skip to Main Content

Cia

Tutti gli intrecci di intelligence tra Cia, Cina e Italia

Secondo il Global Times, la Cia ha reclutato in Italia un dipendente del governo cinese che ha passato informazioni militari agli Stati Uniti. L'articolo di Giuseppe Gagliano.

Un dipendente del governo cinese ha dato “informazioni fondamentali” sull’esercito cinese agli Stati Uniti, dopo essere stato reclutato da un ufficiale della Central Intelligence Agency (CIA) in Italia, ha detto il tabloid nazionalista cinese Global Times.

L’accusa è stata fatta in una dichiarazione rilasciata venerdì dall’agenzia di intelligence civile cinese, il ministero della Sicurezza di stato (MSS), sul suo account di social media WeChat.

COSA SAPPIAMO SU “ZENG”, L’UOMO DELLA CIA IN CINA

La dichiarazione del MSS non specificava il periodo durante il quale ha avuto luogo il presunto spionaggio. Ma ha chiamato la presunta spia come “Zeng” e lo ha descritto come un 52enne “membro del personale di un gruppo industriale militare cinese e un importante dipendente confidenziale” dello stato cinese. Secondo il Global Times, Zeng era stato inviato in Italia dal suo datore di lavoro, presumibilmente per proseguire gli studi universitari o ricevere una formazione tecnica. Mentre era in Italia, Zeng sarebbe stato avvicinato da un dipendente dell’ambasciata degli Stati Uniti a Roma, che il MSS ha identificato come “Seth”.

Secondo il MSS, Seth era un ufficiale della CIA, che ha fatto amicizia con Zeng attraverso “cene , party, uscite e gite “. L’uomo cinese “ha sviluppato una dipendenza psicologica” da Seth ed è stato “indottrinato” da lui “con valori occidentali”, afferma la dichiarazione del MSS. Seth alla fine ha convinto Zeng a firmare un accordo con la CIA per fare dello spionaggio. Al ritorno in Cina dal suo soggiorno in Italia, si presume che Zeng abbia effettuato lo spionaggio per conto dei suoi gestori della CIA. Il MSS afferma che Zeng ha dato ai suoi gestori della CIA una grande quantità di informazioni.

INFORMAZIONI SULLE FORZE ARMATE CINESI

Le informazioni che Zeng si presume abbia fornito alla CIA riguardavano “gli sviluppi chiave sull’esercito cinese” a cui aveva accesso attraverso il suo datore di lavoro. In cambio di queste informazioni, Zeng è accusato di aver ricevuto un’enorme quantità di denaro dai suoi gestori della CIA. Quest’ultimo gli ha promesso anche che avrebbero aiutato la sua famiglia a emigrare negli Stati Uniti. L’agenzia di spionaggio ha detto che Zeng rimane in detenzione mentre il caso è sotto inchiesta. La dichiarazione del MSS ha sottolineato i cittadini cinesi che vivono o viaggiano all’estero dei “rischi e dei pericoli” del reclutamento da parte delle agenzie di spionaggio occidentali.

L’agenzia di stampa Reuters ha detto di aver contattato l’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino in merito alle accuse del MSS, ma non ha ricevuto alcuna risposta.

Back To Top