skip to Main Content

A cosa servirà il piano europeo Global Gateway?

Global Gateway

Ecco perché il piano Ue Global Gateway potrebbe essere una strategia per contrastare (al fianco degli Usa) Cina e Russia

 

Che cosa si nasconde dietro l’imponente piano dell’Unione Europea Global Gateway? La promozione dei diritti umani a livello internazionale? Il rispetto dei vincoli ambientali a livello europeo? O piuttosto la necessità di contrastare la Cina e la Russia a livello europeo e affiancare in tal modo gli Stati Uniti nel contrasto all’egemonia globale sino-russa?

Ci sono in questo documento quattro passaggi chiave che dimostrano la verosimiglianza di questa lettura molto disinibita.

Il primo: “Inoltre, aggiungendo al suo kit di strumenti finanziari, l’Ue sta esplorando la possibilità di istituire un Fondo europeo di credito all’esportazione per integrare gli accordi di credito all’esportazione esistenti a livello di Stati membri e aumentare la potenza di fuoco complessiva dell’Ue in questo settore. Lo strumento contribuirebbe a garantire condizioni di parità maggiori per le imprese dell’Ue sui mercati dei Paesi terzi, dove devono sempre più competere con i concorrenti stranieri che ricevono un ampio sostegno dai loro governi e quindi facilitare la loro partecipazione a progetti infrastrutturali”.

Veniamo al secondo aspetto in cui gli investimenti vengono inseriti in un contesto di rispetto dei diritti umani a differenza degli investimenti di altri Paesi (si allude alla Cina?): “Global Gateway investirà nella stabilità e nella cooperazione internazionale e dimostrerà come i valori democratici offrano certezza ed equità per gli investitori, sostenibilità per i partner e benefici a lungo termine per le persone di tutto il mondo”.

Veniamo adesso al terzo aspetto dove la sinergia fra Europa e Stati Uniti è chiaramente sottolineata, una sottolineatura che è naturalmente rivolta al contenimento sia della Cina che della Russia: “L’Ue si impegna a lavorare con partner che la pensano allo stesso modo per promuovere investimenti sostenibili in materia di connettività. Global Gateway e l’iniziativa statunitense Build Back Better World si rafforzeranno a vicenda. Questo impegno a lavorare insieme è stato riaffermato alla COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021, dove l’Ue e gli Stati Uniti hanno riunito partner che la pensano allo stesso modo per esprimere il loro impegno condiviso ad affrontare la crisi climatica attraverso lo sviluppo di infrastrutture pulite, resilienti e coerenti con un futuro netto zero”.

E infine il quarto punto dove la competizione con la Cina nel contesto asiatico, dell’indo Pacifico e dei Balcani è abbastanza chiaramente evidenziata: “Global Gateway si basa sui risultati della strategia di connettività Ue-Asia 2018, sui partenariati di connettività recentemente conclusi con Giappone e India, nonché sui piani economici e di investimento per i Balcani occidentali, il partenariato orientale e il vicinato meridionale”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore