Advertisement skip to Main Content

Taiwan

Cosa farà l’Ue (e l’Italia) in caso di guerra a Taiwan. Parla Alperovitch

Secondo Dmitri Alperovitch, autore di "World on the Brink", il 2028 sarà l'anno cruciale per capire se gli Stati Uniti e la Cina entreranno in guerra per Taiwan. Ecco ragioni, ipotesi e scenari.

Il 13 novembre 2028 è il giorno in cui la Cina invade Taiwan. A Washington sono le 5 di mattina, e il presidente-eletto sta dormendo in un hotel del Wisconsin. Inizia così World on the Brink, il mondo sull’orlo (del baratro), libro di Dmitri Alperovitch. Che in un colloquio con l’Adnkronos spiega le ragioni di questo scenario, che effetti avrebbe una guerra tra Cina e Stati Uniti su Italia ed Europa, e perché l’Occidente, nonostante tutto, può vincere anche questa Seconda Guerra Fredda.

PERCHÉ PROPRIO IL 2028?

Perché proprio il 13 novembre 2028? Le ragioni sono tante, ma Alperovitch fornisce quelle essenziali: “A cavallo tra 2027 e 2028 Xi Jinping sarà rieletto presidente in un quarto e forse ultimo mandato (oltre gli 80 anni in Cina è difficile non essere pensionati dalla politica), e sarà alla ricerca della mossa che lo consegnerà alla storia; nel gennaio 2028 a Taiwan vincerà di nuovo il partito che vuole mantenere l’indipendenza dell’isola, facendo capire a Pechino che minacce, bullismo e propaganda non bastano a far capitolare la ‘provincia ribelle’; il 7 novembre 2028, giorno delle elezioni presidenziali americane, la Casa Bianca sarà praticamente semi-deserta: il presidente uscente – che sia Biden o Trump – non si sarà potuto ricandidare avendo esaurito il secondo mandato”, e dunque capi ed esperti di sicurezza nel suo entourage saranno usciti dalle porte girevoli che precedono ogni cambio della guardia.

COSA FAREBBE L’EUROPA (E L’ITALIA) IN CASO DI GUERRA A TAIWAN?

Cosa farebbe l’Europa (e dunque l’Italia) in caso di attacco cinese alle basi americane nel Pacifico, mossa inevitabile se Washington dovesse intervenire a difesa di Taiwan? Alperovitch è netto: “A livello militare poco e niente. Non ci sono paesi europei con capacità navali significative in quell’area. Anche se scattasse l’Articolo 5 del Trattato Nato, che prevede la difesa collettiva, gli Stati Uniti al massimo chiederebbero agli alleati di occuparsi in via esclusiva delle questioni militari europee, se per allora dovessero esserci ancora conflitti con la Russia. Certo, una guerra Cina-Usa vorrebbe dire la morte, in poche settimane, di un numero di soldati americani mai visto dai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Davanti a ciò, l’Europa non potrebbe che far scattare un decoupling immediato dalla Cina sul piano commerciale”. Con conseguenze apocalittiche per le economie di tutto il mondo.

(Estratto di un articolo pubblicato su Adnkronos; qui la versione integrale)

Back To Top