Mondo

Ecco come la Francia si prepara alla terza ondata Covid

di

Francia Covid Macron

 Fatti e scenari su Covid in Francia secondo il quotidiano Le Monde

Dopo una seconda ondata di Covid-19 meno forte del previsto, Parigi vuole già prepararsi per la terza ondata.

Due mesi fa, scrive Le Monde, la regione dell’Ile-de-France si stava preparando al peggio. Non ha certo evitato la seconda ondata, ma si è infranta bruscamente nella capitale. Il Comune di Parigi sta valutando cosa fare dopo, per evitare ulteriori misure di emergenza.

I professionisti hanno avuto qualche difficoltà a crederci. Temevano distorsioni statistiche, un’ errata comunicazione di alcuni dati. Ora non c’è più spazio per i dubbi: a Parigi, il picco di contaminazione da SARS-CoV-2 corrispondente alla seconda ondata epidemica, è chiaramente superato. Giorno dopo giorno, le cifre mostrano un netto calo dei nuovi casi di Covid-19, più massiccio che nel resto del paese. Recentemente, questa spettacolare diminuzione è stata accompagnata da una leggera diminuzione del numero di pazienti ricoverati, soprattutto nelle unità di terapia intensiva. Il numero di morti, tuttavia, non sta ancora mostrando un calo.

Le chiamate al SAMU, i risultati dei test, la quantità di virus nelle acque reflue, ecc. Tutti gli indicatori concordano. “Mostrano un calo molto netto”, gioisce Renaud Piarroux, epidemiologo dell’ospedale Pitié-Salpêtrière e autore di La Vague. L’épidémie vue du terrain (CNRS, 128 pagine, 17 euro). Nei numeri, la diminuzione dei contagi è senza dubbio in qualche modo amplificata dal fatto che i casi rilevati dai test antigenici non sono contabilizzati. Ma il movimento rimane significativo. In tutta l’Ile-de-France, “la circolazione virale è minore”, osserva anche l’Autorità regionale della salute nel suo aggiornamento di mercoledì 18 novembre.

Due mesi fa, la regione dell’Ile-de-France si stava preparando al peggio. Alla fine dell’estate, Parigi e Marsiglia erano le due città dove il virus circolava più attivamente. In una regione dove il mescolamento della popolazione è intenso, intorno a una capitale iper-densa, la catastrofe sanitaria è stata probabilmente ancora più violenta che in primavera, poiché il governo è stato lento ad adottare misure forti, e il contenimento si è rivelato meno rigoroso rispetto a marzo.

È successo il contrario. Parigi non ha certo evitato la seconda ondata. Tra la fine di giugno e la metà di ottobre, il numero di persone positive nel corso degli ultimi sette giorni è salito da 6 ogni 100.000 abitanti a oltre 600 ogni 100.000. Ma poi è sceso a 162 per 100.000 nell’ultimo rapporto del 14 novembre. Il tasso di incidenza è stato ridotto di quasi quattro volte in meno di un mese.

“IL COPRIFUOCO E’ STATO IL FATTORE DECISIVO”

Il risultato? Parigi è ora il dipartimento meno colpito nella regione parigina, ma anche uno dei quindici dipartimenti meno colpiti in Francia. Il virus colpisce di più a Corrèze e nel Giura.

Per quanto riguarda il sistema ospedaliero, è meno stressato del previsto. Invece di essere sopraffatti e di dover trasferire i pazienti in altre regioni, gli ospedali parigini sono stati in grado di accogliere pazienti provenienti da zone più difficili. Al suo culmine, il numero di pazienti di Covid-19 in terapia intensiva a Parigi non ha superato i 330, la metà di quelli della prima ondata. “Se il miglioramento continua, gli ospedali parigini supereranno questa ondata”, anticipa Anne Souyris, la delegata alla sanità del Comune di Parigi.

Com’è possibile che la seconda ondata si sia infranta in modo così evidente nella capitale? Gli specialisti non sono molto sicuri, e diversi fattori probabilmente combinati. “Il coprifuoco è stato il fattore decisivo, con l’effettiva chiusura di bar e ristoranti”, dice Piarroux. A quanto pare, i messaggi di allerta sono stati ascoltati, e i parigini hanno cominciato a indossare la maschera in modo più sistematico.

Il professor Piarroux insiste sul ruolo di Covisan, questo dispositivo per combattere Covid-19 specifico di Parigi e parte della Senna-Saint-Denis. Le persone che potrebbero essere infette ottengono un appuntamento in questo quadro, si sottopongono al test, hanno risultati molto rapidi e, soprattutto, consigli personalizzati, soprattutto per isolarsi se sono positivi. Più di 40.000 persone hanno beneficiato di questo programma dall’estate. “Siamo così riusciti a rilevare alcuni cluster e a tagliare parte delle catene di contaminazione”, spiega il Professor Piarroux. “Covisan non ha interessato la maggior parte dei casi di Covid. Tuttavia, ha svolto un ruolo importante nel mitigare la diffusione dell’epidemia e quindi nell’accelerare il calo.”

QUATTRO LIVELLI DI ALLARME

Al municipio di Parigi, stiamo pensando a cosa fare dopo. Come evitare una terza ondata? Cosa fare se succede? Il sindaco socialista, Anne Hidalgo, non vuole una nuova successione di misure adottate in emergenza, imprevedibili, mutevoli, mal applicate.

Il suo team vorrebbe costruire una semplice griglia, probabilmente con quattro livelli di allarme a seconda del tasso di circolazione del virus. Ogni soglia corrisponderebbe a misure stabilite in anticipo: ricorso al telelavoro, chiusura di alcuni negozi o strutture pubbliche, riduzione del calibro autorizzato… Le decisioni potrebbero non dipendere solo dal tipo di stabilimenti interessati, ma dalla loro situazione reale. Il destino non sarebbe lo stesso per una piccola drogheria dove i clienti si sfiorano e un supermercato, per esempio.

“Questo progetto sarà il primo sul tavolo del comitato consultivo che creeremo nelle prossime settimane per agire contro il Covid”, dice Souyris. “Dovrebbe essere composto da 20 a 30 membri, metà dei quali saranno scienziati e medici, e l’altra metà rappresentanti delle imprese, delle professioni, ecc.”

Una volta convalidata dal Comune, la griglia dovrà essere trasmessa allo Stato, l’unico in grado di chiudere i negozi, ad esempio. “Ci auguriamo che il governo accolga la nostra proposta”, si dice al municipio. “Come per il traffico alternato, che abbiamo ottenuto grazie all’implementazione di una via automatica quando l’aria è troppo inquinata.” Altri progetti sono allo studio, in particolare sul rilevamento del virus e su una futura vaccinazione di massa.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati