Mondo

Come si muoverà la Russia nel 2021 (secondo gli analisti russi)

di

russia 2021

Cosa vedono e prevedono per la Russia nel 2021 Andrey Kortunov (direttore Programs at the Russia International Affairs Council) e Ivan Timoniev (direttore Programs at the Russia International Affairs Council)

Quali sono i possibili scenari globali che vengono prospettati da alcuni fra i maggiori analisti russi? Ebbene allo scopo di illustrare quale potrebbe essere la postura della Russia nel 2021 abbiamo preso in considerazione le analisi di due studiosi russi e cioè di Andrey Kortunov, direttore generale del Programs at the Russia International Affairs Council e di Ivan Timoniev, direttore del Programs at the Russia International Affairs Council.

GLI SCENARI GLOBALI NELL’INTERPRETAZIONE DI ANDREY KORTUNOV

1. Prolungare il nuovo START. Senza questo trattato, il controllo delle armi strategiche bilaterali Usa-Russia crollerà. Il presidente eletto Joe Biden ha già detto che è disposto a prolungare il trattato senza ulteriori disposizioni (non è ancora chiaro per quanto tempo, però). Tuttavia, il tempo per farlo è pochissimo: il nuovo START scade all’inizio di febbraio e le parti dovranno concordare il suo prolungamento entro due settimane dall’assunzione del potere da parte dell’Amministrazione Democratica.

2. Una moratoria sul dispiegamento di missili a medio e corto raggio in Europa. Sebbene il Trattato INF non possa più essere ripristinato, è abbastanza realistico mirare al rispetto de facto dei suoi termini e condizioni da parte della Russia e dell’Occidente. Soprattutto considerando la volontà di Mosca di estendere il Trattato ai contestati sistemi 9М729 della Russia, a condizione che l’Occidente tenga conto delle preoccupazioni della Russia sui sistemi Aegis Ashore con i loro sistemi di lancio verticale Mark 14 schierati nelle basi statunitensi e della NATO in Europa.

3. Vertice P5. All’inizio del 2020, la Russia ha proposto che i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite tenessero una riunione. Per vari motivi, questo vertice non si è ancora svolto, ma la proposta rimane estremamente pertinente. Le discussioni durante la riunione potrebbero riguardare nuovi principi di stabilità strategica, nonché conflitti regionali che richiedono l’intervento del Consiglio di sicurezza. Un risultato positivo potrebbe dare un impulso significativo a ulteriori sforzi per migliorare la governance globale.

4. Ripristino della dimensione militare delle attività del Consiglio Nato-Russia (NRC). Nell’aprile 2014, la Nato ha sospeso la cooperazione militare con la Russia, che ha comportato, tra le altre cose, il congelamento del dialogo tra le loro forze armate tramite l’NRC. Tuttavia, molti critici di questa decisione hanno giustamente sottolineato che la sospensione della cooperazione non deve necessariamente comportare l’interruzione completa dei contatti. Sembrerebbe che in Occidente siano emerse le condizioni per rilanciare gradualmente le comunicazioni regolari tra le forze armate delle due parti attraverso l’NRC, il che rappresenterebbe un importante contributo alla sicurezza in Europa.

5. Coinvolgere la Russia nell’attuazione del “green deal” dell’Ue. Il prossimo anno potrebbe segnare una svolta nella cooperazione tra Mosca e Bruxelles su una vasta gamma di questioni legate al cambiamento climatico e alla protezione ambientale. Nella maggior parte dei casi, i progetti comuni di risparmio energetico, sviluppo di fonti energetiche alternative e riciclaggio dei rifiuti non sono coperti dalle attuali sanzioni dell’Ue contro Mosca. I progetti all’interno del “green deal” potrebbero servire come nuovi motori dell’interazione Russia-Europa.

6. Transito politico in Bielorussia. Qualsiasi cambiamento di regime politico in Bielorussia è, ovviamente, una problematica seria per il popolo bielorusso. Tuttavia, la posizione della Russia potrebbe rallentare o accelerare il cambiamento politico atteso da tempo. Sarebbe nell’interesse di Mosca promuovere costantemente un cambiamento controllato in modo che il 2021 diventi un anno spartiacque nello sviluppo della statualità bielorussa. Continuare a sostenere lo status quo è irto di gravi rischi politici per la Russia.

7. Prevenire l’escalation nel Donbass. Purtroppo, nel 2020 sono stati compiuti pochi progressi nella risoluzione del conflitto nell’Ucraina orientale. Ed è dubbio che la situazione cambierà nel prossimo anno. Ciò rende ancora più importante preservare ciò che è stato raggiunto: stabilità sulla linea di contatto tra le forze del DPR / LPR e l’esercito ucraino, il rispetto dell’accordo di cessate il fuoco, la continuazione degli scambi di prigionieri di guerra e persone detenute.

8. Prevenire nuovi scontri armati nel Nagorno-Karabakh. La Russia può prendersi il merito di aver posto fine alle ostilità militari nel Nagorno-Karabakh nel novembre 2020. Tuttavia, il potenziale di conflitto nella regione rimane elevato, lo status del Nagorno-Karabakh non è stato definito e le parti in conflitto potrebbero dar voce alle loro insoddisfazione per Mosca. Nel 2021 dovrebbero essere compiuti i primi passi verso una soluzione politica della crisi e la Russia dovrebbe guidare il processo e agire come suo facilitatore esterno.

9. Ampliare l’agenda del Consiglio artico. Nella primavera del 2021, la Russia assumerà la presidenza del Consiglio artico per due anni. Questa è una buona opportunità per, prima di tutto, impedire che l’organizzazione venga trascinata nel confronto politico globale tra Est e Ovest e, in secondo luogo, per espandere l’agenda del Consiglio in termini di sviluppo socioeconomico della regione artica e qualità del vita delle persone che ci vivono.

10. Completamento del Nord Stream 2. L’implementazione del progetto del gas significherebbe una grande vittoria politica estera per la Russia e dimostrerebbe la capacità dell’Unione europea di contrastare con successo la minaccia delle sanzioni statunitensi. Inoltre, aprirebbe nuove opportunità per lo sviluppo della cooperazione economica tra Russia e Unione europea.

11. Preservare il meccanismo OPEC +. Con il supporto di Donald Trump, il meccanismo OPEC + ha aiutato i mercati internazionali a superare il crollo dei prezzi globali del petrolio nella primavera del 2020. La cooperazione continua tra Russia e Arabia Saudita nel prossimo anno è fondamentale per mantenere il mercato petrolifero relativamente stabile intorno a 50 dollari al barile, che sarebbe ottimale per il settore energetico russo.

12. Diversificare la cooperazione economica con la Cina. Nel 2020 la Russia è riuscita a evitare un forte calo degli scambi con la Cina. Tuttavia, la struttura commerciale è ancora in gran parte arcaica e deve essere ulteriormente diversificata. Inoltre, il 2021 dovrebbe includere l’importante obiettivo di stabilire nuove catene tecnologiche e attuare grandi progetti di investimento.

13. Avvio di riforme economiche e politiche in Siria. Le elezioni presidenziali si terranno in Siria nel 2021. Forniranno un quadro dello sviluppo del paese negli ultimi sette anni. Dopo le elezioni, la Russia avrà l’opportunità di influenzare più attivamente Damasco al fine di migliorare l’efficienza dell’economia siriana, plasmare un sistema politico più inclusivo, intensificare le attività del Comitato costituzionale siriano, ecc.

14. Prevenire una crisi nelle relazioni Russia-Turchia. Ankara resta un partner importante per Mosca. Tuttavia, le posizioni delle due parti divergono in modo significativo su molte questioni importanti, tra cui Siria, Libia, Mediterraneo orientale, Nagorno-Karabakh, Crimea e altre. Il successo di Mosca in quest’area significherebbe impedire che le sue relazioni con la Turchia peggiorino e nel contempo evitare eccessive concessioni alla leadership turca.

Chiaramente, questo elenco non contiene compiti relativi a possibili “cigni neri” che navigano negli orizzonti politici stranieri della Russia ovvero cambiamenti imprevisti nella situazione internazionale a cui Mosca dovrà in qualche modo rispondere. È anche chiaro che non tutti gli elementi dell’elenco verranno implementati e l’elenco stesso potrebbe essere visto come soggettivo e incompleto.

INDIA E RUSSIA

Oggi, la Russia commercia con l’India circa 10 volte meno di quanto fa con la Cina. La cooperazione tecnica militare tra Mosca e Nuova Delhi sperimenta molte complicazioni e persino battute d’arresto a causa della crescente presenza occidentale nel mercato della difesa indiano e con la strategia industriale “Make in India” dell’attuale Primo Ministro Modi. Esistono significative aree di disaccordo tra i due paesi su molte questioni internazionali, tra cui il QUAD, l’Afghanistan, la Belt and Road Initiative proposta dalla Cina etc. Nel 2020, per la prima volta in 20 anni, Mosca e Nuova Delhi non hanno tenuto il loro regolare incontro annuale al vertice.

Naturalmente, nessuno di questi sintomi suggerisce che la relazione generale stia andando in malora. La storia della cooperazione produttiva tra Mosca e Nuova Delhi è troppo lunga per essere seriamente messa in discussione da alcune problematiche di natura economica o geopolitica. La “partnership strategica privilegiata” russo-indiana continua ad essere importante, anche quando le due parti “accettano di non essere d’accordo” su varie questioni specifiche.

Anno dopo anno, Mosca si sta muovendo verso est, rafforzando i suoi legami con la Cina. Anno dopo anno, Nuova Delhi si sta muovendo verso ovest, costruendo legami più forti con gli Stati Uniti. Se questa tendenza continuerà nel futuro a medio termine, i due paesi amici potrebbero alla fine trovarsi negli opposti blocchi geopolitici ed economici e lo spazio eurasiatico si dividerà in due parti . Nel tempo, Mosca e Nuova Delhi troveranno più difficile mantenere la loro cooperazione bilaterale anche ai livelli attuali, per non parlare del fatto che si sta ulteriormente approfondendo e ampliando.

Né Mosca né Nuova Delhi hanno la capacità di cambiare la traiettoria del sistema internazionale unilateralmente o anche attraverso uno sforzo congiunto. Tuttavia, né Mosca né Nuova Delhi dovrebbero limitarsi a una posizione di meri osservatori dell’avvicinarsi del bipolarità globale. Russia e India (così come l’Ue e molti altri attori internazionali) perderanno molto se dovranno prendere posizione tra Stati Uniti e Cina. Al contrario, è nel loro interesse affrontare questo bipolarismo e mitigarlo per quanto possibile con una nuova enfasi sul multilateralismo.

India, Cina e Russia sono tutti membri dei BRICS e della SCO; Mosca potrebbe lavorare di più per rendere queste istituzioni più efficienti nel raggiungere denominatori comuni anche per questioni di sicurezza e sviluppo altamente sensibili. Esiste anche un meccanismo separato delle consultazioni trilaterali Russia-India-Cina, che merita più attenzione di quanta ne riceva oggi.

Il futuro dell’Eurasia alla fine dipende in gran parte dal futuro delle relazioni Cina-India. Nessun giocatore esterno, compresa la Russia, può “aggiustare” questo rapporto per Pechino e Nuova Delhi. Tuttavia, attori esterni, Russia inclusa, possono aiutare a ribaltare questa relazione offrendo incentivi positivi affinché entrambe le parti lavorino insieme in formati trilaterali o multilaterali.

L’approccio alternativo — cercare di bilanciare Pechino e Nuova Delhi contro l’altra — potrebbe dare a Mosca alcuni vantaggi momentanei, ma non servirà gli interessi a lungo termine della Russia.
Mosca potrebbe offrire all’India e a Pechino nuove opportunità per progetti di sviluppo trilaterale nella regione artica, in Asia centrale o anche nell’estremo oriente russo. L’agricoltura e la trasformazione alimentare potrebbero rappresentare un’altra area di cooperazione trilaterale. I tre paesi potrebbero considerare di lavorare insieme nel settore farmaceutico e sanitario, dove si completano a vicenda.

In sintesi, i responsabili delle decisioni a Mosca non dovrebbero considerare Cina e India come due priorità di politica estera parallele tra le quali la Russia deve scegliere e/o tenere separate l’una dall’altra. Dovrebbero piuttosto avvicinarsi a Pechino e Nuova Delhi come partner, il che diventerà più prezioso per la Russia se troveranno modi per lavorare più attivamente l’uno con l’altro.

LE RELAZIONI RUSSO-AMERICANE NELLA INTERPRETAZIONE DI IVAN TIMONIEV

Le elezioni presidenziali statunitensi sollevano regolarmente la questione di come le percezioni del presidente eletto influenzino le relazioni russo-americane. Ogni nuovo ciclo politico della politica americana è accompagnato da speranze di un cambiamento in meglio. È stato il caso dopo la vittoria di Donald Trump, ritratto come un agente del Cremlino dai “testimoni dell’ingerenza russa”. È stato anche il caso di Barack Obama, la cui empatia e gioventù erano considerate una buona base per il dialogo. Lo stesso è stato vero per molti altri presidenti. Ben presto, le speranze svanirono. Anche se si sono sviluppati legami amichevoli tra i leader, la struttura e il meccanismo della politica estera alla fine hanno minato i loro sentimenti positivi iniziali.

Joseph Biden, che ha vinto le recenti elezioni, non è riuscito a suscitare false speranze e aspettative a Mosca. Biden è un politico esperto e professionale che ha influenzato direttamente o indirettamente la politica nei confronti dell’URSS e della Russia per quasi mezzo secolo. Gli osservatori non hanno bisogno di nutrirsi di illusioni su un “nuovo sguardo” alla Russia. Biden non altererà la struttura delle relazioni russo-americane o le costanti di base della politica estera statunitense nei confronti della Russia.

Per gli Stati Uniti, la Russia è uno dei rivali chiave e più pericolosi. Nonostante la debolezza della sua economia, la Federazione Russa è una grande potenza militare che prende decisioni da sola ed è pronta a difenderle. Sebbene la Russia sia inferiore all’URSS in termini di influenza ideologica, militare e, soprattutto, economica, è anche importante come membro attivo di possibili coalizioni anti-americane. Finora, Washington sta chiudendo un occhio sulla prospettiva di un’alleanza tra Russia e Cina. Quest’ultima è considerato anche un rivale chiave dagli Stati Uniti, anche se di tipo diverso. La premessa iniziale sembra essere che una simile alleanza non è ancora nell’interesse sia di Mosca che di Pechino. Sembra che gli Stati Uniti siano fiduciosi che sia possibile contenere con successo entrambi i paesi. Inoltre, la politica Russia-Cina nella sfera politico-militare è ancora lontana da quella che potrebbe essere definita un’alleanza.

Dal punto di vista americano, la Russia rappresenta una minaccia o una sfida per gli Stati Uniti a livello di geopolitica globale: in Europa, Asia e Medio Oriente, nonché in aree funzionali chiave: nucleare, digitale, spaziale, ecc. Insomma ci sono pochissime aree in cui la Russia è di vitale importanza, o almeno, semplicemente, importante per gli Stati Uniti. Nella migliore delle ipotesi, la Russia potrebbe mantenere un dialogo sul controllo degli armamenti, la cooperazione nell’Artico, l’interazione episodica nella lotta contro il terrorismo, un partenariato poco chiaro sul clima e legami economici molto limitati.

Secondo l’analista Russo Joe Biden e la sua amministrazione lavoreranno per i seguenti obiettivi strategici:

1. Contenere la Russia e bilanciare il suo potenziale militare come compito minimo e raggiungere la completa superiorità in ambito militate.
Anche se gli Stati Uniti sono in ritardo con alcuni nuovi tipi di armi, è improbabile che consentano alla Russia di cambiare radicalmente l’equilibrio di potere, minare la sicurezza degli Stati Uniti e ricevere alcuni seri dividendi. Nel migliore dei casi, ciò consentirà a Mosca di preservare la propria sicurezza e occasionalmente interferire con gli Stati Uniti nel raggiungimento degli obiettivi locali. Allo stesso tempo, il compito ideale per gli Stati Uniti in quest’area, a quanto pare, è il disarmo radicale della Russia sul modello della Germania nel 1945. Ciò può essere ottenuto sia con la sconfitta militare della Russia, sia come risultato di una radicale shock del sistema politico ed economico.

2. L’indebolimento del regime politico russo. La sua attuazione è spesso associata al finanziamento dell’opposizione e alla guerra dell’informazione, ecc.

3. Contenimento economico e tecnologico della Russia. Questo compito può essere risolto con successo attraverso sanzioni e restrizioni su commercio, investimenti, finanza e tecnologia. Tuttavia, questa è solo una parte del problema. Anche prima della grande disputa con gli Stati Uniti e l’Occidente nel 2014, la Russia non è riuscita a superare la sua condizione economica periferica, nonostante la presenza di risorse finanziarie significative, l’accesso ai mercati dei capitali mondiali e altri vantaggi. La situazione oggi è più complicata. Le condizioni di mercato sono molto meno favorevoli e aumentano i rischi politici per le relazioni economiche estere.

In altri termini la narrativa anti-russa è saldamente radicata negli Stati Uniti.

Cosa dovrebbe fare la Russia in una situazione del genere?

1. Mantenere e sviluppare il suo potenziale di difesa, tenendo conto dei più recenti risultati globali nel campo della scienza e della tecnologia. Questa è un’attività lunga e costosa. Anche se molti sistemi d’arma non consentono la risoluzione degli attuali compiti di politica estera la Russia ha tuttavia la capacità di contenere asimmetricamente gli Stati Uniti, anche se questi ultimi sono superiori.

2. Costruire costantemente uno stato basato sullo stato di diritto, l’apertura della società e un’elevata efficienza gestionale. Sarà più difficile distruggere un tale stato dall’esterno, non importa quanto siano attive propaganda, guerra dell’informazione e operazioni di intelligence.

3. Mantenere i legami con l’economia globale, con la consapevolezza che la globalizzazione si sta restringendo sotto l’influenza della concorrenza politica delle maggiori potenze e ciò significa la necessità di diversificare i legami commerciali.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati