skip to Main Content

Cosa farà Biden sulle infrastrutture digitali degli Stati Uniti

Infrastrutture Digitali

Il piano Biden sulle infrastrutture digitali mira alla banda larga con 100 miliardi di dollari di investimenti in otto anni. Ma il successo è incerto, scrive Le Monde

Per rilanciare l’infrastruttura digitale degli Stati Uniti, il piano Biden mira alla banda larga con 100 miliardi di dollari di investimenti in otto anni, come spiega l’analista Georges Nahon, in un articolo su “Le Monde“. Ma le possibilità di successo sono incerte, perché i tempi sono cambiati.

Il 31 marzo, il presidente Biden ha annunciato il suo ambizioso piano “Build Back Better”, con un capitolo sull’accesso alla banda larga per tutti e sulla ricerca e sviluppo (R&S). Il suo obiettivo: la creazione di posti di lavoro (“The American Jobs Plan”). Il suo obiettivo: la Cina. Ma dalla fine della guerra fredda, pochi piani di stimolo hanno prodotto i risultati attesi. Se il piano viene approvato dal Congresso, dovrà confrontarsi con le dinamiche della realtà e della fattibilità che cambiano molto rapidamente.

La constatazione secondo la Casa Bianca è che nel 2021, “più di 30 milioni di americani non hanno ancora accesso a Internet ad alta velocità”, anche se, secondo gli operatori via cavo, il 70-80% delle case americane hanno accesso fisico a velocità massime di un gigabit al secondo, o meno della velocità della fibra in Francia. Ma questo nelle città. E un americano su cinque vive in zone rurali, il 35% dei quali non ha accesso a velocità decenti.

STARLINK O KUIPER

Per le famiglie a basso reddito, la spesa accettabile sarebbe di 10 dollari al mese. Purtroppo la tariffa è alta, tra i 50 e i 70 dollari al mese, perché c’è poca concorrenza nelle reti fisse: l’85,4% della popolazione nelle zone rurali ha un solo operatore e il 14,6% non ne ha nessuno.

Negli Stati Uniti, la banda larga è definita come 25 megabit al secondo (Mbps) dalla Federal Communications Commission (FCC), la controparte dell’autorità francese di regolamentazione delle comunicazioni elettroniche, della posta e della distribuzione della stampa (Arcep). Ma secondo l’organizzazione Broadband Now, la velocità di ricezione necessaria per una famiglia di quattro persone è di almeno 108 Mbps. E [l’operatore statunitense] AT&T prevede che entro il 2025, ci sarà un raddoppio del traffico in entrata.

Il piano parla di nuove reti costruite per resistere alla prova del tempo, che punta alla fibra per ridurre il rischio di obsolescenza. Per attuarlo, trentadue rappresentanti democratici hanno introdotto un disegno di legge: “The Leading Infrastructure For Tomorrow’s America (LIFT America) Act”. La porzione di banda larga del LIFT include 109,3 miliardi di dollari, compresi 80 miliardi di dollari per la diffusione della banda larga al 100%, e 9,3 miliardi di dollari in sussidi per l'”accessibilità” delle tariffe. LIFT vuole anche neutralizzare i regolamenti che impediscono ai comuni di diciotto stati di creare e gestire le reti.

Il piano curiosamente non fa alcun riferimento all’Internet satellitare che si sta sviluppando, come Starlink, di Elon Musk, boss di Tesla o Kuiper, e Jeff Bezos, CEO di Amazon. Queste costellazioni di migliaia di satelliti offrono attualmente un accesso a Internet a 100 Mbps/20 Mbps. Kuiper parla di 500 Mbps. In Francia, Orange ha già lanciato un servizio simile con Eutelsat a metà prezzo.

L’ARLESIANA

Con il suo approccio “New Deal per la banda larga”, Biden vuole emulare Roosevelt con la sua Biden-Net. Ma il mondo è cambiato con la tecnologia digitale e mobile dalla promulgazione del Rural Electrification Act del 1936 per elettrificare gli Stati Uniti. L’ennesimo tentativo di “internetilizzare” il cuore dell’America è stato il problema di ogni nuova amministrazione dal 1991.

La Biden-Net, finanziata dai contribuenti, sarà gestita principalmente dai comuni che non sono stati i migliori. Tra il 2009 e il 2017, il governo federale avrà speso 47,3 miliardi di dollari per portare l’infrastruttura a banda larga alle comunità, ma con successo misto.

L’attuazione di questo progetto tecno-sociale per la banda larga rischia di essere lunga e macchinosa. Mentre l’Internet satellitare sarà sicuramente in grado di fornire economicamente e rapidamente la soluzione per le zone rurali o isolate, scarsamente o non coperto da rame o fibra e trasmettitori mobili. C’è quindi il rischio, come ha detto un senatore, che il progetto Biden-Net “apra la porta alla duplicazione e alla sovracostruzione [delle reti]”.

Le possibilità di successo del piano Biden-Net sono incerte. Il piano ha un tono ideologico che può suscitare allergie e dubbi. Ha avversari potenti, le compagnie telefoniche e via cavo che detengono il mercato dell’accesso a Internet.

TEMPI DIFFICILI DA RECUPERARE

Per quanto riguarda il piano Biden per la R&S, è troppo poco e troppo tardi? Secondo il presidente americano, “negli anni ’60, al tempo del primo satellite russo Sputnik, gli Stati Uniti stavano investendo circa il 2% della nostra economia, più di tutti gli altri paesi e aziende messi insieme. E ora (…) è meno della metà. E nel frattempo, in Cina, abbiamo visto la spesa in R&S aumentare di circa trenta volte dal 1990.”

Secondo l’economista Richard Duncan, l’investimento cinese in R&S è aumentato in media del 17% all’anno dal 2001, mentre l’investimento americano è aumentato in media solo del 4% all’anno. La Cina, numero 2 in R&S nel 2020, supererà gli Stati Uniti negli investimenti in R&S nel 2021 e investirà il 40% in più degli Stati Uniti nel 2030. In un tale scenario, sarà difficile per gli Stati Uniti recuperare il ritardo.

Il piano di R&S di Biden è benvenuto e ben accolto. Ma sarà difficile ricreare il senso di urgenza del periodo della guerra fredda che era così favorevole alla Silicon Valley. La guerra fredda con la Cina richiederà molti più investimenti, e più velocemente, ma non è troppo tardi. In questo campo di R&S, è vero, come la storia ha dimostrato, il meglio è amico del bene.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore