skip to Main Content

Yahoo!, conti in rosso. Abbandona l’Italia

Yahoo! ha deciso di chiudere la sede di Milano e dire addio all’Italia, provando a risollevare le sue sorti economiche

Un 2015 da dimenticare per Yahoo!, che ha deciso visti i risultati di ridurre i costi con tagli del 15% della forza lavoro globale di 11.000 dipendenti. Snellirà l’organico chiudendo gli uffici in cinque grandi città: Milano, Madrid, Dubai, Città del Messico e Buenos Aires.

L’obiettivo risparmio di Yahoo!

Il pioniere di Internet ha un solo obiettivo: risparmiare (e crescere). Ed è per questo che taglierà 400 milioni di dollari nelle spese di gestione entro la fine dell’anno. Alla chiusura delle diverse sedi, la società affiancherà anche un piano di ‘dismissioni non strategiche’, da cui dovrebbe ‘ottenere’ oltre un miliardo di dollari. I licenziati saranno scelti in tutti gli asset della società statunitense, ma i più penalizzati sono quelli del settore ricerca e sviluppo e i produttori di codice informatico.

‘L’intento è ‘migliorare la redditività e accelerare la crescita attraverso un maggior focus’ sulle nostre potenzialità. ‘È un piano ambizioso che prevede uno spostamento nei prodotti e nelle risorse’, ha commentato i piani l’amministratore delegato Marissa Mayer.

Non sono escluse ulteriori alternative strategiche, ovvero una cessione del core business di Internet.

La crisi di Yahoo!

Un anno da dimenticare quello appena concluso per Yahoo! Che spera in un 2016 decisamente più ricco. Nel quarto trimestre del 2015 il pioniere di Internet ha subito una perdita i 4,435 miliardi di dollari a causa della svalutazione di vari asset tra cui Tumblr. I profitti per azione sono stati pari a 13 centesimi, 17centesimi in meno rispetto alla quotazione dello stesso periodo dell’anno precedente. La buona notizia è che i ricavi sono cresciuti dell’1,6% a 1,27 miliardi, leggermente sopra le previsioni degli analisti. Quelli generati dalle ricerche sul web sono stati pari a 522 milioni (+12%) centrando il consensus.

In tutto il 2015, Yahoo! Ha subito una perdita di 4,351 miliardi (nel 2014 aveva registrato utili per 7,522 miliardi). Il fatturato è salito del 7,57% a 4,968 miliardi. Le vendite da ricerche su Internet sono aumentate in 12 mesi del 16% a 2,084 miliardi.
Il titolo ha bruciato il 35% del suo valore in tutto lo scorso anno.Yahoo

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore