skip to Main Content

Come in Francia si vede la lotta per la successione di Merkel in Germania

Germania Covid

È iniziato il conto alla rovescia per la successione di Angela Merkel come leader tedesco. L’approfondimento di Le Monde

Il presidente dell’Unione Cristiano Democratica (CDU), Armin Laschet, e il presidente dell’Unione Cristiano Sociale (CSU), Markus Söder, hanno annunciato domenica di volerle succedere entrambi.

Fino ad ora – leggiamo su Le Monde – nessuno di loro aveva dichiarato apertamente le proprie intenzioni. Domenica 11 aprile, il presidente dell’Unione Cristiano Democratica (CDU), Armin Laschet, e il presidente dell’Unione Cristiano Sociale (CSU), Markus Söder, hanno annunciato che entrambi vogliono succedere ad Angela Merkel come capo della Germania.

A cinque mesi e mezzo dalle elezioni legislative del 26 settembre, questo duello ufficiale tra i leader dei due “partiti fratelli” della destra tedesca mette questi ultimi in una situazione pericolosa: anche se i due uomini hanno assicurato che il nome del candidato congiunto CDU-CSU per la cancelleria sarà nominato molto presto, il loro scontro frontale la dice lunga sulla crisi di leadership che sta attraversando il campo conservatore, già in difficoltà a causa della caotica gestione della crisi sanitaria da parte del governo e dei sospetti di corruzione che pendono su molti dei suoi eletti, accusati di aver ricevuto laute commissioni per aver fatto da intermediari tra i produttori di mascherine e le autorità.

Dopo un incontro con i leader del gruppo CDU-CSU al Bundestag, Laschet e Söder hanno dichiarato in una conferenza stampa congiunta di essere entrambi pronti a correre per il posto di cancelliere. Per il primo, questo non è stato davvero una sorpresa: per il presidente della CDU, è sempre stato chiaro che il suo partito, che è rappresentato in quindici dei sedici Länder tedeschi, era in virtù del suo peso più adatto a guidare il governo federale che la “piccola” CSU, che esiste solo in Baviera.

UN CHIARO SEGNO DI SFIDA

La dichiarazione di Söder, invece, è stata più inaspettata. In primo luogo, perché dice da mesi che “il suo posto è in Baviera” e non a Berlino. In secondo luogo, perché nessuno aveva immaginato che avrebbe annunciato pubblicamente la sua candidatura accanto al signor Laschet. In più, ha aggiunto, come chiaro segno di sfida a quest’ultimo: “Se la CDU è pronta e vuole appoggiarmi, allora sono a sua disposizione.”

E questo è ciò che è Söder. Curando un’immagine di uomo duro, in particolare dall’inizio dell’epidemia di Covid-19, dove ha costantemente sostenuto restrizioni draconiane in linea con le aspettative del pubblico, il ministro-presidente bavarese ha, nel corso dei mesi, forgiato una statura innegabile come potenziale cancelliere. Secondo l’emittente pubblica ARD, il 54% degli elettori crede che sia qualificato per tale posizione, mentre solo il 16% pensa lo stesso del signor Laschet.

Laschet ha adottato posizioni molto più volatili sulla crisi sanitaria rispetto al suo rivale, e la sua immagine si è notevolmente deteriorata negli ultimi mesi. Anche nella sua roccaforte del Nord Reno-Westfalia, il Land più popoloso della Germania, di cui guida il governo dal 2017. Secondo un sondaggio condotto dal 6 all’8 aprile, solo il 26% degli elettori della sua regione si dice ora soddisfatto del suo lavoro, 34 punti in meno rispetto a gennaio.

Di fronte a questi calamitosi sondaggi d’opinione, diversi deputati della CDU, temendo per la propria rielezione alle elezioni parlamentari di settembre, hanno recentemente fatto sapere che preferirebbero vedere il signor Söder investito come candidato alla cancelleria piuttosto che come presidente del loro stesso partito. In un momento in cui la CDU-CSU è scesa al 26-28% dei voti da oltre il 35% di febbraio, contano sull’energia e la popolarità del leader bavarese per arginare il declino, che, se continua, potrebbe vedere i conservatori cadere dietro i Verdi – attualmente al 21-23% dei voti – con il rischio di essere relegati ai banchi dell’opposizione.

Mentre i Verdi dovrebbero annunciare lunedì 19 aprile se Annalena Baerbock o Robert Habeck saranno i loro candidati per la cancelleria, i conservatori sanno che hanno un interesse personale a portare questa guerra di leadership ad una conclusione il più presto possibile. Almeno su questo punto, Laschet e Söder sono d’accordo. “Abbiamo bisogno di una decisione rapida, molto presto”, ha detto Laschet domenica. “Ci aspettiamo che una soluzione comune sia trovata il più presto possibile”, ha detto Laschet.

SILENZIOSA E ONNIPRESENTE

Il conto alla rovescia è iniziato. Laschet confidava che lunedì, durante la riunione della direzione della CDU, gli venisse dato un chiaro sostegno. Finora non era stato così: anche se nessun peso massimo della CDU aveva mostrato sostegno a Söder, pochi aveva invece mostrato un vero entusiasmo per Laschet.

In questo duello, il cui vincitore potrebbe guidare il prossimo governo tedesco, una figura è rimasta sia silenziosa che onnipresente: Angela Merkel. Dall’inizio della crisi sanitaria, il signor Söder non ha mai perso l’occasione di sottolineare che è in completo accordo con la linea ferma difesa dalla cancelliera, cercando di far dimenticare i loro passati disaccordi, soprattutto sulla politica migratoria. In un’intervista al quotidiano Bild di domenica, Laschet ha risposto ricordando di essere stato “per anni d’accordo con [Merkel] su questioni politiche fondamentali”, anche sull’accoglienza dei rifugiati nel 2015.

Se entrambi stanno lottando per la sua eredità, la signora Merkel, da parte sua, è sempre stata attenta a non mostrare preferenze. Il 28 marzo, come ospite del canale ARD, si è affrettata a criticare il signor Laschet per la sua mancanza di volontà di applicare severe restrizioni di fronte al rapido aumento del numero di infezioni. Da allora, il presidente della CDU ha fatto un giro di 180 gradi, dicendo che è favorevole a un breve ma drastico contenimento per arginare la terza ondata dell’epidemia.

La proposta è stata accolta dalla Merkel domenica in una riunione a porte chiuse dei capigruppo della CDU-CSU, secondo diversi partecipanti. Gli amici di Laschet l’hanno visto come un modo per il cancelliere di sostenere a metà il loro campione. Questa interpretazione è contestata dai sostenitori del signor Söder, che preferiscono evidenziare un’altra decisione della signora Merkel: il suo progetto di approvare una legge, nei prossimi giorni, per dare allo stato federale più prerogative sui Länder in materia di misure anti-Covid-19. Un’idea approvata fin dall’inizio dal leader bavarese, ma guardata con molta più riserva dal suo rivale renano.

Lunedì mattina, la direzione della CDU, riunita a porte chiuse, ha infine deciso di sostenere la candidatura del suo presidente, Laschet, rispetto a quella di Söder, secondo diversi partecipanti. “Lo consideriamo eccezionalmente adatto e gli abbiamo chiesto di discutere ora con Markus Söder come procedere”, ha confermato il leader della CDU dell’Assia, Volker Bouffier. La decisione non è ancora definitiva – la direzione della CSU si riunisce questo pomeriggio a Monaco – ma con questo sostegno, Laschet ha ora una buona possibilità di difendere i colori conservatori del gruppo CDU-CSU nella successione della Merkel.

Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore