skip to Main Content

Brasile

Tutti gli obiettivi anti-dollaro della visita di Lula in Cina

Durante la visita di Lula, Brasile e Cina hanno firmato oltre venti accordi bilaterali. I due paesi lavorano inoltre per contrastare l'egemonia finanziaria del dollaro.

Nel clamore che circonda la visita in Cina del presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, iniziata il 12 aprile, i leader di entrambi i paesi hanno firmato più di 20 nuovi accordi bilaterali.

In apparenza il viaggio è stato una normale visita diplomatica. Tuttavia, alcuni affermano che lo scopo è quello di ridimensionare l’egemonia americana.

I RAPPORTI TRA CINA E BRASILE

La Cina è il principale partner commerciale del Brasile ed entrambe le nazioni operano come membri fondamentali del blocco commerciale noto come BRICS. Questa alleanza comprende anche Russia, India e Sud Africa. I membri del blocco commerciale condividono apertamente il desiderio di soppiantare il dollaro nel commercio e come valuta di riserva globale.

LULA APPOGGIA I REGIMI AUTORITARI?

Dal ritorno di Lula al timone del Brasile, i funzionari e gli analisti statunitensi hanno espresso preoccupazione per il cambiamento di politica del paese sudamericano a favore di Pechino e di altri regimi autoritari. Non dimentichiamoci infatti che proprio il presidente del Brasile ha consentito l’approdo il 26 febbraio di navi da guerra iraniane, accoglienza seguita il 29 marzo dall’annuncio che il Brasile avrebbe iniziato a utilizzare lo yuan cinese invece del dollaro USA nelle transazioni commerciali.

Non sorprende allora che proprio a marzo alcuni esponenti della commissione per le relazioni estere abbiano espresso preoccupazione per la cooperazione tra la Cina e il Brasile. La Cina infatti sta facendo ingenti investimenti in Brasile.

A tale proposito, non dimentichiamoci che all’interno dell’accordo tra il Brasile e la Cina vi è la New Development Bank (NDB) sostenuta da Pechino come strumento di compensazione dello yuan. L’obiettivo è aumentare il volume e la forza dello yuan cinese nelle Americhe.

LA VICINANZA DI LULA A PECHINO

Mentre era a Shanghai, Lula ha preso parte alla cerimonia che ha visto Dilma Rousseff – il suo ex capo di stato maggiore e guerrigliero marxista degli anni ’60 – a capo della NDB. Rousseff è stato presidente del Brasile dopo Lula a partire dal 2011, ma è stato messo sotto accusa dal Congresso nel 2016 per cattiva gestione del bilancio.
La NDB è stata creata sotto la supervisione di Rousseff e quindi la sua nomina a capo dell’NDB il 13 aprile ha profondamente irritato l’amministrazione americana.

La vicinanza del presidente brasiliano alla Cina e la politica che il Brasile fa all’interno dei BRICS hanno come scopo quello di ridimensionare la potenza egemonica americana. Non dimentichiamoci infatti che l’attuale presidente del Brasile è un membro fondatore di UNASUR, un blocco commerciale sudamericano creato nel 2008 con l’ex presidente venezuelano Hugo Chavez. A quel tempo, Chavez disse che l’UNASUR era stato progettato per ostacolare l’influenza degli Stati Uniti nella regione.

Ad ogni modo, ritornando ai rapporti con la Cina ,il 14 aprile il ministero degli Affari esteri cinese ha rilasciato un comunicato stampa in cui si afferma che il leader cinese Xi Jinping ha dichiarato la Cina e il Brasile come “i due maggiori paesi in via di sviluppo e mercati emergenti negli emisferi orientale e occidentale”. Il brief ha aggiunto che i due paesi hanno “ampi interessi comuni”.

IL TENTATIVO DI DE-DOLLARIZZAZIONE

È evidente allora che il Brasile, alla stessa stregua del Venezuela, diventerà uno snodo fondamentale a livello strategico per la Cina allo scopo di consolidare la sua influenza nell’emisfero sud in funzione di contenimento americano. Infatti la “de-dollarizzazione” indebolirà il potere delle sanzioni statunitensi all’estero, diminuendo sostanzialmente una delle più potenti armi non militari a sua disposizione.

Quasi la metà di tutto il commercio mondiale è condotto in dollari. I biglietti verdi comprendono anche il 60% delle riserve totali di valuta estera. Ma quando l’inflazione delle materie prime ha paralizzato i paesi nel 2022, il dibattito per le valute alternative è stato riacceso.

Se è vero che lo yuan come valuta di scambio nell’immediato futuro non sostituirà completamente il dollaro in America Latina, il suo utilizzo determinerà un indebolimento dell’influenza finanziaria degli Stati Uniti e faciliterà l’elusione delle sanzioni. Non solo per Cina e Russia, ma anche per tutti i loro alleati regionali.

IL VIAGGIO DEL GENERALE RICHARDSON IN ARGENTINA

Nella stessa ottica – cioè nell’ottica di ridimensionare l’influenza cinese in America latina – si colloca il recente viaggio di un importante esponente della establishment militare americano in Argentina.

Il generale Richardson, capo del Comando meridionale degli Stati Uniti (SOUTHCOM) – il comando dell’esercito americano per il continente sudamericano – è arrivato lunedì a Buenos Aires lunedì per impedire all’Argentina, una volta per tutte, di ordinare 12 aerei JF-17 Thunder realizzati da Chengdu Aircraft Industries Group (CAC), per un costo totale di 664 milioni di dollari.

Originariamente, il generale degli Stati Uniti, che ha viaggiato in Argentina due volte in 12 mesi, aveva mirato a tenere discussioni anche con la vicepresidente, Cristina Kirchner. Ma, poiché l’entourage di Kirchner è stato evasivo su un potenziale incontro, Richardson dovrà accontentarsi di colloqui con i generali dell’esercito argentino, così come con il presidente Alberto Fernandez, che ha poca influenza quando si tratta di acquisizioni della difesa.

Facciamo un passo indietro. A dicembre il governo argentino ha reso noto che Sabino Vaca Narvaja – che è stato ambasciatore dell’Argentina in Cina dal 2021 ed è noto per promuovere gli interessi economici delle aziende cinesi nel suo paese – ha cercato di convincere la China National Aero-Technology International Engineering Corp, una società statale collegata alla holding Aviation Industry Corp della Cina, a scegliere l’Argentina come sede per un nuovo impianto di produzione di aerei da combattimento.

L’Argentina si trova in una posizione particolarmente difficile. Joe Biden è stato molto chiaro con Fernandez quando i due presidenti si sono incontrati alla Casa Bianca alla fine di marzo. Per bloccare i piani di investimento della Cina, Washington vuole rinegoziare il suo accordo di rifinanziamento del debito con il Fondo Monetario Internazionale (FMI). Le possibilità che ciò accada diventeranno sempre più remote se l’Argentina approfondirà i suoi legami con Pechino. Dal punto di vista politico gli Stati Uniti auspicano che le elezioni presidenziali che si terranno ad ottobre potrebbero annunciare un cambiamento di leadership favorevole agli Stati Uniti .Tuttavia nel frattempo l’ambasciatore cinese in Argentina, Zou Xiaoli, sta facendo tutto il possibile per evitare che questo scenario accada, organizzando numerosi incontri con Kirchner per firmare una numero considerevole di accordi.

Back To Top