo giorno e li ha incoraggiati a marciare in Campidoglio. Ha detto loro che le elezioni sono state rubate. Ha detto loro di combattere. Ha detto loro che avrebbe potuto unirsi a loro e, anche se hanno preso d’assalto l’edificio, ha rifiutato per lunghe ore di dire loro di fermarsi, di condannare le loro azioni, di alzare un dito in difesa della Costituzione che aveva giurato di preservare e proteggere. Quando finalmente ha parlato, a fine giornata, ha affermato la rabbia dei manifestanti, dicendo loro di nuovo che le elezioni erano state rubate, ma chiedendo loro di tornare a casa comunque. È stata la prestazione di un uomo non disposto a compiere i suoi doveri di presidente o a confrontarsi con le conseguenze del proprio comportamento.

Il presidente deve essere ritenuto responsabile – attraverso un procedimento d’impeachment o un’azione penale – e lo stesso vale per i suoi sostenitori che hanno portato avanti le violenze. Col tempo, dovrebbe esserci un’indagine sulla mancata preparazione della polizia del Campidoglio per un attacco annunciato e pianificato in pubblico.
Non si tratta solo di un attacco ai risultati delle elezioni del 2020. Si tratta di un precedente – un’autorizzazione per un’opposizione simile ai risultati delle future elezioni. Deve essere chiaramente respinto, e posto al di là dei limiti della condotta consentita.
Anche i leader del Partito Repubblicano hanno una certa responsabilità per l’attacco al Campidoglio.

Molti nel G.O.P. hanno partecipato all’energica vendita al dettaglio di menzogne sulle elezioni. Hanno cercato di minare la fiducia dell’opinione pubblica nella democrazia, mettendo in dubbio la legittimità della vittoria di Biden senza fornire alcuna prova delle loro affermazioni. Le loro dichiarazioni hanno portato alcuni di coloro che si fidano di loro a concludere che la violenza era necessaria.

Pochi sono stati così espliciti come Rudy Giuliani, l’avvocato personale del presidente, che all’inizio di mercoledì ha suggerito: “Facciamo un processo per combattimento! Ma anche mentre gli estremisti bollivano intorno al Campidoglio, lottando contro le barriere di sicurezza, i repubblicani alla Camera e al Senato stavano distruggendo la democrazia dall’interno.”

Il senatore Ted Cruz, repubblicano del Texas, ha invocato la commissione del 1877 che ha risolto le controverse elezioni presidenziali del 1876 come modello per quello che ha definito un ragionevole dubbio sulle elezioni del 2020. Non vi è alcuna base fattuale per tali dubbi sul voto del 2020, ma la scelta dell’analogia del signor Cruz è storicamente risonante. Nelle elezioni del 1876, i Democratici bianchi hanno usato la violenza politica diffusa per impedire ai neri di votare e poi hanno chiesto la fine della Ricostruzione come prezzo per la sopravvivenza di una Repubblica compromessa – inaugurando un’era di terrore razziale e cementando l’esclusione dei neri del Sud dalla democrazia partecipativa.

Il moderno Partito Repubblicano, nei suoi sforzi sistematici per sopprimere il voto, e nel suo rifiuto di riconoscere la legittimità delle elezioni che perde, cerca analogamente di mantenere il suo potere politico sulla base dell’esclusione. L’insurrezione di mercoledì è la prova di una volontà allarmante di perseguire questo obiettivo con la violenza.
È chiaro che alcuni leader repubblicani cominciano a temere le conseguenze dell’abilitazione di Trump. Prima dell’inizio dell’attacco, il senatore Mitch McConnell, il leader della maggioranza, ha decretato gli sforzi dei suoi colleghi repubblicani per ribaltare i risultati delle elezioni. Ma la sua eloquenza è stata la definizione stessa di un gesto troppo poco e troppo tardivo. Chi semina il vento, raccoglie tempesta.
Altri politici hanno avuto convinzioni più ferme. L’ex candidato presidenziale Mitt Romney ha twittato: “Quello che è successo oggi al Campidoglio degli Stati Uniti è stata un’insurrezione, incitata dal presidente degli Stati Uniti”.

La Costituzione richiede che il Congresso conti e annunci i risultati di un’elezione presidenziale il 6 gennaio dell’anno successivo. Anche se la folla è stata in grado di bloccare questo processo, non potrà impedirlo, né l’inaugurazione di Biden tra due settimane.

Ma l’attacco è un richiamo alla fragilità dell’autogoverno.

Il 6 gennaio 2021 sarà un giorno buio. La questione è se, anche alla fine del mandato di Mr. Trump, l’America sia all’inizio di una discesa verso un’epoca ancora più oscura e divisa o la fine di un’epoca. Il pericolo è reale, ma la risposta non è preordinata. I politici repubblicani hanno il potere, e la responsabilità, di tracciare un percorso diverso ponendo fine ai loro assalti retorici alla democrazia americana e sollevandosi in difesa della nazione che hanno giurato di servire.

(estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati