skip to Main Content

APPLE INTELLIGENCE

Tutti i piani di Apple con Apple Intelligence. Report Nyt

Che cosa è - e a cosa servirà - Apple Intelligence. L'approfondimento del New York Times

Il produttore di iPhone, che ha tardato ad abbracciare l’intelligenza artificiale, la inserirà nella tecnologia che gira su miliardi di dispositivi. Scrive il NYT.

Quasi due anni dopo che OpenAI ha dato il via a una corsa per aggiungere l’intelligenza artificiale generativa ai prodotti, lunedì Apple si è lanciata nella competizione, rivelando i piani per portare la tecnologia a più di un miliardo di utenti iPhone in tutto il mondo.

IL COLOSSO DI CUPERTINO HA PRESENTATO LA APPLE INTELLIGENCE

Nel corso di una presentazione di due ore dal suo futuristico campus della Silicon Valley, Apple ha dichiarato che utilizzerà l’intelligenza artificiale generativa per alimentare quella che chiama Apple Intelligence. Il sistema darà priorità ai messaggi e alle notifiche e offrirà strumenti di scrittura in grado di correggere e suggerire ciò che gli utenti hanno scritto in e-mail, note o testi. Il sistema comporterà anche un importante aggiornamento per Siri, l’assistente virtuale di Apple.

APPLE VUOLE RECUPERARE NELLA CORSA ALL’AI

Le nuove funzioni dell’intelligenza artificiale di Apple potrebbero anche contribuire a placare i timori che il produttore di iPhone sia rimasto indietro rispetto ai suoi principali rivali nell’adozione dell’intelligenza artificiale da parte dell’industria tecnologica. Il valore di altre aziende tecnologiche, come Microsoft e Nvidia, è aumentato grazie ai loro piani aggressivi in materia di AI. All’inizio di quest’anno, Microsoft ha detronizzato Apple come azienda tecnologica di maggior valore al mondo.
Nel presentare la sua nuova intelligenza artificiale, Apple ha sottolineato come intende integrare la tecnologia nei suoi prodotti tenendo conto della privacy.

ATTENZIONE AI DATI PERSONALI

L’elaborazione del computer avverrebbe su un iPhone piuttosto che in centri dati, dove le informazioni personali rischiano di essere compromesse. Per le richieste complesse che richiedono una maggiore potenza di calcolo, ha creato una rete cloud con semiconduttori Apple che, a suo dire, è più privata perché non è memorizzata o accessibile, nemmeno da Apple.

L’ACCORDO CON OPENAI

Apple ha stretto un accordo con OpenAI, il produttore di ChatGpt, per supportare alcune delle sue capacità di intelligenza artificiale. Le richieste che il suo sistema non è in grado di gestire saranno indirizzate a ChatGpt. Ad esempio, un utente potrebbe dire di avere salmone, limone e pomodori e di voler essere aiutato a preparare la cena con questi ingredienti. Gli utenti dovranno scegliere di indirizzare queste richieste a ChatGpt, assicurandosi di sapere che il chatbot, e non Apple, è responsabile se le risposte non sono soddisfacenti. Sam Altman, amministratore delegato di OpenAI, ha partecipato all’evento Apple. L’accordo di Apple con OpenAI, che ha già una stretta collaborazione con Microsoft, è un’altra indicazione del fatto che la giovane azienda di San Francisco è diventata il principale sviluppatore di tecnologia A.I. del settore tecnologico.

LE MIGLIORIE PER L’IPHONE

Apple ha anche dichiarato di voler apportare miglioramenti al sistema software dell’iPhone. In autunno, la messaggistica aggiungerà la possibilità di programmare i messaggi e di rispondere ai messaggi toccando il tasto indietro con più emoji. Apple rilascerà anche un’app Foto ridisegnata per rendere più facile sfogliare le immagini in base ad argomenti come gli animali domestici e i viaggi. Inoltre, gli utenti di iPhone potranno inviare immagini ad alta risoluzione agli smartphone Android.

I PUNTI DI FORZA DELLA MELA MORSICATA

Apple ha diversi punti di forza nella corsa all’intelligenza artificiale. Il suo team di sviluppo di semiconduttori è tra i più talentuosi del settore e da anni produce chip che alimentano complesse funzioni di A.I.. Inoltre, l’azienda si è presentata come migliore nella protezione delle informazioni personali rispetto ai suoi rivali, perché guadagna vendendo dispositivi e non con la pubblicità.

PARABOLA SIRI

Sebbene Siri esista da oltre un decennio, Apple ha lasciato che l’assistente vocale languisse. L’assistente ha deluso gli utenti perché non è in grado di riconoscere le varie richieste e la sua capacità di conversare è limitata perché è programmato per seguire ogni singolo comando.

L’intelligenza artificiale generativa potrebbe migliorare Siri perché è stata addestrata su conversazioni parlate estratte da podcast e video. Il risultato è un sistema in grado di imitare il modo in cui le persone parlano.

Apple ha dichiarato che Siri sarà in grado di ricordare il contesto di ciò che un utente ha chiesto. Ad esempio, se qualcuno chiede il meteo del Muir Woods National Monument e successivamente chiede di programmare un’escursione in quella zona, Siri saprà che l’escursione che sta programmando si trova nel Muir Woods.

Siri capirà anche un maggior numero di cose che gli utenti vogliono ottenere nelle app per iPhone. Ad esempio, gli utenti potranno chiedere di mostrare la foto di un amico e Siri troverà e visualizzerà le immagini nell’app Foto. Sarà anche in grado di eseguire compiti per le persone, come trovare un’immagine della patente di guida di un utente e compilarla in un modulo.

LE NUOVE FUNZIONALITÀ CON L’AI

Tra le altre funzionalità dell’intelligenza artificiale generativa mostrate da Apple vi sono il riassunto automatico delle registrazioni audio, la possibilità di creare filmati dalle foto scrivendo una descrizione e la pulizia delle foto rimuovendo le immagini distraenti sullo sfondo.

LE RICADUTE DELLA WWDC 2024 SULL’AZIENDA

L’evento ha rappresentato un’importante pietra miliare anche nel rapporto di Apple con gli sviluppatori. Nell’ultimo anno si sono verificate tensioni tra l’azienda e i produttori di app, in quanto Apple ha opposto resistenza alle nuove regole europee volte ad allentare la sua presa sull’App Store. Le regole impongono ad Apple di consentire alternative di pagamento di terze parti che potrebbero eludere la tassa del 30% riscossa sulle vendite di app. Ma gli sviluppatori affermano che Apple ha risposto introducendo alternative che renderebbero proibitivo un tale cambiamento.

Apple sta affrontando sfide simili negli Stati Uniti. Un giudice federale di San Jose, in California, sta valutando se l’azienda possa procedere con un piano per riscuotere il 27% delle vendite con sistemi di pagamento alternativi. Inoltre, il Dipartimento di Giustizia ha citato in giudizio Apple per le regole che impediscono ad altre aziende di offrire applicazioni di gioco in cloud-streaming, portafogli digitali e altre alternative sugli iPhone.

In questo contesto, Apple ha cercato di sottolineare i vantaggi che offre agli sviluppatori. Durante l’evento ha mostrato come i suoi strumenti di Apple Intelligence saranno disponibili per rendere le app più utili ai clienti.

 

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top