Mondo

Coronavirus: Lussemburgo, Svizzera e Germania ospitano 115 pazienti francesi in rianimazione

di

Piemonte tamponi emergenza covid-19

Dopo i primi casi e i primi cluster, la crisi sanitaria in Francia è esplosa sia nella zona intorno a Parigi sia a Mulhouse. L’articolo di Enrico Martial

Dopo i primi casi e i primi cluster, la crisi sanitaria francese è esplosa sia nella zona intorno a Parigi sia a Mulhouse, dove tra il 17 e il 21 febbraio un raduno di evangelici di oltre 2000 persone aveva alimentato la diffusione del virus.

La pressione di ricoveri COVID-19 negli ospedali e per i letti di rianimazione si è fatta prima intensa e poi insostenibile a metà di marzo. Una delle risposte è stata nei trasferimenti, in parte all’interno della Francia e in parte verso i Paesi europei vicini.

Dalla Francia renana e Mulhouse, sono stati a oggi realizzati 115 trasferimenti di pazienti in rianimazione, in Lussemburgo, Svizzera e nella vicina Germania, che he ha accolti 85. È il 24% sul totale degli attuali 480 posti (in origine erano 300) in cura intensiva disponibili nella Regione del Grand Est.

Il contatto delle regioni frontaliere sull’emergenza è iniziato il 12 marzo. Domenica 22 marzo è stato concluso un accordo tra Jean Rottner, Presidente del Grand Est, Winfried Kretschmann, Presidente del Baden-Württemberg, Malu Dreyer, Presidente della Renania-Palatinato, e Tobias Hans, Presidente della Saarland. Sono degli stessi giorni i contatti con il Lussemburgo e i cantoni svizzeri di Basilea, Basilea-Campagna e del Giura. La cooperazione si è svolta con l’affiancamento dei governi statali, che hanno autorizzato i trasferimenti. Alcuni contatti erano avvenuti anche tra i sindaci, tra cui quello di Friburgo.

Alla vigilia dell’accordo, sabato 21 marzo, erano iniziati i primi viaggi in ambulanza da Strasburgo e Mulhouse verso Karlsruhe e Friburgo. In quel fine settimana 6 pazienti in terapia intensiva venivano spostati a Basilea, 7 in Lussemburgo. Una settimana dopo i pazienti trasferiti erano 80: si usavano ormai anche gli aerei e gli elicotteri. Per esempio, domenica 29 marzo l’aeronautica tedesca, con un A400 M, ha spostato due pazienti verso Ulm, dopo aver atterrato a Stoccarda.

La questione è stata partecipata anche dall’opinione pubblica. Il 26 marzo, la stampa tedesca riferiva in modo accorato della visita a Mulhouse di medici del centro tedesco per la medicina delle catastrofi di Tübingen (DIFKM): operatori sanitari positivi che continuavano a lavorare, ultraottantenni, o anche sopra i 75 anni non più ventilati, mancanza di mezzi e materiali.

Le iniziative di solidarietà europea sono state facilitate dalla strutturazione e dall’abitudine alla cooperazione frontaliera, di livello politico e tecnico. Le tre regioni tedesche, la regione francese del Grand Est, il Lussemburgo e i cantoni svizzeri del nord fanno parte della “Grande Région” e del programma del Reno superiore, in cui si attuano da oltre 25 anni i progetti europei Interreg, con uffici comuni e periodici incontri di livello politico. Alla cooperazione frontaliera franco-tedesca è poi dedicato un capitolo, con alcuni progetti prioritari, del Trattato franco-tedesco di Aquisgrana del 22 gennaio 2019, che integra il Trattato dell’Eliseo del 1963.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati