Advertisement
skip to Main Content

Elezioni presidenziali USA: John McAfee prende parte alla corsa

McAfee Candidatura

John McAfee, sviluppatore dell’omonimo software antivirus, prenderà parte alla corsa per le elezioni presidenziali statunitensi. Il milionario prepara un nuovo partito e lancia un sito web per il sostegno alla campagna.

John McAfee si prepara per la corsa alle presidenziali statunitensi. Il fondatore dell’omonimo software antivirus avrebbe consegnato martedì la documentazione valida per la candidatura alla Federal Election Commission, a dare il primo annuncio il giornale di approfondimento politico “The Hill”.

«Ho fondato un partito che sta per essere annunciato» ha dichiarato John McAfee. Ulteriori dettagli sulla candidatura dovrebbero arrivare nella giornata di mercoledì compreso l’annuncio ufficiale di candidatura del miliardario. Intanto all’indirizzo Mcafee16.com è online il sito di sostegno alla campagna elettorale.

In un’intervista rilasciata su Wired, McAfee ha accusato la classe dirigente americana di analfabetismo tecnologico, una condizione, per il candidato, inconcepibile visto che tutto la nostra vita ruota attorno alle scienze informatiche.

Settantenne filantropo di origini scozzesi, John McAfee si descrive nel suo profilo Twitter come un «eccentrico milionario». Il suo nome è legato alla celebre azienda di sicurezza informatica fondata nel 1987 la McAfee Associates – nel 1992 la società arriva ad essere quotata in borsa per 80 miliardi di dollari – della quale ha venduto l’ultima quota quasi vent’anni fa.

Da quel momento il milionario ha condotto una vita sopra le righe diventando celebre anche al di fuori del campo informatico. Nel 2008 accusato di omicidio si rifugia in Belize, lì inquisito per la morte del suo vicino di casa coinvolto nel narcotraffico si rifugia illegalmente in Guatemala. McAfee ha sempre negato qualsiasi coinvolgimento nell’uccisione e non è mai stato dichiarato colpevole dalle autorità Belize. Dopo un periodo in carcere per ingresso illegale in Guatemala è estradato negli Stati Uniti nel 2013. Il mese scorso un nuovo arresto in Tennessee con l’accusa di guida in stato d’ebrezza e possesso di arma da fuoco.

Mcafee presidenziali

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore