Mondo

F35, come decollano le tensioni fra Russia e Stati Uniti dopo l’incontro Putin-Erdogan

di

Tutti i temi al centro della terza visita del presidente turco Erdogan in Russia che hanno fatto imbufalire gli Stati Uniti per la vicenda F35. L’articolo di Marco Orioles

Lunedì scorso il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha accolto al Cremlino il suo collega turco Recep Tayyip Erdogan per la cerimonia inaugurale dell’anno cross-culturale russo-turco.

È la terza visita quest’anno di Erdogan in Russia: un’assiduità che, oltre alla crescente cooperazione tra i due Paesi, evidenzia il rapporto personale instauratosi tra i rispettivi leader che, oltre ad essere in costante contatto, sono usi chiamarsi vicendevolmente, come hanno fatto anche in quest’occasione, “mio caro amico”.

In primo piano, nei colloqui moscoviti, la questione scottante degli S-400, il sistema russo di difesa anti-aerea che la Turchia ha deciso di acquistare nel dicembre 2017 generando l’allarme degli Stati Uniti e della Nato.

“Sulla questione degli S-400”, ha affermato Erdogan, “abbiamo determinato la nostra road map” che, dopo la sigla dell’accordo con Mosca, prevede ora la consegna del sistema. A nulla varranno le intimidazioni degli Usa: “Coloro che ci dicono di rinunciare ai nostri piani, che ci fanno raccomandazioni, non ci conoscono. Se abbiamo fatto un contratto, se abbiamo raggiunto un accordo, allora questo affare è concluso. Questo è il nostro diritto sovrano, questa è la nostra decisione”.

“Siamo qui”, aveva spiegato Erdogan ai giornalisti che lo hanno seguito a Mosca, “come una delle più forti potenze militari della Nato. Quando ci vengono rivolte simili critiche, come mai nessuno menziona il punto di vista della Turchia? Intendo dire, come mai uno degli eserciti più forti della Nato non può avere un forte sistema di difesa aerea?”

La risposta di Erdogan è semplice e si traduce in un’accusa di doppio standard rivolta agli Stati Uniti. Washington punta il dito sulla Turchia, e la minaccia di ritorsioni, perché acquista gli S-400? E come mai non dice nulla a quei suoi partner come Grecia, Bulgaria e Slovacchia che hanno in dotazione sistemi analoghi?

Secondo Erdogan, inoltre, la colpa dell’attuale crisi con Washington è da attribuirsi alla mancata cooperazione dell’America. Il presidente turco ha ricordato che il suo Paese in origine aveva espresso l’intenzione di acquisire il sistema di difesa anti-aerea made in Usa, i famosi Patriot, e aveva avviato una trattativa nel 2009 con l’amministrazione guidata allora dal neo-insediato Barack Obama. Ma il Congresso si mise di traverso e fece sfumare un affare valutato allora in 7,8 miliardi di dollari.

Mentre Erdogan era a Mosca, a intervenire sul caso S-400 è stato anche il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu. Intervistato dall’emittente tv turca NTV, Cavusoglu ha detto che “se gli Stati Uniti vogliono venderci i Patriot, allora li compreremo. Ma se gli Stati Uniti non vogliono vendere, potremmo comprare altri S-400 o altri sistemi”.

Cavusoglu ha gettato altra benzina del fuoco di questa polemica tra alleati sollevando la questione degli F-35, che l’America adesso non vuole consegnare più alla Turchia per punirla per la scelta di acquistare gli S-400. “Se gli F-35 non funzionano”, ha dichiarato Cavusoglu, “dovrò procurarmi altrove i jet di cui ho bisogno. Ci sono gli SU-34 (russi), gli SU-57 e altri modelli”.

Cavusoglu è entrato nel merito anche della presunta incompatibilità tra S-400 ed F-35. “Gli F-35 Usa volano sulla Siria ogni giorno e lì ci sono sistemi S-400. Non pongono alcuna minaccia nonostante siano sistemi completamente sotto il controllo russo, dunque perché porrebbero un rischio quando saranno sotto il controllo turco?”.

La Turchia, insomma, tira diritto sugli S-400, facendo giubilare Putin. Che ora punta a rafforzare la cooperazione militare con l’alleato sul Bosforo. “Possiamo”, ha affermato raggiante il presidente russo al fianco del collega turco, “raggiungere accordi sullo sviluppo congiunto e la produzione di armi hi-tech”.

Quello della difesa non è l’unico settore in cui sta Russia e Turchia vanno sempre più d’amore e d’accordo. Anche nel campo dell’energia il rapporto è eccellente. Qui, per usare le parole di Putin, la cooperazione tra i due Paesi ha assunto “un carattere davvero strategico”. La Russia, ha spiegato il capo del Cremlino, “è il più grande fornitore di gas naturale alla Turchia, e l’anno scorso 24 miliardi di metri cubi sono stati esportati in Turchia. Questo copre quasi la metà delle necessità del Paese”.

Sempre in campo di energia, è stato anche ricordato che il segmento sottomarino del gasdotto TurkStream, che attraverserà il Mar Nero, è appena stato completato, e che l’impianto entrerà in funzione entro la fine dell’anno. La Russia, inoltre, costruirà a partire dal 2023 la prima centrale nucleare turca ad Akkuyu.

Dopo il colloquio bilaterale, Erdogan e Putin hanno presieduto i lavori dell’Alto Consiglio di Cooperazione turco-russo, un format inaugurato nel 2010

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati