.Lifestyle / Tendenze, Lifestyle, Mondo

Unione dei radiotaxi sfida Uber

di

E’ scontro a 360° quello tra l’ Unione Radio Taxi d’Italia e Uber. Dopo le proteste e le manifestazioni viste in città come Torino e Genova, l’associazione dei tassisti italiani vuole proseguire lo scontro anche nell’universo digitale, cercando il supporto dei colleghi stranieri.

L’Unione ha siglato una partnership con IRU, Global Taxi Network, e ECab per la costruzione di un’app funzionante su 3 continenti capace di mettere in rete 160mila taxi in tutto il mondo.

« Solo in Italia sono 10mila i taxi coinvolti in oltre 40 città – dice Loreno Bittarelli, presidente di Unione Radiotaxi d’Italia, -. Con questo accordo puntiamo a fornire un servizio internazionale, molto prezioso soprattutto per i turisti ».

L’ unione dei radiotaxi aveva già lanciato un’app attiva sul territorio nazionale chiamata it Taxi attualmente disponibile su queste città: Bari, Bergamo, Bologna, Bolzano, Brescia, Catania, Cervia, Como, Ferrara, Firenze, Fiumicino, Forlì, Genova, L’Aquila, Merano, Milano, Modena, Capri, Monza, Napoli, Palermo, Parma, Perugia, Pescara, Ravenna, Riccione, Rimini, Roma, Ronchi dei Legionari, Taranto, Torino, Trento, Trieste, Udine, Teramo e in altri comuni minori.

ITTAXI

Secondo il presidente dell’Unione dei radiotaxi , It Taxi «raggiunge già più di 10mila taxi in tutta Italia ed è stata scaricata da più di 100mila persone in pochi mesi. Stiamo preparando i pagamenti con gli smartwatch e abbiamo stretto accordi con Braintree di Paypal per le transazioni con carta e in Bitcoin».

Unioni dei radiotaxi e le proteste contro Uber

L’associazione dei tassisti ha inoltre tenuto a dissociarsi dagli eccessi avvenuti durante le proteste: «Siamo convinti che i gesti ignobili e le azioni compiute non appartengano alla categoria dei tassisti, di cui facciamo parte e che siamo onorati di rappresentare. I tassisti sono persone per bene ed ancora oggi, come ieri, sono in grado di difendere il nostro lavoro e la dignità delle nostre famiglie e dei nostri figli».

Basterà un app per influenzare le scelte dei consumatori? Forse bisognerà rivedere anche qualche tariffa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati