skip to Main Content

Perchè Sony Music torna a produrre vinili

Etichette Discografiche

Sony Music inaugurerà, a marzo 2018, una fabbrica di vinili con sede in Giappone

 

Il digitale batte il supporto fisico. O batteva, perchè se è vero che i numeri dimostrano che già a luglio 2016 il digitale era preferito al cd, è anche vero che negli ultimi mesi il vinile fa il boom, tanto da spingere Sony Music a tornare a produrre vinili. A sorpresa, infatti, aprirà una fabbrica in Giappone nel marzo 2018. Ma andiamo per gradi.

Il digitale batte il cd

viniliIl digitale è preferito al supporto fisico, il cd: nel 2016 c’è stato il sorpasso storico in campo musicale, anche in Italia. Lo rilevano i dati elaborati da Deloitte per Fimi relativi al primo semestre del 2016: nel mercato discografico, il Bel Paese segue il trend mondiale e si affida allo streaming.

In particolare, il segmento digitale, aveva conquistato a luglio 2016 il 51% del mercato, trascinato dall’imponente crescita dei servizi musicali via web, che rappresentano il 40% del mercato totale e segnano un incremento del 51%. Il fatturato del settore era salito dell’1%, attestandosi a 66,4 milioni di euro. Guardando alla buona performance già registrata nel 2015, il 2016 è da record e fa registrare una crescita del 23% rispetto a due anni fa.

Continua la progressione dello streaming in abbonamento, che già a luglio 2016 era cresciuto del 68%, con servizi come Spotify, Apple Music, Deezer e TIMmusic. YouTube saliva del 19% e rappresentava l’11% del mercato. Secondo i dati Fimi, lo streaming aveva fatturato 26,3 milioni e ben il 20% dei consumatori accede a servizi in streaming a pagamento.

Ma il vinile fa il Boom

Ad un’importante avanzata del digitale, però, si contrappone il boom dell’audio analogico registrato dal vinile. Una sorpresa: il vecchio 33 giri segnava, a luglio 2016, incrementi a doppia cifra: +43% nel semestre a confronto con i primi sei mesi del 2015, raccogliendo quasi 3,5 milioni di euro contro i 2,4 della prima metà dello scorso anno e portando la quota di mercato dei “dischi” al 5% del totale.

Secondo i dati della Bpi, l’industria di settore inglese, in tutto il 2016, le vendite di vinili hanno raggiunto i livelli di prima del 1991. Solo in Gran Bretagna sono aumentate del 53% per un totale di 3,2 milioni di unità.

Sony Music torna a produrre vinili

A sorpresa, dopo 30 anni di stop, la Sony Music torna a produrre vinili in proprio. L’azienda ha deciso di inaugurare una fabbrica dedicata, in Giappone, nel marzo 2018. La multinazionale aveva smesso la produzione casalinga del supporto nel 1989, quando oramai a conquistare il mercato erano stati i cd.

Sony Musi ha deciso di lanciarsi nuovamente nel mercato per tenere il passo alla crescente richiesta di vinili. Qualche indizio era arrivato già a inizio anno: come scrive Billboard, nei primi mesi del 2017 la Sony Music ha installato un macchinario per tagliare i vinili nella sua filiale di Tokyo. Secondo le indiscrezioni, la prima ondata di vinili ‘fatti in casa’ dovrebbe riguardare principalmente musica giapponese.

Boom di aziende che producono vinili

Sony non è sola in questo ritorno al passato. Nel 2017, infatti, diverse nuove aziende che producono vinili sono nate negli Stati Uniti, da Detroit a Miami. Esempi di questo tipo non mancano nemmeno in Europa, qui la maggior parte delle aziende che stampano vinili per major ed etichette indipendenti sono nella Repubblica Ceca e in Olanda. Secondo i dati del Guardian, le aziende europee riescono a produrre 100mila pezzi al giorno, una cifra che non soddisfa più le richieste.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore