Mondo

Perché i 118 sbottano sulle mascherine light anti Coronavirus nelle ambulanze

di

118 mascherine

Agli operatori del 118, l’Iss raccomanda di indossare mascherine chirurgiche. Gli addetti al settore protestano per le protezioni troppo lievi anti Covid-19. Ecco che cosa sta succedendo nelle ambulanze


Se quella alla Covid-19 è una guerra, la trincea è quella che vivono gli operatori sanitari. Peccato che in un’Italia impreparata e poco fornita, A combattere la guerra si va senza armi. Anzi, senza scudi e senza protezioni. Peggio ancora.

Così gli operatori del 118 ogni giorno scendono in strada a soccorrere soggetti affetti dalla Covid-19 (e non) dotati di sola mascherina chirurgica, con la benedizione di ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, e di camici che non sempre sono adatti a schermare il corpo da eventuali contagi, come ha denunciato Report, programma di Rai 3 condotto d Sigfrido Ranucci.

Tutti i dettagli.

DECRETO CURA ITALIA

Partiamo dalle regole. Già nel decreto Cura Italia si legge: “Per contenere il diffondersi del virus Covid-19, fino al termine dello stato di emergenza di cui alla delibera del Consiglio dei ministri in data 31 gennaio 2020, sull’intero territorio nazionale, per i lavoratori che nello svolgimento della loro attività sono oggettivamente impossibilitati a mantenere la distanza interpersonale di un metro, sono considerati dispositivi di protezione individuale (DPI), di cui all’articolo 74, comma 1, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81, le mascherine chirurgiche reperibili in commercio, il cui uso è disciplinato dall’articolo 34, comma3, del decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9.”.

LE INDICAZIONI ISS PER GLI OPERATORI SANITARI DEL 118

Indicazioni arrivano dall’Istituto Superiore di Sanità, che nel documento pubblicato il 28 marzo 2020, titolato “Indicazioni ad interim per un utilizzo razionale delle protezioni per infezione da Sars-Cov-2 nelle attività sanitarie e sociosanitarie (assistenza a soggetti affetti da Covid-19) nell’attuale scenario emergenziale Sars-Cov-2”, si parla di mascherina chirurgica come DPI da utilizzare (Dispositivo di protezione individuale) per proteggersi da Covid-19. Se il rischio è “aumentato per intensità e-o durata autombulanza con rianimatore” allora si consiglia la mascherina FFP2.

GLI ADDETTI ALLA GUIDA

Nessuna mascherina, nemmeno quella chirurgica, che gli addetti alla guida che non aiutano al carico e scarico del paziente. La sola raccomandazione è quella di mantenere un metro di distanza.

LE ACCUSE DELLA FONDAZIONE GIMBE

Le misure adottate da governo e Istituto Superiore di Sanità riprendono, in realtà, le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che però, secondo la fondazione Gimbe, hanno una distorsione di fondo: “Le raccomandazioni si basano sul presupposto che le scorte mondiali di Dpi, in particolare mascherine e respiratori medici, sono insufficienti per fronteggiare l’emergenza pandemica di Covid-19. Al contrario, le linee guida dovrebbero essere basate sulle migliori evidenze scientifiche, lasciando poi ai singoli Paesi, la possibilità di definire le priorità in relazione a necessità, disponibilità ed eventuali difficoltà di approvvigionamento”, si legge sul sito della Fondazione.

LE PROTESTE

Non sono mancate, ovviamente le proteste. In Sicilia, il Movimento Unito dei Dipendenti del 118 ha inviato una nota di diffida all’assessorato regionale alla Salute (che ha recepito le norme), al Ministero e alla Seus, la società in house che gestisce il 118, in cui si chiede di cambiare le norme di prevenzione: “Questa norma se non verrà ritirata o modificata, causerà il caos”. La Regione, accusa Mud, fare “distinzione fra operatori sanitari, relegandone alcuni in serie A e altri in serie B, e che questi ultimi possono essere meno a rischio di contagio dimenticando che detti operatori sanitari entrano in contatto con i pazienti più spesso di quanto non faccia la popolazione, oltre ad andare giornalmente nei vari pronto soccorso, ambienti ad alto rischio contagio”.

L’INTERVENTO DEL DIRETTORE DI ITALIA VIVA

Sulla questione è intervenuto anche il parlamentare di Italia Viva, Luca Sammartino, definendo la norma dell’Iss “una vergogna” che “rischia di mettere a rischio la salute dei lavoratori”.

“La Regione – prosegue il deputato – distingue fra operatori sanitari, alcuni di serie A e altri di serie B, e che quest’ultimi, in particolare gli autisti/soccorritori, senza adeguate protezioni sono a rischio di contagio, anche perché pure loro entrano in contatto con i pazienti. E’ fondamentale tutelare la salute di chi sta affrontando l’emergenza in prima linea”.

TUTE NON IDONEE

Il problema, però, non sono solo le mascherine. In Provincia di Latina, denuncia Report, dove l’agenzia regionale del 118 ha dato in appalto il servizio a delle società private, come la Croce Bianca.

Società private, però, che non dotano il personale degli strumenti necessari alla protezione da contagio Covid-19, come denuncia un operatore. “Le tute sono classiche tute dove non filtra nulla, sono plastificate e vengono utilizzate per tante altre cose”, dice l’operatore, aggiungendo che le “aziende sono in affanno” e che serve un intervento di Ares e della Regione Lazio.

BENEVENTO: ASSENZA TOTALE DI PROTEZIONE

A Benevento, sempre secondo quanto raccontato ieri da Report, gli addetti del 118 hanno deciso di utilizzare al posto dei calzari (non indicati come dispositivo di protezione) delle buste per i rifiuti speciali. Emilio Tazza, Segretario Sindacato Medici Cimo Benevento, ha denunciato anche il trasporto di un paziente Covid-19 senza protezione alcuna.

Protezioni che sono arrivate solo dopo la richiesta dei medici operatori, ma che non sono adatte. Agli operatori del 118 Misericordia sono state fornite tute ottime “per il bricolage e per proteggersi dalle macchie, ma forse non dai virus. L’altro modello distribuito è una tuta per l’industria alimentare, ideale per fare torte, ma priva della certificazione contro gli agenti infettivi. Intanto l’Asl di Benevento l’ha dichiarata idonea”, sottolinea Report.

“C’è una trincea e delle truppe che stanno al fronte. Medici ed infermieri del 118 stanno in trincea, ma ci sembra di andare a combattere con delle armi spuntate”, conclude Tazza.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati