Advertisement
skip to Main Content

Che cosa ha fatto l’intelligence di Israele in Iran. Report Nyt

Mossad

Il Mossad ha assassinato Mohsen Fakhrizadeh, lo scienziato militare responsabile del programma nucleare iraniano, utilizzando un robot telecomandato, secondo il New York Times. L’articolo di Giuseppe Gagliano

Secondo un nuovo rapporto, la principale agenzia di intelligence esterna di Israele, il Mossad, ha assassinato lo scienziato militare responsabile del programma nucleare iraniano utilizzando un robot telecomandato.
Mohsen Fakhrizadeh era un generale di brigata del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica (IRGC), la forza paramilitare d’élite iraniana. È stato assassinato insieme a sua moglie il 27 novembre 2020, in un assalto armato avvenuto nella periferia orientale di Teheran. L’attacco, durato non più di 3 minuti, è avvenuto in pieno giorno. Nessun arresto è stato effettuato in relazione agli omicidi.
Poco dopo l’assassinio di Fakhrizadeh, le autorità iraniane hanno affermato che il Mossad aveva orchestrato la sua uccisione e i media iraniani hanno riportato notizie sulle presunte identità degli assassini.
Ma nel febbraio di quest’anno, il settimanale londinese The Jewish Chronicle ha affermato che il Mossad aveva ucciso il generale dell’IRGC usando una “pistola telecomandata da una tonnellata contrabbandata in Iran pezzo per pezzo per otto mesi”. Non c’è stata alcuna conferma di tale rapporto e i dettagli dietro l’uccisione di Fakhrizadeh rimangono vaghi.
Sabato, tuttavia, un articolo di Ronen Bergman e Farnaz Fassihi del New York Times ha sostenuto l’opinione che il Fakhrizadeh è stato ucciso da un dispositivo robotico avanzato telecomandato. Secondo il nuovo rapporto, l’apparato era stato montato dagli agenti del Mossad nel letto di uno Zamyad blu, un popolare modello di pick-up Nissan di fabbricazione iraniana. Una mitragliatrice FN MAG 7,62 mm di fabbricazione belga era nascosta sotto materiale da costruzione e un telone pesante, afferma l’articolo. Ha ripetuto l’affermazione del The Jewish Chronicle secondo cui il dispositivo era stato contrabbandato in Iran da agenti del Mossad in pezzi, per un lungo periodo di tempo.
Secondo Bergman e Fassihi, gli assassini di Fakhrizadeh operavano a distanza, e non c’era nessuna squadra d’assalto del Mossad a terra a Teheran quando è avvenuto l’assassinio. In effetti, la squadra del Mossad che ha installato l’apparato robotico avanzato “aveva già lasciato l’Iran” quando è stato premuto il grilletto.
L’intelligenza artificiale è stata impiegata per garantire che le azioni del cecchino remoto avessero successo. Tuttavia, gli esplosivi che avrebbero dovuto distruggere l’apparato dopo l’assassinio di Fakhrizadeh hanno in parte funzionato male, consentendo così agli iraniani di accedere al veicolo, alla mitragliatrice e al meccanismo di controllo parzialmente danneggiati, ha affermato il Times.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore