Advertisement
skip to Main Content

Germania, cosa farà il governo Scholz su energia e non solo

Governo Scholz

Fatti e scenari sul prossimo governo Scholz in Germania. L’intervento di Gianni Bessi, consigliere regionale del Pd in Emilia-Romagna e autore di Post-Merkel. Un vuoto che solo l’Europa può riempire (goWare, 2021)

 

Il nuovo governo tedesco non è ancora ufficialmente nato, sebbene la casella più importante, quella di primo ministro, sia saldamente occupata da Olaf Scholz, che a questo punto può essere senza tema di smentita definito il successore di Angela Merkel. Era stata la stessa cancelliera del resto ad avviare il passaggio, presentandolo ufficialmente alle riunioni fra i ‘grandi’ della terra. Certo ora, visto l’aggravarsi della situazione sanitaria causata dalla pandemia, la nascita del nuovo esecutivo cosiddetto ‘semaforo’ – cioè composto da un’inedita alleanza tra socialdemocratici, verdi e liberali – ha subito un’accelerazione: ieri è già stato presentato l’accordo tra le tre forze che lo compongono, Spd, Fdp e Grüne. Ora si aspetta il giuramento del nuovo cancelliere che dovrebbe avere luogo nella settimana che inizia il 6 dicembre.

Scholz ha chiuso il negoziato con il coinvolgimento diretto dei leader dell’inedita coalizione i ruoli chiave: in special modo, la coppia i Verdi Robert Habeck e Annalena Baerbock. Il primo sarà vicecancelliere e ministro di un dicastero dell’Ambiente ‘rafforzato’, sulla falsariga del nostro Mite, la seconda ministro degli Esteri.

Per quanto riguarda il dicastero delle finanze sul tavolo continua a esserci solo il nome del liberale Christian Lindner, sul quale si sono scontrate perplessità e ferme difese. E visto che l’accordo deve comunque essere ancora approvato dagli organismi dei tre partiti, continua l’incessante bisbiglìo dei dietro alle quinte della politica, che tiene in vita ipotesi di vecchi scenari e di opzioni ancora non esplorate. Perché in politica nulla è mai scontato, neppure in Germania.

Ma andiamo per ordine e ripercorriamo alcuni passaggi significativi di queste ultime settimane. Lo faccio prendendo spunto da un articolo degli economisti Joseph Stiglitz e Adam Tooze, che definiscono Lindner non adatto a ricoprire l’incarico di ministro delle finanze perché proprio la politica finanziaria è stata il tema centrale della campagna elettorale dei liberali. E l’Europa in questo momento non ha bisogno di una politica di bilancio conservatrice e restrittiva, in pratica una politica di austerità, perché sarebbe una frattura netta con la precedente politica finanziaria tedesca, incarnata proprio da Olaf Scholz e comunque dettata da Angela Merkel, prima sostenitrice del Recovery fund e delle azioni collegate. Oggi sappiamo che l’ipotesi di Stiglitz e Tooze non si realizzerà, vista la composizione del nuovo esecutivo, ma aveva una sua ragione e un suo fascino anche perché Lindner a parere dei due economisti sarebbe perfetto come ministro per la tecnologia digitale. Il motivo è che «FDP rappresenta una fetta importante dell’elettorale tedesco, soprattutto quello più giovanile.

Esso infatti interpreta un’energia politica aperta al high-tech, alla modernizzazione, alla liberalizzazione e all’imprenditorialità». Invece avrebbero visto con piacere alle finanze un esponente dei Verdi: come secondo partito della coalizione sono la vera novità delle ultime elezioni e i loro leader giovani e popolari. Il ministero delle Finanze è di fatto il gabinetto più importante dello Stato federale tenuto conto che la politica estera, l’altro ministero ‘pesante’, è di fatto gestita dal cancelliere, anche per il suo ruolo all’interno del modello intergovernativo del Consiglio europeo. Per i Verdi controllare il bilancio federale significherebbe soprattutto indirizzare la nuova politica ambientale della repubblica federale: in sostanza, non sono le idee ma i soldi che potranno concretizzare la transizione ecologica, come sappiamo bene anche in Italia.

Resta comunque valido il teorema che qualsiasi posizione di governo occuperanno i Verdi saranno in grado di tenere il punto su alcune scelte che vanno nella direzione della decarbonizzazione, come l’uscita definitiva dal carbone come fonte fossile, sebbene proprio quest’anno le centrali a carbone abbiamo superato gli impianti eolici come produttrici di energia in Germania. Dall’altra parte, come partito di governo dovranno cedere ad alcuni compromessi e ammainare qualche vessillo del loro programma economico. Del resto non è un passo inedito per loro: l’hanno già fatto in occasione dell’esperienza nel Governo Schröder quando il loro leader storico Fisher mise da parte punti importanti del programma come l’uscita dalla Nato e l’estremismo pacifista. Oggi, per dare un nome alle cose, si tratterebbe di accettare la presenza del gas naturale nella Tassonomia europea e rinunciare all’introduzione di una tassa fissa di 60 euro per tonnellata di CO2 prodotta, cosa che spaventa il Mittelstand, il potente sistema delle piccole e medie imprese. E questo al di là di qualsiasi annuncio perché il pragmatismo tedesco piano piano modella tali scelte.

Non dimentichiamo che l’uscita dal nucleare e dal carbone richiede diversi passaggi, alcuni dei quali come la costruzione del gasdotto Nord Stream 2, sono già stati portati (quasi) a termine mentre altri, come gli 8 miliardi di euro per finanziare 62 nuovi progetti sull’idrogeno, sono in via di attuazione.

Tornando ai bisbiglìo della politica, destinato a restare un rumore di fondo fino al giuramento di Scholz, c’è un’ombra che si materializzerebbe nel caso salti l’accordo e la coalizione ‘a semaforo’ vacilli: il piano B inevitabile sarebbe la riproposta dell’attuale Grosse koalition.

Se così fosse l’identikit del nuovo ministro delle finanze è di facile definizione: un economista che sia gradito al socialdemocratico Scholz e abbia l’attributo di essere stato scelto per importanti incarichi proprio da Angela Merkel. Il nome è ovviamente quello di Jens Weidmann, l’ex presidente della Bundesbank che – qualcuno potrebbe commentare ‘opportunamente’ – si è dimesso proprio a ridosso della formazione del nuovo governo tedesco. In questo caso il sostegno finanziario alla transizione ecologica, nel solco della politica del duo Merkel-Scholz, sarebbe assicurato e, probabilmente, vedrebbe soddisfatti i grandi junker industriali, la Mittelstand e i sindacati, sempre disponibili a muoversi nel solco del ‘sincretismo tedesco’. Un elemento della storia e della cultura politica tedesca che ha giocato un ruolo nel trovare la quadra per la coalizione a semaforo presentata ieri in conferenza stampa dai tre leader.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore