skip to Main Content

Perché Yahoo comprerà una fetta dell’ad-tech Taboola

Yahoo Taboola

Yahoo compra una partecipazione del 25% in Taboola, società ad-tech che fornisce pubblicità nativa. Yahoo prova a rafforzare così la sua spinta verso la pubblicità digitale

Yahoo punta a crescere nella pubblicità digitale con Taboola.

L’azienda del web statunitense acquisirà una partecipazione di quasi il 25% nella società di tecnologia pubblicitaria Taboola. Lo hanno annunciato le società in una dichiarazione congiunta lunedì.

L’accordo fa parte di una partnership pubblicitaria esclusiva di 30 anni che consente a Yahoo di utilizzare la tecnologia di Taboola per gestire la sua considerevole attività nella pubblicità nativa, annunci che hanno le caratteristiche dei tradizionali contenuti di notizie e intrattenimento. Inoltre, gli inserzionisti di Yahoo avranno la possibilità di vendere i propri annunci sui siti della rete di Taboola.

Tuttavia, l’acquisizione arriva in un momento in cui gli inserzionisti hanno ridotto i propri budget in risposta alle sfide macroeconomiche, che interessano le aziende, dagli editori di media alle grandi piattaforme tecnologiche come Google e Meta, sottolinea Reuters.

Tutti i dettagli.

L’OPERAZIONE

Le società prevedono di siglare l’accordo nel primo trimestre del 2023 ma non hanno fornito dettagli finanziari dell’operazione.

Anche Yahoo, che diventerà il maggiore azionista di Taboola, otterrà un posto nel consiglio di amministrazione della società.

LA STRATEGIA DI YAHOO CON TABOOLA

La mossa è la scommessa più audace di Yahoo sotto il suo nuovo proprietario.

Nel maggio 2021 Verizon ha annunciato la vendita di Yahoo e altri asset multimediali di Verizon Communications al gruppo statunitense di private equity Apollo Global Management per 5 miliardi di dollari. Il secondo operatore telefonico degli Usa ha mantenuto comunque una quota del 10% nella società Yahoo.

GLI OBIETTIVI

Tornando all’accordo tra Taboola e Yahoo, le due società hanno stimato che la partnership contribuirà a generare entrate annuali per 1 miliardo di dollari entro il 2025.

COSA FA TABOOLA

Taboola, fondata nel 2007, è specializzata nella pubblicità nativa, ovvero box nei siti web con le raccomandazioni di contenuti degli inserzionisti.

Negli Stati Uniti la società gestisce una vasta rete pubblicitaria su migliaia di noti siti Web, tra cui CNBC, NBC News e Insider.

Le azioni di Taboola sono diminuite di quasi l’80% nell’ultimo anno, in mezzo a una più ampia stasi nei mercati pubblici e pubblicitari, conferendogli una capitalizzazione di mercato di 455 milioni di dollari, ricorda il Nyt.

LA BATTAGLIA NELLA PUBBLICITÀ DIGITALE

Taboola e il suo rivale, Outbrain, sono impegnati in una battaglia pluriennale per firmare accordi pubblicitari esclusivi con gli editori. Una volta hanno raggiunto un accordo per fondersi, ma l’hanno annullato nel 2020 e ciascuno è diventato pubblico un anno dopo.

GLI ACCORDI IN ITALIA

Anche In Italia Taboola ha già siglato diversi accordi con vari editori di primo piano, ricordava l’anno scorso il sito Engage. In particolare, ha stretto con RCS una partnership pluriennale secondo cui RCS MediaGroup utilizza la piattaforma di discovery su tutti i suoi siti, compreso Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport.

Inoltre, ha anche un accordo con Manzoni, grazie al quale la piattaforma è utilizzata sui siti del Gruppo GEDI (fra cui Repubblica.it, La stampa.it, Deejay, MyMovies) e i siti dei quotidiani Locali GNN, anche MSN, Huffington Post, Business Insider, Caffeina Magazine, Hearst, deabyday e oltre 100 verticali.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore