skip to Main Content

Germania

Ecco come la Germania cerca di favorire le sue pmi in Europa

Berlino cerca di proteggere alcune delle sue aziende più piccole dagli obblighi di sostenibilità dell'Ue. L'articolo del Financial Times.

La Germania sta cercando di esonerare migliaia di aziende del Mittelstand dalle regole dell’UE in materia di rendicontazione ecologica, in una mossa che, secondo i funzionari, rischia di “sventrare” gli sforzi del blocco per rendere le aziende responsabili del loro impatto sull’ambiente. Scrive il Financial Times.

LA GERMANIA VUOLE RIVEDERE LA DEFINIZIONE DI PMI

Secondo un documento della coalizione di governo adottato a fine agosto e visionato dal Financial Times, Berlino vorrebbe che Bruxelles ampliasse la definizione di piccole e medie imprese, innalzando la soglia da 250 a 500 dipendenti, per “limitare l’onere [burocratico] che grava su di esse allo stretto necessario”.

La proposta risparmierebbe tra le 7.500 e le 8.000 aziende dall’obbligo di conformarsi alle regole di rendicontazione della sostenibilità recentemente adottate, secondo i calcoli dei funzionari dell’UE basati su uno studio del Centro per gli studi di politica europea per conto della Commissione europea.

Anche Parigi è stata consultata in questo sforzo, ma finora non ha approvato la proposta tedesca.

LA GERMANIA VUOLE “SVENTRARE” LE NORME EUROPEE?

Lo sforzo fa parte di una più ampia spinta per alleggerire la burocrazia per le aziende del blocco che lottano contro l’alta inflazione, la carenza di personale e un mercato globale sempre più protezionistico, ma i legislatori dell’UE hanno inveito contro l’introduzione di modifiche tardive alle regole di rendicontazione, che sono state adottate solo quest’anno.

Pascal Durand, eurodeputato socialista francese che ha guidato i negoziati sulle norme di rendicontazione della sostenibilità aziendale, ha dichiarato che riaprire il dibattito “su uno degli elementi chiave” della legge sul clima dell’UE rischierebbe di “ridurre significativamente” l’impatto della direttiva e di “penalizzare in ultima analisi migliaia di aziende che hanno iniziato a riorganizzare le loro attività per soddisfare i nuovi standard di sostenibilità e rendicontazione”.

Un funzionario dell’UE ha dichiarato che la proposta tedesca equivale a “sventrare” le nuove norme.

LE PMI, SECONDO LA COMMISSIONE EUROPEA

La settimana scorsa la Commissione ha segnalato l’intenzione di rivedere il numero di PMI che rientrano nel campo di applicazione di regolamenti finanziari come il bilancio di sostenibilità e la tassonomia verde del blocco, un libro di regole che mira a guidare gli investimenti verso le attività più rispettose dell’ambiente.

La soglia che definisce le PMI potrebbe essere modificata in base all’inflazione, secondo una bozza di proposta pubblicata dalla Commissione la scorsa settimana.

“Capisco l’utilità di aumentare la soglia per riflettere l’inflazione, ma perché cambiare la soglia dei dipendenti e per di più di così tanto?”, ha dichiarato Aleksandra Palinska, direttore esecutivo di Eurosif, il Forum europeo per gli investimenti sostenibili. “Un cambiamento del genere avrebbe implicazioni su tutta la linea per un’ampia gamma di norme europee, e cambiare la soglia in modo così drastico senza considerare tutte le implicazioni sarebbe poco saggio”.

In base alle regole attuali, sono incluse solo le PMI quotate in borsa, che non dovranno riferire sui loro impatti ambientali e sociali fino al 2026.

Secondo la definizione dell’OCSE, una PMI ha un numero di dipendenti pari o inferiore a 250. La soglia attuale dell’UE prevede che un’impresa abbia un impatto sull’ambiente e sulla società fino al 2026. L’attuale soglia dell’UE prevede che un’azienda soddisfi i parametri di riferimento in due di tre aree: numero di dipendenti, fatturato netto e bilancio totale.

COSA PENSA LA FRANCIA

Il Ministero delle Finanze francese ha dichiarato di essere “assolutamente favorevole” allo sforzo dell’UE di ridurre gli oneri burocratici, ma di aver appena iniziato a discutere i tecnicismi legali di una tale mossa.

Bruno Le Maire e Christian Lindner, i ministri delle Finanze francese e tedesco, hanno dichiarato in un articolo congiunto sul Financial Times della scorsa settimana che “dovremmo migliorare ulteriormente” il quadro finanziario sostenibile dell’UE e che “dobbiamo assicurarci che i requisiti siano gestibili”.

L’appello arriva tra i timori che le industrie del blocco stiano perdendo il loro vantaggio competitivo a causa di tutte le nuove norme introdotte come parte della legge sul clima Green Deal dell’UE, che mira a spingere il blocco a raggiungere emissioni nette zero entro il 2050.

Sono in corso di negoziazione ulteriori norme che obbligheranno le aziende a garantire che le loro catene di fornitura siano prive di rischi ESG.

Il Conference Board, un gruppo imprenditoriale senza scopo di lucro, ha dichiarato che le aziende intervistate hanno stimato che i costi diretti legati al rispetto delle regole di due diligence oscillerebbero tra i 250.000 e i 500.000 euro.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top