skip to Main Content

Presidenziali 2024

I tre fattori che rendono impossibile dire chi sarà il prossimo presidente Usa. Report Economist

L'incertezza tra gli elettori Usa pesa sui pronostici per le presidenziali di novembre e tra i vari fattori che potrebbero determinare la vittoria di Biden o di Trump ce ne sono tre che accrescono ancora di più di dubbi. L'articolo dell'Economist

 

E così è confermato. Dopo il Super Tuesday, sembra chiaro che le elezioni presidenziali del 2024 saranno una rivincita – la prima volta che un ex presidente sfida un presidente in carica dal 1912, scrive l’Economist.

I candidati sono molto noti, ma circa il 12% degli elettori non ha ancora scelto tra loro. Questi elettori potrebbero decidere quella che si preannuncia come una corsa serrata. Nelle sei elezioni precedenti al 2000, il margine medio di vittoria nel voto popolare è stato di nove punti. Nelle sei successive al 2000 è stato di tre punti. Anche questo dato non è sufficiente a dimostrare quanto siano vicine le elezioni presidenziali di questi tempi. Solo sei Stati saranno competitivi a novembre. L’ultima volta hanno votato 160 milioni di americani, ma Joe Biden ha vinto in Wisconsin, lo Stato che ha fatto da ago della bilancia, per 20.000 voti, pari allo 0,013% del totale dei voti espressi. Quando le elezioni sono così vicine, piccole differenze nei risultati possono avere effetti che cambiano il mondo.

Per questo motivo, uno qualsiasi di una dozzina di fattori potrebbe far pendere le elezioni verso il presidente Biden o Donald Trump. Ci sono i temi: l’economia, la frontiera, l’aborto. Ci sono le operazioni di affluenza e persuasione, i donatori e i volontari. Ma in questa elezione ci sono anche altre tre grandi aree di incertezza.

LE TERZE OPZIONI A BIDEN E TRUMP

La prima è il ruolo dei terzi partiti. Molti americani trovano entrambi i partiti principali un po’ strani. In teoria, rompere il loro duopolio sarebbe meraviglioso. In pratica, un’occhiata ai candidati terzi esistenti è una cura per questa linea di pensiero. Tra i candidati di quest’anno c’è Jill Stein, un’ambientalista il cui unico contributo all’America potrebbe essere stato quello di facilitare la vittoria di Trump nel 2016 e il suo ritiro dall’accordo sul clima di Parigi. C’è Cornel West, un professore di sinistra che pensa che non ci sia molta differenza tra Biden e Trump. E poi c’è Robert Kennedy junior.

I due grandi partiti custodiscono gelosamente il loro duopolio. Dal 2000, quando Ralph Nader prese abbastanza voti in Florida per far vincere lo Stato a George W. Bush, i partiti hanno inasprito le regole su chi può candidarsi alle elezioni presidenziali. È improbabile che Stein e West si qualifichino in tutti gli Stati (anche se potrebbero comunque danneggiare Biden). Kennedy è diverso. Nei sondaggi che includono i terzi partiti ottiene il 12% dei voti. Ciò suggerisce che dovrebbe ottenere abbastanza firme per essere inserito nella scheda elettorale nella maggior parte degli Stati. E se questi sondaggi si traducessero in una quota di voti a novembre, sarebbe di gran lunga il più alto risultato di un terzo partito dai tempi di Ross Perot nel 1992.

È difficile stabilire con precisione da chi Kennedy trarrebbe più voti. Il cognome suggerisce che attirerebbe più democratici, ma piace di più ai repubblicani. Il suo ambientalismo e il suo scetticismo sui vaccini mescolano temi di destra e di sinistra. I suoi sostenitori sono i ragazzi della Silicon Valley che pensano che la disruption sia un bene intrinseco. Tutto ciò significa che uno scenario in cui Kennedy aiuta Trump a vincere è inquietantemente possibile.

I PROCESSI AL TYCOON

Una seconda grande incertezza, propria di queste elezioni, riguarda i processi di Trump. Questa settimana la Corte Suprema ha inviato un chiaro segnale, con la sentenza 9-0 contro lo Stato del Colorado, che preferisce tenersi fuori da queste elezioni. Trump sarà quindi presente sulla scheda elettorale ovunque. Negli ultimi due anni si è ipotizzato che potesse essere imprigionato prima delle elezioni o che, se rieletto, potesse addirittura governare da una cella. Questo non accadrà. La maggior parte dei processi che deve affrontare non si concluderà, con gli appelli, entro il 5 novembre. L’unico caso che probabilmente sarà deciso in tempo è il più banale: il processo a Trump per aver pagato la pornostar Stormy Daniels per mantenere il silenzio nel 2016 e averlo mascherato come spese legali.

Ciò non significa che i processi siano irrilevanti. Nei nostri sondaggi Economist/YouGov, un terzo degli elettori repubblicani afferma che essere “un criminale” non è una caratteristica desiderabile in un candidato. La partigianeria negativa – la convinzione che qualsiasi cosa faccia la propria parte, l’altra sia peggiore – significa che una grande maggioranza di coloro che hanno votato per Trump in passato lo farà di nuovo. Ma una volta iniziato il processo sul suo ruolo nella rivolta del 6 gennaio 2021, ci sarà da ricordare regolarmente come è finito il suo primo mandato, proprio mentre gli elettori indecisi stanno valutando se dargliene un altro. Certo, la maggior parte degli elettori repubblicani troverà un modo per razionalizzare le accuse contro Trump. Ma i processi sono ancora un freno per lui.

L’ETÀ (DI ENTRAMBI) CHE AVANZA

La terza area di incertezza è l’età dei candidati. Biden e Trump saranno il candidato più anziano e il secondo più anziano mai nominato, il che rende le probabilità di quello che viene educatamente chiamato “evento sanitario” più alte del solito. Sul versante repubblicano, Trump non ha un erede politico. Sta insediando il responsabile della sua campagna elettorale come direttore operativo del partito e sua nuora come co-presidente. Si tratta di una forza fragile. Egli domina il partito a tal punto che, in caso di sua incapacità, si scatenerebbe il caos.

Tra i democratici, invece, si discute se Biden sia in grado di vincere una campagna elettorale a causa della sua età. I suoi sondaggi rimangono stranamente bassi, vista la forza dell’economia. La risposta della Casa Bianca è che i sondaggi sono sbagliati e che le fortune del presidente si risolleveranno quando un maggior numero di elettori inizierà a prestare attenzione. Forse. Ma l’85% degli americani e il 70% dei democratici pensano che sia troppo vecchio per un altro mandato. È improbabile che la situazione cambi.

NON SEMBRA MA I GIOCHI SONO ANCORA APERTI

Se è ancora indietro nei sondaggi degli Stati in bilico prima che il candidato del partito sia incoronato alla convention di agosto, l’argomento principale a favore di Biden – che è la migliore difesa contro un secondo mandato di Trump – sarà difficile da sostenere. Sostituirlo sarebbe rischioso e potrebbe essere caotico. Biden dovrebbe farsi da parte volontariamente, il che sembra improbabile. Kamala Harris, vicepresidente e probabile successore, potrebbe essere un candidato ancora più debole.

Un modo per aggirare il problema sarebbe che i Democratici organizzassero un contest di talenti durante la convention. Il rischio è che i candidati vengano trascinati a sinistra per compiacere un pubblico di attivisti. Un’alternativa sarebbe che i grandi del partito scegliessero una giovane governatrice come Gretchen Whitmer nel Michigan, o un oratore carismatico come il senatore Raphael Warnock della Georgia. Avrebbero così due mesi per fare campagna elettorale, in una bufera di attenzione mediatica, mentre Trump è sotto processo dal 6 gennaio.

Può sembrare inevitabile che le elezioni del 2024 siano tra Biden e Trump. Ma date le stranezze specifiche di questa competizione, c’è più incertezza di quanto si possa pensare.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top