skip to Main Content

Chi vuole il bis di Ursula von der Leyen a Bruxelles

Macron e Scholz puntano a confermare von der Leyen alla presidenza della Commissione europea. E ci sarebbe un accordo anche su Consiglio europeo ed Alto Rappresentante. Tutti i dettagli nell'approfondimento della newsletter Mattinale Europeo

I leader dell’Unione europea hanno scelto la continuità. Senza entusiasmo e con qualche malumore, confermeranno Ursula von der Leyen, la candidata tedesca del Partito Popolare Europeo (PPE), alla guida della Commissione europea per altri cinque anni. L’accordo dovrebbe essere finalizzato questa sera durante una cena informale a Bruxelles e poi convalidato formalmente al Consiglio europeo del 27 e 28 giugno. Olaf Scholz ed Emmanuel Macron hanno sciolto le ultime riserve, hanno confermato diverse persone con cui abbiamo parlato. L’Ue si sta spostando a destra per contrastare l’ascesa dell’estrema destra e frenare l’estrema sinistra.

Ursula von der Leyen era estasiata venerdì. Il vertice del G7 organizzato da Giorgia Meloni in Puglia, è stato il suo momento. Il video postato dalla sua squadra su Instagram la mostra con i potenti. L’immagine della sua foto con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che la stringe affettuosamente al collo, il suo abbraccio con il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, i suoi momenti di complicità con gli altri membri del G7 e i leader ospiti, dimostrano che fa parte del club. La presidente della Commissione utilizza da tempo i social network per promuovere la sua immagine. È addirittura il suo unico mezzo di comunicazione, perché la stampa la spaventa.

Prima di recarsi in Italia, Ursula von der Leyen è stata ricevuta all’Eliseo da Emmanuel Macron. Secondo le nostre informazioni, l’incontro è andato bene. Il presidente francese non aveva ancora preso una decisione definitiva prima dell’incontro. Non gli piace il sistema dello Spitzenkandidat imposto dal PPE, che politicizza la presidenza della Commissione, e voleva che la candidata si impegnasse sulle priorità indicate nel suo discorso della Sorbona sull’Europa. Ci è stato detto che Ursula von der Leyen si è mostrata molto d’accordo con le aspettative del presidente francese. Emmanuel Macron è molto attento all’agenda programmatica definita nel discorso della Sorbona. Secondo quanto ci è stato riferito, non lascerà che il rapporto di Enrico Letta sul mercato unico finisca in un cassetto e ha una grande stima per l’ex primo ministro italiano Mario Draghi, di cui condivide l’analisi e le proposte.

Ma la configurazione politica dell’UE è una realtà ineluttabile. Il PPE è uscito rafforzato dalle elezioni europee, con 189 membri su 720 eletti al Parlamento europeo, e guida il governo in dodici Stati membri membri, anche se questi non possono formare una maggioranza qualificata perché sono piccoli paesi e non rappresentano il 65 per cento della popolazione dell’UE. Ursula von der Leyen ha il sostegno del suo partito, la CDU, e quello dei tre partiti della coalizione guidata dal socialista Olaf Scholz in Germania. La coalizione pro-europea ha mantenuto la sua maggioranza. I socialisti hanno retto. Il gruppo Renew (liberale), nonostante la battuta d’arresto della delegazione francese, è inevitabile come terza forza.

La grande coalizione rimane all’ordine del giorno e l’accordo per i “Top Jobs” riflette gli equilibri: Ursula von der Leyen a capo della Commissione, l’ex primo ministro socialista portoghese Antonio Costa come presidente del Consiglio, l’organo di governo dell’UE, e il posto di Alto rappresentante per il rinnovamento, che molto probabilmente andrà al primo ministro estone, Kaja Kallas. Diverse fonti ci hanno confermato che l’accordo è praticamente fatto sul trio. Ma “Ursula von der Leyen sarà riconfermata a senza entusiasmo, per difetto, perché non è emersa alcuna alternativa credibile”, ha ammesso il nostro contatto del PPE.

(Estratto dalla newsletter Mattinale Europeo)

Back To Top