skip to Main Content

Cosa farà la Cina di Xi in Asia centrale

Cina Computer

Xi Jinping ha promesso 500 milioni di dollari in aiuti alle nazioni dell’Asia centrale. L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Il periodico SCMP ha reso noto che il presidente Xi Jinping ha promesso 500 milioni di dollari in aiuti alle nazioni dell’Asia centrale, dicendo che la Cina le sosterrà a “percorrere le proprie strade” e difendere la loro sovranità.

Xi ha annunciato gli aiuti martedì durante un incontro virtuale con i leader di Kazakistan, Uzbekistan, Turkmenistan, Kirghizistan e Tagikistan.

Ha detto che i fondi saranno forniti “nei prossimi tre anni, da utilizzare su progetti che coinvolgono i mezzi di sussistenza delle persone”, secondo l’emittente statale CCTV.

Il presidente cinese ha chiesto una comunicazione più strategica per costruire fiducia e unità nella regione e perseguire la “proca prosperità” e lo sviluppo.

Ha anche colpito l’interferenza di altre nazioni, dicendo che Pechino “si oppone risolutamente all’uso dei diritti umani come scusa per intervenire nella politica interna” e che i sei paesi avevano contribuito insieme a garantire la pace e la stabilità nella regione.

L’incontro ha segnato 30 anni di legami diplomatici tra la Cina e le cinque nazioni da quando hanno ottenuto l’indipendenza dall’Unione Sovietica. Il presidente ha detto che Pechino è pronta ad aprire il suo “mega mercato” alle esportazioni agricole dall’Asia centrale, portare avanti il progetto ferroviario Cina-Kirghizistan-Uzbekistan ed espandere la cooperazione in materia di energia e tecnologia in settori come l’intelligenza artificiale, i big data e i servizi cloud.

Con le Olimpiadi invernali di Pechino che dovrebbero iniziare la prossima settimana, tutti e cinque i leader dell’Asia centrale hanno confermato durante l’incontro che avrebbero partecipato alla cerimonia di apertura dei Giochi il 4 febbraio, secondo CCTV. Saranno tra un piccolo numero di leader che dovrebbero partecipare di persona all’evento in mezzo alla pandemia di coronavirus e a un boicottaggio diplomatico da parte di paesi tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada e Australia. La Cina ha cercato legami più stretti – in settori dalla sicurezza alla cooperazione economica – in Asia centrale, ma sembra adottare un approccio misurato in una regione che è vista come parte della sfera di influenza della Russia.

Pechino ha espresso sostegno alle forze a guida russa inviate in Kazakistan per aiutare a sedare le proteste antigovernative, innescate dall’aumento dei prezzi del carburante, all’inizio di questo mese. Xi ha anche sostenuto il presidente Kassym-Jomart Tokayev, dicendo che Pechino si è decisamente opposta a qualsiasi forza che cercasse di destabilizzare il Kazakistan.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore