Advertisement
skip to Main Content

Come Macron caldeggerà i Rafale di Dassault in Medio Oriente

Grecia

Il presidente francese Macron cerca di promuovere la vendita di aerei Rafale di Dassault negli Emirati Arabi Uniti. L’approfondimento di Giuseppe Gagliano

 

Il team diplomatico all’Eliseo è attualmente concentrato sui preparativi per il nuovo tour in Medio Oriente di Emmanuel Macron del suo mandato presidenziale quinquennale, che dovrebbe portarlo ad Abu Dhabi e Riyadh, con una possibile tappa a Beirut. Il viaggio è previsto per dopo il suo viaggio in Ucraina. Secondo diverse fonti, il leader francese potrebbe invitarsi come guest star al Dubai Air Show (DAS), che si terrà dal 14 al 18 novembre negli Emirati Arabi Uniti. Dovrebbe anche avere colloqui con il principe ereditario Mohamed bin Zayed al-Nahyan (MbZ).

INTERVENIRE NELLA GUERRA FREDDA AMERICA-EMIRATI

Per Parigi si tratta di provare tutto: l’amministratore delegato di Dassault Eric Trappier e il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian sono già al lavoro per portare avanti il caso Rafale, attualmente bloccato nel Paese. Nella lite tra Abu Dhabi e Washington, gli strateghi dell’Eliseo e del Quai d’Orsay vedono un’opportunità per far passare questo accordo. Per i leader degli Emirati Arabi Uniti, il rilancio della campagna di Rafale potrebbe consentire loro di alzare la posta in gioco con Washington.

Da mesi la Casa Bianca cerca di utilizzare questo accordo per la vendita di velivoli F-35, stimati in 23 miliardi di dollari, come merce di scambio. Gli Usa vorrebbero vedere l’abbandono dei negoziati strategici tra Pechino e Abu Dhabi. Tuttavia, gli Emirati Arabi Uniti non sembrano preoccupati da questa mossa, dato che proseguono i progetti tra Emirati e gruppi strategici cinesi.

Da oltre dodici anni Dassault sogna di concludere un accordo con Rafale negli Emirati Arabi Uniti. Da allora il gruppo si è unito alle nuove esigenze industriali di Abu Dhabi. Accanto a Airbus Group, Lockheed Martin e Thales, Dassault ha ora una partnership con Global Aerospace Logistics (GAL), la società dedicata alla manutenzione aeronautica e ora integrata nel conglomerato semi-pubblico EDGE Group, che è responsabile dell’industria della difesa. Dall’aprile 2020 il GAL è guidato dall’ex ufficiale dell’esercito degli Emirati Arabi Uniti Mohamed al-Khemairi. È supportato dal consulente del gruppo Rodrigo Torres, ex vicepresidente di Renault e anche Chief Finance Officer di EDGE.

Allo stesso tempo, Dassault spera in un nuovo ordine di Rafale dall’India. Emmanuel Bonne, consigliere diplomatico di Emmanuel Macron, è particolarmente interessato a questo accordo indiano. Mentre il maresciallo dell’aria Vivek Ram Chaudhari, nuovo capo dell’aeronautica indiana (IAF), non ha dichiarato apertamente il caccia multiruolo Rafale come candidato designato per il nuovo programma di 114 caccia multiruolo, ha confermato che non sta cercando di portare un nuovo tipo di aereo da combattimento nella sua aeronautica. Ha fatto questo annuncio durante la sua prima conferenza stampa a Nuova Delhi il 5 ottobre.

Gli alti funzionari dell’IAF hanno ora ammesso che il ministero della Difesa indiano è favorevole all’acquisto di altri 36 caccia Rafale nell’ambito di un accordo intergovernativo (G2G) con la Francia. Secondo quanto riferito, Chaudhari ha già consigliato al ministro della Difesa Rajnath Singh di sostenere l’accordo, a condizione che Dassault sia disposto a trasferire quasi il 100% della tecnologia di progettazione e produzione in India.

Per far rispettare questa sfida industriale, il governo sta rimuginando su un nuovo approccio. Ciò comporterebbe la costruzione di 114 combattenti multiruolo attraverso un consorzio basato su un partenariato pubblico-privato, in cui anche il partner tecnologico straniero avrebbe una partecipazione azionaria. Tuttavia, nulla è stato ancora deciso.

Il nuovo capo dell’IAF vuole che i prossimi Rafale soddisfino lo standard F4 del 2024. Gli attuali caccia dell’IAF sono dello standard F3R, con caratteristiche che soddisfano i requisiti indiani. Mentre il costo per l’India sarebbe più elevato per la F4, aprirebbe la strada all’introduzione di tecnologie di quinta generazione nel paese.

INFLUENZA SUL CAMPO

Per sostenere la sua offerta, Dassault fa affidamento su un certo numero di generali IAF in pensione ed ex diplomatici diventati consulenti, nonché sul suo partner indiano Reliance Industries, il cui promotore Anil Ambani ha legami molto stretti con il primo ministro Narendra Modi .Il team francese si affida al gruppo di diplomazia aziendale con sede a Nuova Delhi, India Foundation, guidato da Shaurya Doval, figlio del consigliere per la sicurezza nazionale Ajit Doval. I membri del consiglio di amministrazione della India Foundation sono influenti politici del BJP al potere, tra cui Ram Madhav, Vinay Sahasrabuddhe, Swapan Dasgupta, Jayant Sinha e Jay Panda. Sono anche membri del consiglio di amministrazione influenti diplomatici in pensione, tra cui Amar Sinha e Preeti Saran.

La prima richiesta di informazioni (RFI) della IAF per 114 caccia multiruolo è stata inviata agli OEM globali nel giugno 2018. Gli OEM statunitensi Boeing e Lockheed Martin, Dassault in Francia, SAAB in Svezia, Airbus Group in Europa, MiG in Russia e Sukhoi hanno mostrato tutti allora interesse. Tuttavia, per il momento, non è stato fissato alcun calendario definitivo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore