Mondo

Tutti i giudizi (poco giallo-rossi) degli italiani su premier e Conte 2. Report Swg

di

Conte

Che cosa si legge nel più recente report di Swg sulla fiducia degli italiani nel premier Conte e sul governo giallo-rosso. Numeri, tendenze e confronti

 

Cala la fiducia nel presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e nel governo giallo-rosso.

Sono alcune delle tendenze che mostra l’ultimo report curato dalla società di rilevazioni demoscopiche Swg.

Di seguito la nota di commento (“Il sistema politico e la legge elettorale”) e alcune delle slide iniziali del rapporto datato 15 ottobre 2019.

“L’insieme delle domande poste mette in luce la difficoltà di costruire un sistema politico-organizzativo di riferimento per l’opinione pubblica. Si osserva che:

  • si parte dalla piena sfiducia nella politica italiana e nella politica tout court. Questo dato coinvolge tutti, con qualche differenza nell’intensità . Il rapporto è ancora molto difficile
  • la creazione di grandi coalizioni non ha riscontri positivi se non da una flebile maggioranza del PD e del M5S. Se la politica, come abbiamo visto, non piace, una coalizione tra ex-oppositori sembra la conferma di manovre oscure e non risolutive
  • le difficoltà del presente non sono, però, ben individuate dagli elettori. Le cause degli attuali problemi sono: le leggi elettorali, la proliferazione dei partiti, il non ascoltare i cittadini,… In realtà è una società frammentata, in stagnazione; è arduo orientarsi
  • c’è una richiesta – a maggioranza – presentare le coalizioni prima del voto. Il senso è avere chiarezza; si tratta di sapere per che cosa sto votando
  • la rappresentanza deve andare a pochi grandi partiti, per il centrodestra; inversa è la posizione del centrosinistra
  • emerge un certo favore piuttosto trasversale per il sistema elettorale proporzionale. E le precedenti propensioni per forme di maggioritario? Oggi appare troppo sbrigativo
  • Il ballottaggio per le Politiche divide esattamente in tre parti l’opinione pubblica e anche gli elettorati

L’insieme delle distribuzione delle risposte dimostra che l’opinione pubblica è disorientata e confusa; e questo vale anche per la Lega e il M5S. Il vero senso di responsabilità dei partiti sarebbe quello di discutere in modo aperto del tema del sistema elettorale, curando di informare adeguatamente e a lungo i cittadini delle opzioni possibili.

È evidente che il problema non è la legge elettorale – un giro dei paesi europei è sufficiente a dimostrarlo – ma la definizione di una proposta politica capace di riconoscere i mali del Paese”.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati