skip to Main Content

L’attacco degli Houthi rivela i difetti della difesa aerea degli Emirati

Israele Emirati

Perché gli Emirati, pur essendo tra gli Stati che spendono di più in capacità di difesa aerea, non sono stati in grado di contrastare la minaccia?

 

L’attacco ad Abu Dhabi del 17 gennaio rivendicato dai ribelli Houthi dello Yemen rivela i difetti della difesa aerea degli Emirati. Una combinazione di missili balistici, missili da crociera e droni: questo è l’arsenale utilizzato nell’attacco mortale che ha colpito un deposito ADNOC, la compagnia petrolifera di Abu Dhabi e un cantiere aeroportuale il 17 gennaio. Queste informazioni, riportate per la prima volta da Yahya Sare’e, il portavoce degli Houthi, che sostengono l’attacco, sono state poi confermate da Yousef Al-Otaiba in una conferenza online organizzata dall’Istituto ebraico per la sicurezza nazionale d’America.

Dopo l’attacco, è sorta immediatamente la questione del perché gli Emirati non fossero in grado di contrastare questa minaccia. Perché, insieme all’Arabia Saudita, sono tra gli stati del mondo che spendono di più in capacità di difesa aerea. Entrambi i Paesi hanno Patriot, che forniscono protezione contro i missili balistici. Abu Dhabi ha anche acquisito due terminal THAAD, un sistema di difesa missilistica ad alta quota che Riyadh sta anche acquisendo.

Da quando è entrata in guerra nello Yemen per sostenere le forze governative, l’Arabia Saudita è stata bersaglio regolare degli attacchi con droni e missili inviati dagli Houthi. L’anno scorso, il suo esercito ha intercettato 300 missili. Gli Emirati, da parte loro, sono di solito meno esposti a causa della loro lontananza geografica, anche se gli Houthi avevano già rivendicato la responsabilità di due attacchi contro di loro in passato, mai confermati da Abu Dhabi: uno ha preso di mira la centrale nucleare di Barakah nel 2017 e un altro, l’aeroporto, nel 2018. E non avevano mai affrontato direttamente i ribelli, concentrandosi sullo Yemen meridionale e sostenendo il Consiglio di transizione meridionale. Hanno anche annunciato il loro ritiro dal conflitto nel 2019, anche se hanno mantenuto una presenza sul terreno.

Ma l’intervento nel conflitto negli ultimi mesi da parte di forze paramilitari addestrate e finanziate dalla petromonarchia ha causato agli Houthi diverse gravi battute d’arresto, specialmente nella provincia di Shabwa e intorno a Ma’rib, una città ricca di petrolio. Gli attacchi di lunedì scorso sono stati presentati come rappresaglie di fronte a queste rinnovate attività militari che stanno trasformando l’equilibrio di potere sul terreno. Resta da vedere se provenissero davvero dallo Yemen.

A cosa stiamo alludendo? Al caso degli attacchi alle strutture petrolifere saudite nel settembre 2019. Sebbene rivendicati dal movimento ribelle yemenita, molto probabilmente provenivano dall’Iran o dalle milizie pro-Teheran con sede in Iraq.

Questa ambiguità sulle origini dell’attacco non deve nulla al caso. È una caratteristica importante di questo nuovo tipo di guerra asimmetrica che l’Iran, in particolare, sa utilizzare.

L’arsenale di droni e missili disponibili per gli Houthi oggi è in gran parte il risultato di un trasferimento tecnologico gestito dalla Repubblica islamica, come hanno dimostrato diverse indagini sulla ricerca sugli armamenti di conflitto. Tuttavia, gli Houthi hanno ancora bisogno di fornitori stranieri per alcuni elementi, come i sistemi di navigazione.

Mentre gli Houthi erano ancora descritti alcuni anni fa come un gruppo mal organizzato, agglomerato attorno a legami tribali, sono diventati in pochi anni, grazie all’aiuto delle Guardie rivoluzionarie iraniane, ma anche grazie ad ex ufficiali del governo di Saleh e di Hezbollah, un’organizzazione sofisticata.

Come Hezbollah, gli Houthi difendono un’enclave con un vasto arsenale di missili e droni che rappresenta una minaccia diretta per i Paesi vicini, al fine di costringerli ad accettare uno status quo. La velocità con cui gli Houthi hanno effettuato questa mutazione è impressionante ed è molto probabile che altri gruppi non statali saranno tentati di copiare questa strategia in futuro. Inoltre , Dal punto di vista tecnico, non bisogna dimenticare che un missile Patriot costa tra i 3 e 4 milioni di dollari mentre un drone, in confronto, a volte costa meno di 20.000 dollari. Ed è molto difficile oltretutto da rilevare.

Infatti la maggior parte dei sistemi di difesa aerea sono progettati per proteggere dai missili balistici, che sono facilmente identificabili dai radar. Insomma allo stato attuale tutti sono vulnerabili a questo tipo di attacco. Vedremo se dal punto di vista politico e tecnologico il progetto per la prima volta presentato nel 2003 da parte dei Paesi del consiglio di cooperazione del Golfo di realizzare uno scudo missilistico comune approderà a qualche risultato concreto.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore