Innovazione

Uber alla ricerca di un nuovo Ceo

di

Travis Kalanick uber

Niente più aspettativa per Travis Kalanick: gli azionisti lo spingono a dimettersi

Cambio di guardia in casa Uber. Niente più apsettatova per l’ex Ceo e cofondatore Travis Kalanick. L’uomo, spinto dalle pressioni di azionisti e media, lascia definitivamente il timone, dimettendosi dalla carica di chief executive officer. Dunque, la start-up americana, sarebbe alla ricerca di un nuovo comandante. Ma andiamo per gradi.

Cosa è Uber

Uber è una start up con sede a San Francisco che ha creato un’applicazione: si tratta, dunque, di un servizio digitale. Un servizio, però, che si traduce nella realtà quotidiana in passaggi a prezzi bassi, rappresentando una forma di concorrenza diretta per le compagnie di trasporto tradizionali.

Obiettivo della casa di San Francisco, infatti, è rappresentare una valida alternativa alle auto provate, ai mezzi di trasporto e ai taxi. E ci prova sfruttando il potenziale della sharing economy. Gli automobilisti sfruttano la propria stessa auto per trasformarsi in strumenti per il trasporto urbano altrui.

Nei primi mesi, Uber era un’app per richiedere auto di lusso in alcune zone metropolitane. Negli anni, l’azienda è cresciuta, si è rinnovata e ha allargato il proprio business, modificando le abitudini. Che si tratti di una corsa, di un sandwich o di un pacco, la  casa di San Francisco prova a dare alle persone quello che vogliono, quando vogliono.

“Per tutte le donne e gli uomini che guidano con Uber, l’app rappresenta una nuova e flessibile fonte di guadagno. Per quanto riguarda le città, diamo vigore alle economie locali, miglioriamo l’accesso ai trasporti e rendiamo le strade più sicure. Se i trasporti sono affidabili, tutti ne beneficiano, soprattutto quando fuori nevica!”, si legge sul sito dell’azienda.

Le dimissioni di Travis Kalanick

La notizia, anticipata dal New York Times, è stata confermata dal portavoce di Uber. Travis Kalanick non sarà più Ceo dell’azienda ch lui stesso ha fondato, ma rimarrà comunque a far parte del board.

Uber“Amo Uber più di qualsiasi cosa al mondo e in questo difficile momento della mia vita personale ho accettato la richiesta degli investitori di mettermi da parte in modo che Uber possa continuerà ad andare avanti a costruire piuttosto essere distratta da un’altra lotto”, avrebbe scritto Kalanick in comunicato, secondo quanto riportato da The New York Times.

Perchè Kalanick si è dimesso?

Da molti mesi l’azienda era finita nell’occhio del ciclone per diversi scandali.

Susan Fowler è una donna ingegnere assunta, nel 2015, da Uber. Fin dai primi giorni di lavoro (dal racconto di Susan), la ragazza ha dovuto subire pressioni e molestie sessuali dall’amministratore delegato (e cofondatore) Travis Kalanick.

Vista l’insistenza del suo capo, la neoassunta ha informato il capo del personale della situazione, che trattandosi di high performing manager’ (ovvero di un manager che fa molto bene il suo lavoro), ha preferito non intervenire.

Susan Fowler ha deciso di lasciare l’azienda di San Francisco. Ora lavora per un’altra startup, il gigante dei pagamenti Stripe.

Kalanick ha respinto le accuse e ha avviato un’indagine ad ampio raggio sulla questione. L’indagine interna, come ha scritto il The Guardian, si è conclusa in questi giorni con il licenziamento di 20 persone con l’accusa di molestie sessuali. 

All’indagine sarebbe seguita anche una lettera  di Kalanick ai manager in cui dà loro istruzioni su come relazionarsi ai dipendenti. E ancora. Il 1 marzo 2017, infatti, un dipendente ha pubblicato, su Youtube di Bloomberg, un video in cui discuteva della situazione difficile degli autisti dell’azienda proprio con il Ceo.

Il cambio di regole continuo e la riduzione dei prezzi faceva guadagnare sempre meno agli autisti. ‘Ho perso 97 mila dollari finora per colpa tua’ gli dice l’autista. Cabiate tutto ogni giorno!’. La risposta è brutale e colpevolizza l’autista della sua situazione.

E se proprio per colpa di questi scandali, la scorsa settimana Kalanick aveva annunciato di volersi prendere un periodo di aspettativa, ora date le crescenti pressioni da parte degli azionisti, viene costretto a dimettersi.

Alla ricerca di un nuovo Ceo

uberLa decisione di Kalanick fa sorgere delle domande. Quanto tempo una società di 12.000 persone che è valutata a tra 60 e 70 miliardi di dollari, potrà stare senza un Ceo? Poco, pochissimo. Kalanick ha bisogno di un sostituto il prima possibile, prima che l’azienda possa incorrere in una crisi ancora più profonda. 

Ci sono da prendere decisioni strategiche e affrontare situazioni non poco facili. Non solo la guerra contro i Taxi, ma anche la sentenza, in Europa, su cosa sia Uber e su come può (o non può) operare.

Quella che dovrebbe prendere la Corte di giustizia europea è una sentenza storica. Uber è stato citato in numerosi tribunali europei, ma, questo caso particolare, nasce da una denuncia presentata contro la società di San Francisco dalla Asociación Taxi Profesional Élite di Barcellona. In questo caso si chiede al Giudice di decidere la definizione di Uber: è un servizio di trasporto o una piattaforma digitale? Per usare le parole della citazione in tribunale, Uber è “un telefono intelligente, una piattaforma che consente alle persone di collegarsi l’una all’altra”, o è, come sostiene l’associazione di taxi, “semplicemente un servizio di trasporto”?

La Corte di Giustizia Europea è dunque chiamata a decidere sulla “natura giuridica”. Se il giudice dovesse considerare Uber “un servizio della società dell’informazione”, allora “il servizio di intermediazione elettronica dovrebbe beneficiare del principio della libera prestazione di servizio, garantita dalla normativa della Comunità europea”.

Nel 2006 l’Ue ha deciso sulla rimozione delle barriere al commercio in tutti i paesi membri dell’UE, ma l’articolo in questione esclude i servizi di trasporto. É per questo che stabilire la natura giuridica dell’esercizio sarà fondamentale per decidere sul futuro della piattaforma.

Chi sarà il nuovo Ceo?

Uber fisco taxiLe dimissioni di Kalanick aprono la corsa per un nuovo Ceo. Come racconta The New York Times, i cinque primi azionisti (Benchmark, First Round Capital, Lowercase Capital, Menlo Ventures, Fidelity Investments) hanno chiesto non solo le dimissioni del Ceo, ma anche un controllo ferrato del Consiglio di Amministrazione. 

“Nei prossimi 180 giorni ci impegneremo a nominare la nuova guida di Uber”, ha detto la società. “Sappiamo che c’è una lunga strada da percorrere, ma non ci fermeremo finché non ci arriviamo.”

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati