skip to Main Content

Come si rafforzerà l’alleanza militare tra India e Russia

Armi India

La Russia e l’India stanno discutendo la possibilità di una “produzione congiunta di armamenti moderni”. Ecco cosa è emerso dal colloquio tra il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, e il suo omologo indiano, Subrahmanyam Jaishankar, avvenuto a Mosca

 

La Russia e l’India stanno discutendo la possibilità di una “produzione congiunta di armamenti moderni”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov dopo un colloquio a Mosca con il suo omologo indiano Subrahmanyam Jaishankar. “Abbiamo discusso l’attuale situazione e le prospettive future della nostra cooperazione tecnico-militare, compresa la produzione congiunta di armamenti moderni”, ha affermato Lavrov, citato dalla Tass, in una conferenza stampa congiunta.

Già nell’aprile dello scorso anno, Lavrov aveva affermato che i due paesi stavano discutendo la produzione “aggiuntiva” di equipaggiamento militare russo in India.

Nuova Delhi ha stretti legami sia con Mosca che con l’Occidente ed è uno dei pochi paesi a non aver condannato la guerra della Russia in Ucraina. Infatti il paese guidato da Narendra Modi non sostiene le sanzioni occidentali contro la Russia. Inoltre, Mosca è da sempre il principale fornitore di armi dell’India.

Ma di recente l’India ha considerato di ridurre la sua dipendenza dalle armi russe. Decenni di dipendenza eccessiva da attrezzature russe a basso costo, attrezzature che attualmente stanno fallendo il test sul campo di battaglia in Ucraina, rischiano di esporre l’esercito indiano come poco più di una tigre di carta, osservava il mese scorso Forbes.

E in questo scenario si inserisce Washington. Gli Stati Uniti sono in trattative “approfondite” con l’India sulla loro dipendenza dalle armi e dall’energia russe, ha rivelato a settembre la Cnn in base alle dichiarazioni di un funzionario del Dipartimento di Stato americano.

Che l’incontro di Lavrov e Jaishankar sia un tentativo di Mosca di assicurare l’India nella sua orbita?

Tutti i dettagli.

L’INCONTRO TRA I MINISTRI DEGLI ESTERI DI RUSSIA E INDIA

L’incontro di ieri a Mosca tra i ministri degli Esteri di Russia, Sergej Lavrov, e India, Subrahmanyam Jaishankar, è stato dedicato alla valutazione dello stato della cooperazione bilaterale, allo scambio di prospettive sulla situazione internazionale e a ciò che comporta per i rispettivi interessi. Lo ha riferito Jaishankar nella conferenza stampa seguita al colloquio, secondo l’agenzia indiana Asian News International.

Si tratta del quinto incontro di Lavrov con il suo omologo indiano quest’anno, segnala Dw. Ma è la prima visita di Jaishankar a Mosca da quando la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio.

“Ci siamo scambiati opinioni su questioni internazionali. Il conflitto in Ucraina era la questione dominante. Come il primo ministro ha comunicato al presidente russo Putin, questa non è un’era di guerra. L’economia globale è semplicemente troppo interdipendente perché conflitti significativi ovunque non abbiano conseguenze importanti altrove”, ha detto Jaishankar, riferendosi alle parole che il premier indiano, Narendra Modi, ha rivolto al presidente russo, Vladimir Putin, a settembre a Samarcanda, a margine del vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (Sco), sottolinea Agenzia Nova.

RAPPORTO “ECCEZIONALMENTE STABILE”

Per quanto riguarda le relazioni bilaterali Jaishankar ha affermato che “India e Russia si confrontano in un mondo sempre più multipolare e riequilibrato” e che il loro rapporto è “eccezionalmente stabile”. Rispondendo a una domanda sulle importazioni di petrolio Jaishankar ha ribadito che Nuova Delhi “ha l’obbligo di far sì che il consumatore indiano abbia il miglior accesso possibile alle condizioni più vantaggiose sul mercato internazionale”.

AL VIA PRODUZIONE CONGIUNTA DI ARMI?

“Abbiamo discusso in dettaglio lo stato e le prospettive della cooperazione tecnico-militare, inclusa la produzione congiunta di armi moderne”, ha affermato Lavrov, nei commenti riportati dall’agenzia di stampa Tass, senza fornire ulteriori informazioni.

NUOVA DELHI IL PRINCIPALE ACQUIRENTI DI ARMI DI MOSCA

Quasi il 60% delle attrezzature militari indiane è di fabbricazione russa, ma con Mosca che lotta per sostituire le armi perse in Ucraina, la relazione tra Russia e India sugli acquisti armamenti che dura da decenni è ora sotto pressione. Fare affari con la Russia sta diventando sempre più difficile e l’India potrebbe accelerare la sua tendenza negli ultimi anni a diversificare le sue importazioni militari. Dal 2017 al 2021, il 46% delle armi indiane in valore proveniva dalla Russia, secondo lo Stockholm International Peace Research Institute (Sipri). Ciò segna un calo significativo dal 69% tra il 2012 e il 2016.

L’aviazione e la marina indiana, in particolare, stanno riducendo la loro dipendenza dall’hardware russo. La quota di fabbricazione russa del numero totale di aerei dell’India è scesa dall’81% nel 2000 al 67% nel 2020, secondo una ricerca di Sameer Lalwani, un ricercatore presso il think tank Stimson Center, riportava in primavera l’Economist. Per le navi della marina la quota è scesa dal 58% al 44% nello stesso periodo. Il suo esercito, tuttavia, rimane entusiasta delle importazioni russe. Nel 2020, il 98% del suo stock di molti veicoli corazzati economici era di fabbricazione russa.

LE AMBIZIONI DI MODI

Il governo indiano, spinto dal primo ministro Narendra Modi, sta già attuando riforme sostanziali.

New Delhi ha parlato a lungo di diversificare i fornitori delle sue forze armate e persino di produrre più equipaggiamento in casa (make-in-India), obiettivi che hanno assunto una nuova urgenza dall’invasione della Russia.

Già in primavera Brahma Chellaney, analista della difesa e degli affari strategici a Nuova Delhi, ha commentato a Reuters che le apparecchiature russe hanno servito bene l’India in passato, sebbene negli ultimi anni abbia intensificato gli acquisti da paesi come Stati Uniti, Francia e Israele.

“La transizione alla difesa è sempre un lento processo evolutivo. Non puoi cambiare fornitore dall’oggi al domani”, ha affermato l’analista indiano. Negli ultimi mesi, alcuni dei partner occidentali dell’India, tra cui Gran Bretagna e Stati Uniti, hanno segnalato la volontà di rafforzare le loro offerte di difesa a Nuova Delhi.

Ma dalle parole di Lavrov, Mosca vuole stringere le maglie che assicurano l’India nell’orbita russa nel campo degli armamenti proponendo quindi la “produzione congiunta di armi moderne”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore