Mondo

Ecco l’ultima novità del conflitto tra Turchia e i Paesi del Golfo

di

curdi

Come si muove la Turchia in Africa sull’energia: il forcing in Libia e la presenza in Somalia. L’articolo di Giuseppe Gagliano

Partiamo come di consueto dai fatti. Il periodico arabo Al-Jazeera in lingua inglese ha reso noto che Erdoğan intende soddisfare la richiesta del governo somalo di condurre esplorazioni petrolifere nelle proprie acque.

Questa scelta non deve destare alcuna sorpresa sotto il profilo strategico, ma costituisce al contrario una conferma della linearità e coerenza della politica estera turca.

Infatti in primo luogo la scelta conferma come la proiezione di potenza turca sia sempre più rivolta al consolidamento delle risorse energetiche (pensiamo a Cipro o alle ZEE).

In secondo luogo, da un punto di vista più complessivo ,non dobbiamo dimenticare la rilevanza che la Somalia – e quindi l’Africa -riveste all’interno della strategia turca come abbiamo già avuto modo di indicare in un articolo precedente.

In terzo luogo non c’è dubbio che la Somalia svolga un ruolo fondamentale anche in relazione alla competizione tra la Turchia e gli EAU che sono infatti il principale partner di Somaliand e Puntland.

La Somalia costruisce quindi l’ennesima variante del permanente conflitto tra Turchia e i Paesi del Golfo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati