skip to Main Content

Alaska

Perché Biden frena i permessi minerari in Alaska. Report Nyt

L'amministrazione Biden ha negato i permessi per la costruzione di una strada industriale in Alaska che avrebbe raggiunto i giacimenti di rame e zinco situati in un'area naturale. L'articolo del New York Times.

Il Dipartimento degli Interni ha respinto la proposta di una strada industriale attraverso un territorio incontaminato in Alaska, necessaria per raggiungere un giacimento di rame stimato in 7,5 miliardi di dollari.

La scorsa settimana l’amministrazione Biden ha negato il permesso a un’agenzia dell’Alaska di costruire una strada industriale di 211 miglia che avrebbe attraversato il Parco nazionale e la Riserva di Gates of the Arctic per raggiungere i giacimenti di rame e zinco situati in una zona selvaggia e incontaminata. Scrive il NYT.

Parallelamente, l’amministrazione ha dichiarato di voler mantenere le protezioni per 28 milioni di acri di terra sparsi in Alaska che l’amministrazione Trump aveva cercato di aprire all’estrazione mineraria e alle trivellazioni di petrolio e gas. Queste terre includono un habitat unico per tre grandi mandrie di caribù, uccelli migratori e salmoni del Pacifico.

BIDEN CERCA IL VOTO DEGLI AMBIENTALISTI

La coppia di decisioni del Dipartimento degli Interni fa parte di un flusso costante di iniziative ambientali che il Presidente Biden ha preso in vista delle elezioni di novembre per consolidare la sua posizione tra gli ambientalisti, un importante gruppo di elettori. Gli attivisti per il clima hanno fatto pressione sull’amministrazione affinché agisca in modo più aggressivo per proteggere le terre pubbliche da nuovi progetti di petrolio e gas.

“Oggi la mia amministrazione sta impedendo a una strada di 211 miglia di scavare un’area incontaminata su cui le comunità native dell’Alaska fanno affidamento, oltre alle misure che stiamo adottando per mantenere la protezione di 28 milioni di acri in Alaska dalle attività estrattive e di trivellazione”, ha dichiarato Biden in un comunicato. “Queste meraviglie naturali richiedono la nostra protezione”.

RAME E ZINCO: TUTTO SULL’AMBLER ACCESS PROJECT IN ALASKA

Bloccando la strada, nota come Ambler Access Project, l’amministrazione ha dato priorità alla conservazione e alla protezione delle comunità tribali che dipendono dalla caccia e dalla pesca nell’area, rispetto allo sviluppo minerario che potrebbe consentire una maggiore produzione di energia pulita.

La strada industriale proposta è stata considerata essenziale per raggiungere quello che si stima essere un giacimento di rame da 7,5 miliardi di dollari. Ambler Metals, l’impresa mineraria che sta dietro al progetto, ha dichiarato che il rame ricercato è fondamentale per produrre turbine eoliche, celle fotovoltaiche e linee di trasmissione necessarie per le energie rinnovabili.

Ambler Metals ha accusato l’amministrazione Biden di aver bocciato il progetto della strada “non per il contenuto del progetto, ma per la politica nazionale in un anno di elezioni”. L’azienda ha dichiarato che “esplorerà tutte le vie legali, legislative e normative per portare avanti la realizzazione della strada”.

La strada di ghiaia a due corsie, adatta a tutte le stagioni, avrebbe attraversato le pendici del Brooks Range e il Gates of the Arctic National Park and Preserve, oltrepassando 11 fiumi e migliaia di corsi d’acqua prima di raggiungere il sito di una futura miniera. L’area ospita una fauna selvatica tra le più fragili al mondo. Poiché la strada avrebbe attraversato terreni federali, era necessario un permesso del Dipartimento degli Interni.

L’IMPATTO AMBIENTALE

Il Dipartimento degli Interni ha rilevato che una strada avrebbe alterato l’habitat, inquinato le zone di riproduzione dei salmoni e minacciato le tradizioni di caccia e pesca di oltre 30 comunità native dell’Alaska. L’agenzia ha concluso che qualsiasi versione di una strada industriale danneggerebbe “in modo significativo e irrevocabile” l’ambiente e le comunità tribali.

Dopo l’elezione di Biden, il Dipartimento degli Interni ha ordinato una nuova analisi, affermando che l’impatto ambientale della strada non era stato adeguatamente studiato dalla precedente amministrazione. Ad aprile, il Dipartimento ha dichiarato che avrebbe vietato qualsiasi versione della strada che sarebbe stata proposta.
“Il Dipartimento degli Interni prende sul serio l’impegno di gestire le terre pubbliche americane a beneficio di tutte le persone”, ha dichiarato il Segretario Deb Haaland in un comunicato. “In Alaska, ciò include la garanzia di considerare l’impatto delle azioni proposte sui nativi dell’Alaska e sugli utenti rurali della sussistenza”.

L’altra decisione del Dipartimento degli Interni riguarda le cosiddette terre D-1 in Alaska, che sono state ritirate dallo sviluppo nel 1971 in base all’Alaska Native Claims Settlement Act.

L’amministrazione Trump aveva intenzione di porre fine alle protezioni per circa 28 milioni di acri di terre D-1. Poco dopo l’insediamento di Biden, il Dipartimento degli Interni ha dichiarato che la mossa dell’amministrazione Trump era giuridicamente errata e ha avviato una nuova revisione ambientale.

Tale revisione ha rilevato che la revoca delle protezioni potrebbe danneggiare la caccia e la pesca di sussistenza in ben 117 comunità e potrebbe causare danni duraturi alla fauna selvatica, alla vegetazione e al terreno ghiacciato noto come permafrost. Il Dipartimento degli Interni ha raccomandato che il territorio mantenga le protezioni federali.

COSA PENSANO I NATIVI DELL’ALASKA

I leader tribali dell’Alaska hanno lodato la decisione.

“Ho avuto il privilegio di essere cresciuta in un luogo straordinario, sono Neltsene, vengo dal clan degli Orsi”, ha dichiarato in un comunicato Julie Roberts-Hyslop, primo capo della Tribù Tanana.

“L’Alaska è uno dei luoghi più incontaminati del mondo e mi sento obbligata a proteggerlo per le generazioni future”, ha aggiunto. “Le nostre nazioni tribali si rallegrano di questa notizia positiva”.

Frank Thompson, capo di Evansville, un villaggio di nativi dell’Alaska ai piedi del Brooks Range, ha detto che il suo consiglio tribale ha combattuto il progetto per otto anni. “Oggi è un giorno felice”, ha detto.

Si prevede che la delegazione del Congresso dell’Alaska, che sostiene all’unanimità il progetto stradale, si opporrà alla decisione.

Il senatore Dan Sullivan, repubblicano dell’Alaska, ha dichiarato la scorsa settimana di aver aggiunto un emendamento al disegno di legge annuale sulla difesa che costringerebbe il Dipartimento degli Interni a scegliere un percorso per il progetto. Ha definito la decisione dell’amministrazione Biden “senza senso”.

La rappresentante Mary Peltola, la prima nativa dell’Alaska a rappresentare lo Stato al Congresso e l’unica democratica del Congresso dell’Alaska, ha dichiarato in una dichiarazione di credere ancora che ci sia “un percorso da seguire” per il progetto Ambler Road.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top