Mondo

Che cosa combina Biden? Il commento di Krugman

di

biden krugman

Che cosa ha scritto l’economista Paul Krugman sulla Bideneconomics. Il commento sul New York Times

Lo stato della politica statunitense è orribile.

Una campagna sostenuta di bugie dei media di destra – a cui fa eco quasi la metà dei senatori repubblicani – ha convinto quasi due terzi dei repubblicani che le elezioni presidenziali sono state in qualche modo rubate.

 Queste bugie hanno preparato il terreno per l’attacco del 6 gennaio al Campidoglio; ma una grande maggioranza di senatori repubblicani sembra intenzionata ad assolvere Donald Trump per il suo innegabile ruolo nel promuovere quell’attacco.

Eppure i piani del presidente Biden per salvare l’economia hanno un sostegno bipartisan schiacciante – scrive  Paul Krugman sul NYT.

La mia sensazione è che il consenso pubblico notevolmente forte a favore della Bidenomics sia in gran parte volato sotto i radar. Per essere sicuri, non sto dicendo che la sorprendente unità tra gli elettori (ma non i politici) sulla politica economica compensa il fatto terrificante che uno dei nostri due maggiori partiti non accetta più la legittimità delle elezioni che perde. Ma è comunque importante per il futuro dell’America.

Si potrebbe pensare che i piani democratici per un grande pacchetto di salvataggio, probabilmente vicino ai 1,9 trilioni di dollari che l’amministrazione Biden ha proposto, avrebbero portato a un contraccolpo in stile Tea Party. Ma un recente sondaggio della CBS News ha rilevato che il 79% degli intervistati crede che il pacchetto sia della giusta dimensione o pensa che sia troppo piccolo. Ci sono, naturalmente, differenze di parte, ma anche tra i repubblicani, il 61% sostiene un piano grande come o più grande di quello in lavorazione.

Questo ampio sostegno pubblico per la politica economica firmata da Biden è sorprendente data la profondità delle nostre divisioni politiche. È anche molto diverso da quello che abbiamo visto nei primi mesi dell’amministrazione Obama, durante la Grande Recessione.

Biden ha un’approvazione generale un po’ più bassa e indici di disapprovazione molto più alti di quelli di Barack Obama a questo punto della sua presidenza. Ma la popolarità personale di Obama non si è tradotta in un forte sostegno al suo piano di stimolo, che solo una stretta maggioranza ha sostenuto. Perché questa volta è diverso? Suggerirei tre ragioni.

Primo, il piano di Obama è stato venduto come stimolo: spesa in deficit per aumentare la domanda globale. Questa era la cosa giusta da fare, ma la teoria economica keynesiana che sostiene il deficit spending durante le recessioni è sempre stata difficile da capire per molte persone. Quando John Boehner, il leader repubblicano della Camera, si lamentava che “le famiglie americane stanno stringendo la cinghia, ma non vedono il governo stringere la cinghia”, stava vendendo economia spazzatura, ma suonava bene a molti elettori.

Il piano Biden, al contrario, non è uno stimolo – anche se molti rapporti dei media continuano a chiamarlo così. È un aiuto per i disastri. E ad un certo livello penso che gli elettori lo capiscano, e sostengono gli aiuti a coloro che sono stati feriti dalla pandemia.

In secondo luogo, lo stimolo di Obama è stato confuso nella mente di molte persone con altre politiche, come i salvataggi di Wall Street, che erano profondamente impopolari. In particolare, il movimento del Tea Party non era, nonostante molte affermazioni dei commentatori, principalmente una protesta contro i deficit di bilancio. È iniziato con l’indignazione per l’idea che i “perdenti” potessero ricevere una riduzione del debito.

Questa volta non c’è nulla di paragonabile. La maggior parte degli americani sembra rendersi conto che le persone che hanno perso il lavoro a causa della Covid-19 non stanno soffrendo per la loro incapacità.

Infine, i politici repubblicani hanno perso tutta la credibilità sulle questioni fiscali. Nel 2009 molte persone credevano loro quando fingevano di preoccuparsi dei deficit di bilancio. Da allora, sia il fallimento del materializzarsi della crisi fiscale spesso prevista, sia il modo in cui il G.O.P. ha fatto passare un enorme e non finanziato taglio delle tasse sotto Trump, hanno reso difficile prendere sul serio queste impostazioni.

Infatti, le uniche obiezioni coerenti al piano di Biden sembrano provenire da alcuni economisti di centro-sinistra che si preoccupano che porterà al surriscaldamento economico. Molti, forse la maggior parte degli altri economisti, me compreso, non sono d’accordo, ed è probabile che il piano passi più o meno come proposto. Ma è sorprendente che i politici del G.O.P. stiano a malapena cercando di sfidare i piani democratici nel merito.

Questo vuoto intellettuale non impedirà ai repubblicani al Congresso di votare contro il piano Biden, possibilmente all’unanimità. Ma così facendo saranno in contrasto non solo con il pubblico in generale, ma anche con molti dei loro stessi elettori. E questo potrebbe essere importante.

In un mondo migliore, la continua fedeltà del Partito Repubblicano a un ex presidente che ha cercato di rovesciare un’elezione con bugie e violenza produrrebbe un massiccio contraccolpo degli elettori; in America nel 2021, non così tanto.

Ma le questioni sul portafogli muovono ancora gli elettori. La bassa disoccupazione ha aiutato i repubblicani a fare meglio nelle elezioni del 2020 di quanto la maggior parte degli analisti si aspettasse; la promessa di assegni di sollievo ha aiutato i democratici a vincere i ballottaggi in Georgia, e con essi il controllo del Senato. Il che è, tra l’altro, uno dei motivi per cui sarebbe sciocco ridimensionare la spesa per gli aiuti, perché alcuni economisti pensano che sia eccessiva.

Questo significa che il rifiuto dei repubblicani al Congresso di sostenere politiche economiche molto popolari può fare al partito più danni della loro complicità in un violento tentativo di invertire i risultati elettorali. Non è giusto o corretto; ma la rigidità ideologica del G.O.P. in un momento di crisi economica può essere politicamente più importante del suo rifiuto della democrazia e dello stato di diritto.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati