Advertisement
skip to Main Content

Cosa si muove dentro l’intelligence di Israele

Israele Marocco

Il punto di Giuseppe Gagliano

Ronan Bar è stato nominato capo del servizio di intelligence interno israeliano, Shin Bet, in sostituzione di Nadav Argaman, il 13 ottobre.

Il servizio è alle prese con un importante passaggio dalla tradizionale raccolta di informazioni umane verso un uso molto più ampio della cyber intelligence. Oltre a supervisionare questa trasformazione, che è stata evidente nella riuscita cattura di prigionieri evasi da parte di Israele il mese scorso, Bar dovrà affrontare anche una serie di sfide, tra cui la crescente violenza nella popolazione araba israeliana.

Bar, 55 anni, ha prestato servizio nell’unità d’élite delle forze speciali delle forze di difesa israeliane Sayeret Matkal nel 1983-1987, insieme al suo amico e vicino David Barnea, che è stato nominato capo del Mossad il 1 giugno. Agente dello Shin Bet dal 1991, Bar ha trascorso molti anni nel dipartimento operativo, di cui è stato nominato capo nel 2005, con la responsabilità di monitorare le fazioni palestinesi in Cisgiordania ea Gaza.

Durante la sua carriera, ha preso delle pause per studiare politica all’Università di Tel Aviv e amministrazione pubblica ad Harvard. È diventato vice capo del servizio nel 2018 dopo due anni alla guida delle risorse umane.

La scelta di Bar da parte del nuovo primo ministro israeliano Naftali Bennett, che, a differenza di lui, non è religioso, è un’ulteriore indicazione della crescente preminenza delle forze israeliane alla guida dell’apparato di sicurezza del Paese, insieme ad Aharon Haliva, il nuovo capo di Aman, il servizio di intelligence militare e Aviv Kochavi, capo di stato maggiore delle forze di difesa israeliane.

Dopo i suoi molti anni nella parte operativa dello Shin Bet, Bar continuerà il delicato monitoraggio dei gruppi palestinesi come Hamas, che ha rivelato l’identità di Bar il 27 settembre nei media , garantendo nel contempo che la cooperazione in materia di sicurezza con le autorità palestinesi continui. Questa partnership è regolarmente messa in discussione, nonostante la sua natura essenziale a causa della fitta rete di risorse umane che la Sicurezza Preventiva, guidata da Majed Faraj ha a sua disposizione in Cisgiordania.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore