Mondo

Google, Amazon, Apple e Facebook alla prova del Congresso Usa

di

ALPHABET

È atteso per lunedì 27 luglio l’appuntamento con i ceo di Amazon, Google, Apple e Facebook: all’ordine del giorno delle audizioni al Congresso Usa ci saranno questioni antitrust, disinformazione, censura, privacy e Cina

 

C’è grande attesa per l’appuntamento di lunedì 27 luglio quando i numeri uno di alcune delle più grandi società tecnologiche testimonieranno al Congresso degli Stati Uniti, presso la sottocommissione Antitrust, sulle indagini in corso riguardanti la concorrenza nel mercato digitale.

Per la prima volta sfileranno tutti insieme il CEO di Amazon Jeff Bezos, il CEO di Apple Tim Cook, quello di Google Sundar Pichai e di Facebook Mark Zuckerberg. “Dallo scorso giugno, la sottocommissione ha indagato sul predominio di un numero limitato di piattaforme digitali e sull’adeguatezza delle leggi e delle normative antitrust esistenti – hanno dichiarato il presidente della commissione giudiziaria della Camera Jerrold Nadler e il presidente della sottocommissione antitrust David Cicilline in una dichiarazione congiunta secondo quanto riportato dal portale Cnet -. Dato il ruolo centrale che queste società svolgono nella vita del popolo americano, è fondamentale che i loro amministratori delegati siano ascoltati. Come abbiamo detto fin dall’inizio, la loro testimonianza è essenziale per completare questa indagine”.

I DIRIGENTI APPARIRANNO DI PERSONA?

Questa parte non è chiara. Nell’annunciare l’udienza, il comunicato stampa di accompagnamento ha osservato che “in base alle attuali Regole della Camera, testimoni e deputati possono apparire virtualmente”. Dato l’aumento dei casi COVID-19 in tutto il paese, non è chiaro se i dirigenti o i membri del sottocomitato appariranno di persona in udienza o se invece sceglieranno di apparire in remoto.

“Ciò per cui stiamo cercando di lottare è un formato in cui gli amministratori delegati non possono nascondersi l’uno dietro l’altro o trarre vantaggio dalla struttura, mostrarsi e ottenere credito per presentarsi, ma in realtà non fornire le informazioni che il sottocomitato sta cercando, “, Ha detto la grande critica tecnologica Sarah Miller, direttrice esecutiva dell’American Economic Liberties Project, secondo quanto si legge su Politico.

PERCHÉ È IMPORTANTE?

Indipendentemente da ciò che si fa online, chiunque è influenzato da almeno una delle quattro società in un modo abbastanza importante, sottolinea Cnet. “Apple e Google gestiscono i due sistemi operativi mobili più famosi al mondo e controllano rispettivamente l’ App Store di iOS e il Google Play Store di Android. Negli ultimi mesi Apple ha affrontato le crescenti preoccupazioni antitrust in merito alle sue pratiche sull’App Store, con l’Unione Europea che ha avviato un’indagine sul negozio digitale e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti che si dice stia valutando un’azione simile”.

I GUAI DI AMAZON

Amazon ha dalla sua parte la sua gigantesca presenza nell’e-commerce e produce i propri prodotti, alcuni dei quali competono con quelli di altri venditori nel suo negozio online. Questi potenziali dati aggiuntivi a cui Amazon ha accesso sono stati messi a fuoco dopo che un rapporto del Wall Street Journal ha spiegato come Amazon ha utilizzato tali dati per aiutarli a stabilire i prezzi, determinare quali funzionalità includere e decidere se valeva la pena essere coinvolti in una categoria di prodotti. “Dopo l’uscita della storia del Wall Street Journal, il Congresso ha invitato Bezos a testimoniare”.

GOOGLE E FACEBOOK SULLA GRATICOLA

Google e Facebook, oltre a gestire il motore di ricerca e il social network più famosi del paese, dominano rispettivamente la maggior parte del mercato della pubblicità digitale. Google è stato sottoposto a un maggiore controllo antitrust da parte degli Stati in tutto il paese per quanto riguarda la sua attività pubblicitaria, e il DOJ dovrebbe presentare la sua azione legale questa estate.

Facebook ha rivelato l’anno scorso che la Federal Trade Commission ha avviato un’indagine sugli acquisti dell’azienda di Instagram e WhatsApp e se sono stati fatti per soffocare la concorrenza. Oltre a comparire davanti al Congresso, Zuckerberg e il suo COO Sheryl Sandberg potrebbero essere ascoltati dall’FTC nel corso delle indagini.

DI COSA SI PARLERA’

“I lavori si concentreranno su questioni di comportamento monopolistico, ma l’evento sarà alimentato da una più lunga lista di lamentele di entrambe le parti sulla disinformazione, la censura, la privacy dei consumatori, la Cina e altro ancora”, hanno sottolineato Margaret Harding McGill e Ashley Gold di Axios.

LA DISINFORMAZIONE

A parte l’aspetto Antitrust, il tema più caldo e sicuramente quello della disinformazione: dalle elezioni del 2016, le piattaforme tecnologiche, in particolare Facebook, hanno lottato con il modo di affrontare la disinformazione su tutto, dal voto ai vaccini, bilanciando gli sforzi per rimuovere le false informazioni contro la libertà di parola. Con le elezioni del 2020, i legislatori – in particolare i Democratici – sono sicuri di fare pressione sulle piattaforme per controllare la disinformazione sia sulle pubblicità a pagamento che sui post online.

I legislatori, insieme al Presidente Trump, hanno messo in dubbio che le aziende tecnologiche che ospitano contenuti di terze parti debbano continuare ad essere protette ai sensi della sezione 230 del Communications Decency Act da anni.

“Aspettatevi che i Democratici si chiedano perché la Sezione 230 dovrebbe stare in piedi se le aziende tecnologiche non possono controllare i discorsi di odio sulle loro piattaforme – e che i Repubblicani accusino le aziende di usare la legge per perpetuare pregiudizi contro i conservatori”, si legge su Axios.

LA QUESTIONE CINESE

Per quanto riguarda la Cina, l’amministrazione Trump ha senza dubbio adottato una linea dura arrivando di recente a minacciare di bandire l’applicazione video cinese TikTok. Allo stesso tempo, il procuratore generale Bill Barr ha criticato Apple per quello che considera un’approvazione da parte del governo cinese, eliminando le applicazioni nel suo App Store e producendo molti dei suoi telefoni in Cina. Facebook non opera in Cina, mentre Google è stato criticato per aver preso in considerazione la possibilità di creare un motore di ricerca censurato.

LA PRIVACY

Infine la privacy: la diffidenza di molti legislatori nei confronti dei giganti della tecnologia si basa sul modo in cui raccolgono, condividono e utilizzano i dati dei consumatori. Questi dati hanno permesso a Google e Facebook di diventare dei pesi massimi della pubblicità digitale, spingendo a richiedere una regolamentazione della raccolta dati e della pubblicità mirata.

“Sicuramente si tratta l’udienza antitrust di più alto profilo da quando i federali hanno dato la caccia a Bill Gates e Microsoft negli anni Novanta”, hanno osservato Harding McGill e Gold di Axios aggiungendo che “Washington una volta si rivolse all’industria tecnologica per le idee, la crescita economica e i segnali di speranza che gli Stati Uniti potessero innovare il loro modo di superare i problemi. Oggi, invece, la capitale vede la tecnologia come un generatore di innumerevoli problemi e minacce che richiedono un’azione governativa”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati