skip to Main Content

Il ruolo dei social network durante il golpe (fallito) in Turchia

Social Network

Il presidente turco Erdogan ha usato FaceTime per mettersi in contatto con la CNN e parlare al popolo, mentre i militari provavano ad oscurare i social network

Turchia. Venerdì sera una fazione guidata da militari ha cercato di prendere il controllo del Paese, ma il golpe è fallito. A tre giorni dall’accaduto, però, la violenza è ben lungi dall’essere terminata: centinai i morti, migliaia di feriti e numerosissimi arresti. E in queste ore proseguono i rastrellamenti verso cospiratori o presunti tali.

Un ruolo davvero importate, in questi giorni è stato rivestito dai social network: mentre i militari occupavano la Tv pubblica oscurando i programmi (in perfetto stile Novecento), Recep Tayyip Erdogan ha puntato tutto sulla tecnologia per rassicurare i cittadini.

Facebook, Twitter e Youtube: il ruolo dei social network durante il golpe

Mentre i militari provavano a prendere il controllo del Paese, contemporaneamente i social network -Facebook, Twitter e Youtube- venivano oscurati. Diverse, però, le persone che sono riuscite a raggirare il blocco, utilizzando  VPN o altri servizi coperti dall’anonimato (dopo la legge del 21 marzo 2014, definita “legge bavaglio”, sono state diffuse online le istruzioni per aggirare il blocco dei social e una serie di hashtag anti-censura).

A sfruttare il grande potere dei social, per esempi, è stato proprio il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ha utilizzando FaceTime per collegarsi all’emittente privata CNN Turk (occupata dai ribelli subito dopo il collegamento) e parlare in diretta ai suoi cittadini, rassicurandoli. Il profilo ufficiale della presidenza turca, su Twitter lanciava messaggi di supporto ad Erdogan.

Un paradosso, diciamocelo: Erdogan ha comunicato proprio tramite i mezzi innovativi che in passato ha provato ad oscurare, senza mai riuscirci completamente. Nemmeno i militari che hanno provocato il golpe sono riusciti sono ad oscurare completamente i social network, nonostante i numerosi sforzi per rallentare il traffico (i golpisti hanno utilizzato Whatsapp per comunicare tra di loro).

social network

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore